Christofer Johnsson ha risposto alle domande:


Dear all, we aimed really high this time: we have the honour to interview one of the famous, historical bands in the world metal scene, a band which is really difficult to define. Here you are, from Sweden (and not just from there)… Therion!

 

 

Hello guys, first of all we would like to thank you for giving us the opportunity to talk a bit with you. One of the most interesting elements when talking about you is your name: what does it mean for you?  How did you choose it?

 

 

I picked back in 1988 it because I was a huge Celtic Frost fan. But with time it became a name that suited well with how the lyrics would develop over the years to come. 

 

 

An important change occurred at a certain point in your career:  after a death metal-oriented starting, you moved on to progressive. This change, as confirmed by yourself, does not represent a “deny” of your origins, but something natural, helped by other important bands too (like Celtic Frost), which undertook a similar path. Today, how would you define your own music?

 

 

We’ve always been a mix of various styles. Even in the death metal days we had unorthodox things like keyboards and influences from out of place styles (like the Jimi Hendrix influenced riff in ”Megalomania” on our first album). Death metal was somethings new and french in the late 80’s, but with time we experimented so much that we pretty much got totally out from it. But as a part of our roots it’s always there lurking and once in a while it popped up some stuff referring to it again, like ”Typhoon” on Lemuria (2004) and ”Din” on Sitra Ahra (2010). We never turned out back to death metal, it just almost never was a natural place for it anymore. 

I guess ”Opera Metal” or ”Symphinic Metal” gives a pretty good basic description, but we always mix in a lot of other things, so I guess it’s harder to label us. Some sort of eccentric metal…

 

 

Your discography does not contain ordinary albums and all of them represent an important step in your career, but perhaps “Theli” can be considered as the turning point of your path: do you think this definition fits well that release?

 

 

Theli was our break though album and is probably the most important album in that regard. But Vovin was the album that was best selling and established the band. 

 

 

Your album “Les Fleures du Mal”, released in 2012, was strongly criticized at that time. Now that 3 years have passed, do you think this is an underestimated album?

 

 

The whole idea was to make something controversial. It split the fans pretty much 50/50 in their view on it.

Maybe 3 years hasn’t made a huge difference, but 10 years after the release I’m sure it will be a lot of the people originally disliking it that has revalued it to one extent or another. 

 

 

Always talking about Les Fleurs du Mal, what brought you to create an album which could largely “let down” your fanbase?

 

 

It’s a cover album. With no other band I’ve ever heard of, people have been speaking of a cover album as a ”let down”. With pretty much every band that ever made a cover album, their fans saw it as something inferior to their ordinary albums. No band that make a cover album would ever except it to be received the same way as a regular album and that is also never the intention. Just like a live album or a compilation it’s something different, something extra. Something you do in between regular albums (not instead of a regular album). 

There could be many different ideas or reasons behind making a cover album. Most commonly it’s because bands wants to give tribute to old heroes or just because it’s fun making it. Some bands may need it to buy them selves time writing songs for the next regular album. In my case I wanted to celebrate the 25 year anniversary of the band and was bored by all the regular options and went for something different; a cover album in french from french female pop artists of the 60’s and the 70’s. Therion was always about doing the impossible and experimenting, so I thought it would be fun to do and make it a challenge to make the songs sound like Therion and yet preserve the original as much as possible. It seems like I did the job almost too well, because tons of people never seem to understand those are cover songs and believe it’s regular Therion songs. 

With this project I also wanted to test some philosophies around marketing and decided to make an entire art project around it. It played out pretty much like expected. 

 

 

You have worked at a wider project than a normal album lately: a rock opera. Would you like to tell us something about that?

 

 

Yes, we have almost 3,5 hours of music and it’s a gigantic project that we are starting to record in September. We hope to be able to stage it in autumn 2017.

 

 

A little question: in your online store you have the albums from the “Luciferian Light Orchestra” project and a book about metal music in Italian. Why these choices?

 

 

Because LLO is my second band and most songs are left over Therion songs. 

I wrote one of the chapters in the book, so many Italian fans found it interesting. 

 

 

Let’s talk about the band again. You had some lineup changes and session-members shifts. Lately an Italian singer entered into Therion orbit: Chiara Malvestiti. A pride for our country. Is Chiara a session-member or can she be considered a properly band member?

