Intervista a cura di Robin & Siberian


Hi to all of you, Insane Voices Labyrinth readers! It's with great satisfaction that we present to you one of the most important bands in the international symphonic/gothic scene: for you, XANDRIA!

 

First of all, thank you very, very much for this interview. The project Xandria debuts in 1994 in Bielefeld, Germany: could you explain how it was born? 

 

 

Marco: You are welcome! The idea was born in the garage of a good friend of mine back then. He just started to play drums and I just started to play guitar. We were awful, but had the ambition to start a band and play atmospherical metal music, inspired by bands like Tiamat and Therion. But actually Xandria started in 1999, when I started a new band with other musicians, and I only kept the name Xandria for it.

 

 

Xandria is a very peculiar name: why did you choose it? From what does it derive?

 

 

Marco: Is it peculiar? More than "Pantera" or "Judas Priest"? We are always wondering why we keep being asked about it in almost every single interview for 15 years now. Well. I think I had it from the ancient Egyptian city Alexandria, and I liked the association with something legendary, mythological and enigmatic. 

 

 

Female singing became a characteristic of yours during the beginning of the new millennium: why did you choose to follow this path?

 

 

Marco: In the beginning it was mostly me singing with some additions from a female vocalist, inspired by the bands in the nineties that did introduce this - like Paradise Lost, The Gathering and Therion. But as I am not such a good singer, it finally ended up in the female part completely taking over. 

 

 

Did your native Country influence your music and your way of being in some way?

 

 

Marco: Maybe in the way that the metal scene in Germany always has been big, with a lot of bands coming from here and a lot of other bands touring here. So it was nothing unusual for us to start a band in that vivid environment.

 

 

During your carreer you did appear in some charts: do you believe it is still right to refer to these charts in the metal context, with metal being a genre not always recognized everywhere and in the same way?

 

 

Marco: Charts are not very important for metal bands, that is true. But you can see that in some countries metal bands sell a lot of records, sometimes more than pop acts. Just look at Finland! In other countries, especially in Southern Europe, metal bands are not present in the charts. Seems like the scene still has a lot of potential there! 

 

 

Between 2009 and 2010 you made an audition in order to find a new singer: what did make you choose Manuela Kraller? And how did you know the current singer Diane, then? 

 

 

Marco: We chose Manuela because she had exactly the sound of voice that we have been looking for. When she left, we have been looking for someone with whom we could continue this path. Dianne was suggested by our producer Joost van den Broek and then we found out that it would be a perfect match. 

 

 

Your videoclips are always marked with very evocative settings: how do you choose the locations for your videoclips?

 

 

Marco: The people who produce the video clips are searching for locations that could meet the atmospherical ideas we have, and then we choose from what they come up with. Sometimes we also have certain places in mind, but most of the time our own ideas turn out to be too complicated or expensive... 

 

 

Gothic bands, generally, are marked  by two elements: gothic clothes and a very beautiful, beside good, female singer. According to you, how much can these elements influence a band's success? Still talking about images, the artwork for your latest full-lenght is indeed noteworthy: why did you choose a phoenix, a symbol of rebirth? Does it have a particular meaning for you? And more generally speaking: what does an artwork need in order to push people to buy your albums? 

 

 

Marco: Well, for me gothic bands are sounding like Sisters Of Mercy or Fields Of The Nephilim which is very different from what we do. Also female vocals are not an element that is gothic by nature. I think our music can best be described as symphonic metal or cinematic metal, we are very film score influenced. And we don´t think about what clothes we have to wear to be successful. We just wear what we like and create the music we like. For sure it all fits together in a way, but it comes naturally of course. Also for the artwork the only thing that is important is that we think it is matching the atmosphere of the music and the idea behind the album title. The phoenix is a metaphor for the good that is rising from a sacrifice we make, according to the lyrics of the title song.

 

 

Your latest work is the seven tracks EP "Fire and Ashes", which can be sectioned into three parts: three new tracks, a new version of two classics and two covers: one of MeatLoaf and one from Sonata Arctica. What was the reason to choose this kind of release and why did you choose those two covers?

 

 

Marco: As we knew we would be taking some time for the next full album to make it as great as we possibly can, we just kicked out this EP as a sign of life in the time between. And it also was an opportunity to do some stuff we wouldn´t do on an album, like the remakes of the old songs. "Don´t say a Word" was initially recorded for a Sonata Arctica tribute album, but we decided to put it on the EP, too, because we liked it a lot. Meat Loaf is something very unusual to do, so this alone was a reason, besides the fact that we all like his epic music. 

 

 

In november 2015 you started a contest for your fans, in order to find the best cover for "Voyage of the Fallen": how did you choose the winning videoclip?

 

 

All five of us have been listening to the contestants and we were marking our faves. The one that got the most points was the winner. 

