Gli Ekram sono un gruppo formatosi a Madrid nel 2011, la loro proposta è un mix tra Grunge e Alternative rock/metal. Dopo la pubblicazione del loro primo EP " How to cancel your life", EP che li porterà a vivere le loro prime esperienze in tour partecipando a vari festival sia della zona sia fuori. Successivamente ad un cambio di line up, nel 2015 rilasciano il loro nuovo EP, "Last Man Standing". C'è da dire che per essere dei novellini i ragazzi riescono a tirare fuori davvero dei bei lavori, Brakeaway, traccia di apertura del disco da subito un'idea di cosa la band vuole trasmettere, parti belle tirate, brakedown spaccacollo e voce che si alterna tra urlato/scream e pulito. La batteria da davvero un notevole impatto sia con sia senza il doppio pedale.

Nel generico alcune parti vocali, specie quelle in clean richiamano quasi ai nickleback, gli effetti di chitarra invece rendono l'atmosfera molto gradevole e ben accostata alle parti più spinte. Non mancano certo canzoni più "romantiche" diciamo come "Swallow it",  pezzo molto tranquillo che si alterna a parti distorte non eccessive.

Un po fuori dallo schema generale del disco invece la traccia "Alone", che purtroppo non riesce a rapire come dovrebbe, anzi, sembra essere molto distaccato dagli altri. Ricompensa però Enemy, traccia di chiusura del disco che ritorna a picchiare duro tra parti melodiche e altre un po più rudi. il basso non copre gli altri strumenti ma non è nemmeno invisibile dando un aria molto equilibrata ai pezzi, cosa molto apprezzabile. Per essere al secondo EP non avranno sfornato un vero e proprio capolavoro dato che a tratti gli manca ancora quel tocco di personalità che li potrebbe distinguere, ma non hanno nemmeno tirato giù un brutto lavoro.

 

 

Matt Innerfrost

65/100