 

 

Lori is still a member of the band for studio performance, but she was withdrawn from live performance. So Chiara got the position as a permanent live replacement. But in the Rock Opera we require many sopranos, so this time around we will have both of them in the recording. The next recording after that will be many years from now, so we will see how things looks like then. 

 

 

After this Rock Opera can we expect some new studio works by Therion?

 

 

Yes, we’re probably going to work on a regular album as the next project. It’s gonna feel like a relief to focus on something shorter next time. 

 

 

Looking at your website, we’re pleased to read you’re going to participate to Wacken Open Air and Sabaton OpenAir, both in august. Are there any other lives scheduled?

 

 

Yes, we do Agglutination Festival in Italy in August. :)

 

 

You are a very important reality in the metal scene, rather, you’re an exponent of the genre: what do you think about the international metal scene? Do you think this scene and its business can actually undertake a new growth in the future?

 

 

The business has really developed in a negative way with focus on low resolution streaming music (with very low payment for the artists) rather than physical albums. As an artist it feels sad to ”rent” your music via streams with no cover or booklet. But as an old artist I can survive it economically. But a consequence of that change is that it will be harder and harder for young bands to be full time musicians. I don’t think we really see this yet, but skip forward one generation of bands and you will likely see fewer and fewer quality bands as almost no new bands will be able to have music as a full time occupation. 


Traduzione a cura di Karen


Abbiamo puntato veramente in alto questa volta: abbiamo l’onore di intervistare una delle più famose e storiche band della scena metal mondiale, una band che è veramente difficile da definire. Ecco a voi, dalla Svezia (e non solo)..i Therion!

 

 

 Ciao ragazzi, prima di tutto volevamo ringraziarvi per averci dato l’opportunità di parlare un po’ con voi. Uno degli elementi più interessanti quando si parla di voi è il vostro nome: cosa rappresenta per voi? Come lo avete scelto?

 

 

Lo scelsi nel lontano 1988, ero un grande fan dei Celtic Frost. Ma con il tempo è diventato un nome che si è adattato perfettamente al modo in cui si sono evoluti i nostri testi negli anni successivi.

 

 

   In un certo momento della vostra carriera c’è stata una svolta importante: dopo un inizio orientato al death-metal vi siate incentrati sul progressive. Questo cambio, come hai confermato tu stesso, non rappresenta un ”rifiuto” delle vostre origini, ma un processo naturale, facilitato da altre band importanti (come i Celtic Frost), che hanno scelto strade simili. Come definiresti la vostra musica, oggi?

 

 

Siamo sempre stati un mix di vari stili. Anche nel periodo death metal abbiamo avuto elementi non ortodossi come tastiere e influenze da stili completamente differenti (come il riff in ”Megalomania” nel nostro primo album, in completo stile Jimi Hendrix). Il death metal sul finire degli anni 80 era qualcosa di nuovo, fresco, ma col tempo abbiamo sperimentato molto fino ad uscirne completamente. Però parte delle nostre radici esiste ancora, ogni tanto in qualche pezzo riaffiorano, come in ”Typhoon” dell’album Lemuria (2004) e ”Din” di Sitra Ahra (2010). Non abbiamo mai voltato le spalle al death metal, semplicemente non è quasi mai stato il posto giusto per noi. Credo che ”Opera Metal” o ”Symphonic Metal” possa dare una buona descrizione generale della nostra musica, ma inseriamo sempre altri tipi di sonorità, perciò credo sia effettivamente difficile attribuirci un genere. Una sorta di eccentric metal...

 

 

La vostra discografia non conta album ordinari e ognuno di loro rappresenta un passo importante della vostra carriera, ma forse “Theli” può essere considerato il punto di svolta nel vostro cammino: pensate che questa definizione si addica ?

 

 

Theli è stato l’album della svolta, probabilmente è il più importante in questo senso. Ma Vovin è stato l’album che ha venduto di più e che ha consolidato la band.

 

 

L’album ”Les Fleures du Mal”, rilasciato nel 2012, è stato al tempo fortemente criticato. Ora che sono passati 4 anni, credi che sia un album sottovalutato?

 

 

L’idea di fondo era creare qualcosa di controverso. Ha spaccato l'opinione dei fan. 

 

 

Sempre su Les Fleurs du Mal, cosa vi ha spinto a creare un album che sarebbe potuto essere una delusione per i vostri fan?