 

 

By now, thanks to the tour, you brought your music all over the world: what was, according to you, the audience which best reacted to your performances, during your entire carreer? 

 

 

Marco: As always when this question is coming up, I can only say that there is not a certain country with the best reactions. It´s just true, metal people all over the world react in a great way and we love to play for all the audiences. 

 

 

Soon, in may 2016, you'll have a mini-tour in Russia and Belarus with Cradle of Filth: would you like to talk about it with us a little bit? How much it is importan to you to share the stage with other famous bands? 

 

 

Marco: We already planned two concerts in Russia, in the usual cities Moscow and St. Petersburg, and then we got an offer to be the guest of Cradle Of Filth at the very time we will be in Russia anyway. So this gives us the opportunity to play in other cities for the first time and hopefully some people will get to know our music that didn´t know about us before. This is always the main reason why bands do support other bands on their tours.   

 

 

Again, thank you very much for this chat with us. We would like you to leave a message for your fans and who will begin to know you better after this interview. 

 

 

Marco: Peace to you all in these dark times! May you stay happy and may your good wishes come true! 


Traduzione by Karen


Ciao a tutti, amici di Insane-voices-labirynth. Le soddisfazioni per la nostra webzine crescono, perchè abbiamo l'onore di presentarvi una delle band symphonic/gothic più importanti della scena internazionale: per voi, gli XANDRIA!

 

 

Iniziamo con un sentito grazie per questa intervista. Il progetto Xandria vede i propri primi passi, tra alti e bassi, nel lontano 1994 a Bielefeld, in Germania: potete spiegarci come è nato?

 

 

Marco: Prego! L’idea è nata nel garage di un mio buon amico tanto tempo fa. Semplicemente, ha iniziato a suonare la batteria e io ho iniziato a suonare la chitarra. Eravamo strani, ma avevamo l’ambizione di dar vita ad una band e suonare musica metal atmosferica, ispirata a band come Tiamat e Therion. Ma in pratica, l’avventura degli Xandria è iniziata nel 1999, quando ho dato alla luce una band totalmente nuova con altri musicisti e di cui ho mantenuto solo il nome Xandria. 

 

 

Xandria è un nome molto particolare: perchè lo avete scelto? Da cosa deriva?

 

 

Marco: è particolare? Più di “Pantera” o “Judas Priest”? Continuiamo a chiederci perché ce lo chiedono sempre in ogni singola intervista da quindici anni a questa parte. Bene. Penso sia derivato dall’antica città egizia di Alessandria, e mi piaceva l’associazione con qualcosa di leggendario, mitologico ed enigmatico.

 

 

Il cantato quasi completamente femminile è diventato una vostra prerogativa all'inizio del nuovo millennio: cosa vi ha fatto intraprendere questa strada?

 

 

Marco: All’inizio ero soprattutto io a cantare con qualche aggiunta da parte di qualche cantante, ispirandomi a quelle band che negli anni novanta avevano introdotto questa caratteristica – come i Pradise Lost, i The Gathering e i Therion. Ma dal momento che non sono un grande cantante, il cantato femminile ha finito per prendere il sopravvento.

 

 

Il vostro luogo d'origine ha influenzato molto la vostra musica e il vostro modo di essere?

 

 

Marco: Forse nel senso che la scena metal in Germania ha avuto sempre una certa importanza, con un sacco di band che ne provengono e che vi fanno tour. Quindi per noi iniziare con una band in un ambiente tanto vivace non è stato niente di troppo inusuale.

 

 

Nella vostra carriera avete fatto diverse apparizioni in alcune classifiche: ritenete che abbia ancora senso far riferimento a certe charts in un ambiente come quello della musica  metal che non gode è sempre riconosciuto allo stesso modo nei vari paesi?

 

 

Marco: Le classifiche non sono poi così importanti per le band metal, è vero. Ma come si può vedere, in alcuni Paesi delle metal band vendono un sacco di dischi, a volte ancor più dei protagonisti del pop. Per esempio guardate in Finlandia! In altri Paesi, soprattutto nel Sud Europa, le band metal non sono presenti in classifica. Sembra che la scena abbia ancora tanto potenziale lì!

 

 

A cavallo tra il 2009 e il 2010 avete publblicato un annuncio per trovare la nuova cantante: cosa ha fatto ricadere la scelta su Manuela Kraller? Come avete conosciuto, successivamente, l'attuale singer Dianne?

 

 

Marco: Avevamo scelto Manuela perché aveva esattamente il sound che cercavamo. Quando è andata via, abbiamo cercato qualcuno con cui potessimo proseguire quel tipo di percorso. Dianne ci è stata suggerita dal nostro producer Joost van den Broek e poi abbiamo scoperto che era la soluzione migliore.

 

 

I vostri videoclip presentano sempre ambientazioni molto suggestive: come scegliete le location?

