Double Experience è una band nerdy/neo-rock di Ottawa(Canada). La band è composta dal cantante e front man Ian Nichols, dal chitarrista Brock Tinsley e dal batterista Dafydd Cartwright. La loro musica presenta influenze hard rock, alternative rock, metal e rock n' roll. Qui parliamo del loro album dal titolo Unsaved Progress, album pubblicato il 6 settembre 2016. L'album è prodotto da Double Experience & Al Jacob, mixato da Kit Walters e masterizzato da Jamie King.

 

Unsaved Progress comincia con Sofine, dove troviamo una chitarra proprio graffiante e una batteria alquanto solida. Qui l'influenza alternative rock è proprio visibile. Il cantato è eccellente, qui come nelle altre canzoni. L'ispirazione hard rock di questo pezzo sembra il biglietto da visita per l'intero album. Poi arriva AAA dove ascoltiamo una chitarra strabiliante, una chitarra dall'anima profondamente hard rock. 

 

The Glimmer Shot presenta una chitarra che accompagna un cantato a tratti evanescente e a tratti abbastanza energico e sostenuto. Anche qui il cantato di Ian Nichols ci stupisce non poco e si mostra come la colonna portante di questa band. Alcun melodie di Double Experience forse sono un po' troppo ammiccanti: di certo non sono da buttare. Forse a questa band manca, qua e là, un po' di “sporco”, di “sano sporco”. Ne intravediamo un pizzico in See you soon con le sue bordate alquanto ruvide.

 

In Impasse ci sono profondità e spessore: questa canzone che sa “abbracciarci” con le sue onde sonore procaci. Forse è questa, più o meno, la direzione che dovrebbe prendere questa band. In Exposure exposure chitarra e batteria fanno di sicuro il loro dovere. Verso la fine di Exposure exposure troviamo quello che cerchiamo. E la cosa continua con Death of lucidity. Anche qui sentiamo sonorità davvero interessanti, sonorità che sembrano sfociare nel metal.

 

Weakened warrios chiude le danze con i suoi strepiti alquanto entusiasmanti. Questo album sembra “aprirsi” solo verso la fine. Meglio tardi che mai! Si apre e caccia fuori tutto quello di cui questa band è capace. 

 

Felix

68/100