 

 

E’ un cover album. Per nessun'altra band che facesse un cover album ho mai sentito parlare di delusione. Nessuna band che crea un cover album si aspetta che venga apprezzato come un album ”normale”. Non era nostra intenzione creare un album deludente. E’ un lavoro extra così come un live album o una compilation, che crei tra un album e l’altro, non al loro posto.

Ci sono molti motivi per produrre un cover album. La più comune è perchè una band vuole rendere omaggio a vecchie leggende, o ancora, perchè è divertente. Alcune band hanno bisogno di tempo per comporre nuovi pezzi e nuovi testi per il prossimo lavoro. Nel mio caso volevo celebrare i 25 anni della band e non ero soddisfatto delle solite opzioni, perciò ho optato per qualcosa di diverso; un cover album in francese, con artiste pop degli anni 60 e 70. I Therion sono sempre stati per fare l’impossibile e per sperimentare, così pensai che sarebbe stata una sfida divertente creare canzoni che suonassero come quelle dei Therion e nel contempo preservare il più possibile la loro originalità. A quanto pare sono riuscito nel mio intento fin troppo bene, dato che molte persone non hanno capito che quelle erano cover e non canzoni originali dei Therion.

Con quel progetto decisi di testare alcune filosofie di marketing, perciò creai un intero progetto artistico attorno a quest’idea. Le cose andarono esattamente come mi aspettavo.

 

 

Negli ultimi tempi avete lavorado ad un progetto più ampio della norma, una Rock Opera. Vi va di dirci qualcosa a riguardo?

 

 

Si, abbiamo quasi 3,5 ore di musica ed è un progetto titanico, cominceremo le registrazioni a Settembre. Speriamo di poterlo portare sul palco nell’autunno del 2017.

 

 

Una curiosità: nel vostro store online sono presenti gli album dei ”Luciferian Light Orchestra” e un libro sulla musica metal in lingua italiana. Come mai queste scelte?

 

 

Per quanto riguarda gli album, gli LLO sono la mia seconda band e molte tracce sono pezzi scartati per i Therion. Sul libro, all’interno è presente un capitolo scritto da me e molti fan italiani lo hanno trovato interessante.

 

 

 Torniamo alla band. Ci sono stati alcuni cambi di lineup nel corso del tempo e alcuni inserimenti in base alle necessità dei vari progetti. Di recente una cantante italiana è entrata nell’orbita dei Therion: Chiara Malvestiti. Un grande orgoglio per il nostro paese. Chiara è un membro temporaneo o si può considerare parte integrante della band?

 

 

Lori è ancora un membro per quanto riguarda le performance in studio, ma si è ritirata dalla scena live. Perciò Chiara è a tutti gli effetti la sostituta a tempo pieno per i concerti. Ma in Rock Opera abbiamo bisogno di molti soprano, perciò questa volta avremo entrambe in fase di registrazione. La prossima registrazione dopo questa sarà tra molti anni, perciò vedremo il da farsi quando sarà necessario.

 

 

Dopo questa Rock Opera possiamo aspettarci un nuovo album studio dai Therion?

 

 

Si, probabilmente il prossimo progetto sarà un album regolare. Sarà un sollievo poter lavorare a qualcosa di più corto.

 

 

Dando un’occhiata al vostro sito siamo contenti di aver notato la vostra partecipazione al ”Wacken Open Air” ed al ”Sabaton Open Air”, entrambi ad Agosto. Ci sono altri eventi live in programma?

 

 

Si, saremo presenti all’Agglutination Festival in Italia, ad Agosto. :)

 

 

Siete una realtà molto importante nella scena metal, o meglio, siete un’esponente del genere: cosa ne pensate della scena metal internazionale? Pensate che questo settore possa avere una nuova crescita in futuro?

 

 

Il settore si è purtroppo sviluppato in maniera negativa, con attenzione sulla musica in streaming in bassa qualità (e con corrispettivi economici miseri per gli artisti) piuttosto che sugli album fisici. Come artista è triste ”affittare” la propria musica via web senza cover o booklet. Ma essendo nel campo da molto tempo posso sopravvivere economicamente a questo processo. Come conseguenza di questi cambiamenti, però, sarà sempre più difficile per le nuove leve essere musicisti full time. Non penso possiamo ancora immaginarlo, ma se andiamo avanti di una generazione di band è facile immaginare molte meno band di qualità e molti meno musicisti che riescono a fare della loro passione un’occupazione a tempo pieno.