 

 

Marco: Le persone che producono i video cercano delle locations che possano incontrare le nostre idee a livello d’atmosfera, così noi scegliamo in base a ciò che ci propongono. A volte abbiamo dei posti precisi in mente, ma il più delle volte le nostre idee si rivelano troppo complicate o dispendiose...

 

 

Il vostro genere è tra quelli tendenzialmente più legati a certi canoni di immagine, quali un abbigliamento gothic e una bella cantante, oltre che brava: lo vedete come un problema o pensate di riuscire a sfruttare questo fatto a vostro vantaggio? Rimanendo in tema di immagine, degno di nota è l'artwork del vostro ultimo full-lenght "Sacrificium", di grande impatto: come mai avete scelto la fenice, simbolo di rinascita? Ha un significato perticolare per voi? Volgendo l'attenzione più in generale: cosa deve avere per voi una copertina per invogliare a comprare un vostro cd?

 

 

Marco: beh, per me le band gothic sono qualcosa come i Sisters of Mercy o i Fields of Nephilim, qualcosa di molto diverso rispetto a quello che facciamo noi. Inoltre le cantanti non sono un elemento “gothic”. Credo che la nostra musica possa essere ben definita come symphonic metal o cinematic metal, subiamo molto l’influenza delle colonne sonore cinematografiche. E non pensiamo a che abiti indossare per avere successo. Semplicemente indossiamo quello che ci piace e creiamo la musica che ci piace. Sicuramente sono tutti elementi che collimano abbastanza bene, in un certo senso, ma viene naturale, ovvio. Anche riguardo l’artwork, l’unica cosa che importa è che ci rendiamo conto che sposi bene l’atmosfera della musica e l’idea che sta dietro il titolo dell’album. La fenice è una metafora per il bene che scaturisce da un sacrificio che offriamo, come si dice anche nel testo della title-track.

 

 

La vostra ultima fatica discografica è l'EP di 7 tracce "Fire and Ashes", che può essere suddiviso in 3 sezioni: tre inediti, due classici in una nuova versione e due cover di MeatLoaf e Sonata Arctica. Cosa vi ha spinto a creare questo tipo di release e, più im particolare, perchè avete scelto proprio quelle due cover?

 

 

Marco: Dal momento che sapevamo ci saremmo presi del tempo per il nuovo album in modo da fare il meglio possibile, abbiamo semplicemente fatto uscire questo Ep come un segno di vita da inviare nel frattempo. Ed è stata anche un’opportunità per fae cose che non avremmo fatto su un normale album, come il remake di alcuni vecchi brani. “Don’t say a Word” era stata originariamente registrata per un tribute album ai Sonata Arctica, ma abbiamo deciso di inserirlo anche nell’EP perché ci piaceva molto. I Meat Loaf sono qualcosa di davvero insolito da fare, quindi già questa era una valida motivazione per inserire il brano in questo lavoro, oltre al fatto che a noi tutti piace la loro epica musica.

 

 

A Novembre 2015 avete dato il via ad un contest tra i vostri fans, per trovare la cover più bella di "Voyage of the Fallen": come avete scelto il video vincitore?

 

 

Tutti e cinque abbiamo ascoltato i concorrenti e abbiamo appuntato i nostri preferiti. Quello che ha ottenuto più punti è risultato il vincitore.

 

 

Oramai, attraverso i tour, avete portato la vostra musica in giro per tutto il mondo: qual è stato, a vostro parere, il pubblico che ha risposto in maniera più calorosa alle vostre performance, durante tutta la vostra carriera?

 

 

Marco: Come sempre, quando questa domanda spunta fuori, posso solo dire che non c’è un Paese con le reazioni migliori. E’ vero, semplicemente i metallari in tutto il mondo reagiscono veramente bene e adoriamo suonare per tutto il pubblico.

 

 

Fra poco, a maggio 2016, avrete un mini-tour in Russia e Bielorussia insieme ai Cradle Of Filth: volete presentarcelo? Quanto ritenete importante il poter condividere il palco con altre band di lungo corso?

 

 

Marco: Abbiamo già programmato due concerti in Russia, nelle solite Mosca e San Pietroburgo, dopo abbiamo ricevuto la proposta di essere gli ospiti dei Cradle of Filth proprio durante il periodo in cui saremmo comunque in Russia. Quindi ciò ci dà l’opportunità di suonare in altre città per la prima volta e si spera che tante altre persone conoscano così la nostra musica. Questa è sempre la principale ragione per cui le band si supportano a vicenda durante i tour.

 

 

Ringraziandovi ancora per il tempo che ci avete dedicato, vi chiediamo di lasciare un messaggio ai vostri fans e a chi vorrà iniziare a conoscervi meglio dopo aver letto questa intervista.

 

 

Marco: Pace a voi in questi tempi oscuri! Siate felici e che i vostri desideri si avverino!