All'interno delle molteplici realtà locali in Italia è innegabile come molte band cerchino in tutti i modi di emergere. Abbiamo chi tenta un approccio sperimentale e personale come gli "In Tormentata Quiete" e chi tenta di guardare al passato, magari nel Thrash Metal. C'è chi, invece, aggiunge un pizzico di personalità alla mistura. Strizzando un po' l'occhio a quelle atmosfere strazianti alla Annihilator, i "Disboskator" ci propongono l'EP "Terror in Dreamland", un lavoro che contiene quattro tracce della durata media di quattro minuti. Cosa dire del platter?

Inanzitutto l'artwork ci mostra un enorme ragno che sovrasta un plumbeo cielo, quasi a simboleggiare un incubo imminente. Se l'artwork può essere leggermente significativo, dal punto di vista musicale la band non ci offre momenti particolarmente di spicco. Siamo, infatti, di fronte all'ennesima sufficiente band thrash metal che non si spinge molto oltre un "lavoro carino".  A differenza di molte, però, la band dei Disboskator riesce a creare un Thrash Metal a tratti molto atmosferico e dai toni quasi Progressive che ci lascia abbastanza spiazzati. Degna di nota è la titletrack che ci propone atmosfere davvero oscure e strazianti. L'impatto vocale, invece, non è abbastanza conforme all'aria che si respira: vocals poco taglienti e poco oscure per reggere il confronto con gli strumenti, nei quali si sentono eco Slayer in alcune fasi nei riff.

In sostanza l'EP è solo un banco di prova che poco dice sulla band ma che lascia presagire abbastanza bene. Se queste atmosfere verranno amplificate si potrà parlare tranquillamente di una delle più promettenti formazioni in Italia. Per ora, invece, lasciamo le cose in dubbio. 

 

Davide Kant Cantelmi

64/100