PER INIZIARE, SPIEGATECI COME NASCE IL NOME DELLA BAND.



Innanzitutto, a nome della band, un doveroso ringraziamento va a te Fabio per il tempo che ci dedichi e voglio augurarti buona fortuna per il lavoro che svolgi. Bene, il nome della band nasce da una mia idea quando per la prima volta nel 2001 ascoltai “Diabolical Conquest”,  disco degli INCANTATION, una delle mie Death Metal bands preferite; sono rimasto di sasso quando ascoltai “Unto Infinite Twilight/Majesty Of Infernal Damnation”, l’ultima song dell’album… Trattasi di una song molto strana, non semplicemente Death Metal; gli INCANTATION fondono Death e Doom e lo fanno nel migliore dei modi, questa song dura quasi 17 minuti, in cui possiamo trovare parti in Blast Beats ma anche momenti lenti, catacombali e soffocanti, il tutto condito da linee vocali che sembrano non essere di questo mondo…



CHE COSA VI ACCOMUNA? COSA HA SPINTO VOI MEMBRI A FORMARE QUESTO PROGETTO?



Direi che ciò che ci accomuna maggiormente è la passione che abbiamo per il genere che suoniamo, fondamentalmente questo è un progetto che nasce da una mia idea e dal fatto che avevo un po’ di tempo libero visto che le strade tra me e i PANTHEISM (la precedente Death Metal band in cui militavo) si sono divise nella primavera del 2001…



PRIMA DI FORMARE QUESTO PROGETTO AVETE AVUTO ESPERIENZE IN ALTRE BAND?



Come già detto io ero chitarrista dei PANTHEISM, gruppo che si è formato nell’autunno del 1998 e che ormai non esiste più da circa 12 anni, dopo il primo drastico cambio di line-up dei PANTHEISM che vide coinvolti 3 membri su 5, mio fratello Marco sostituì il primo cantante. Inoltre, dopo i PANTHEISM, mio fratello ha consolidato la sua esperienza di cantante nei veterani UNTORY. Per quanto riguarda C.S.Jack lui in precedenza ha militato negli OLD LEGEND e nei SIRRUSH, questi ultimi che io sappia, ancora in attività…



QUALI SONO LE VOSTRE INFLUENZE MUSICALI?



Per quanto riguarda ciò da cui i DEAD TWILIGHT prendono spunto posso dirti le mie, visto che sono il solo compositore; ovviamente trattasi di tutte le band che hanno fatto la storia del genere quindi oltre ai già citati INCANTATION direi SUFFOCATION, DEICIDE e MORBID ANGEL, ma anche band più “attuali”, NILE ed HATE ETERNAL in primis…



PER QUANTO RIGUARDA IL SONGWRITING, PARLATECI DEI TESTI DELLE VOSTRE CANZONI E CHI LI CURA IN PARTICOLAR MODO.



Posso parlarti di quello che scrivo io riguardo i testi, ne scrivo qualcuno in inglese, per ciò che concerne il  nostro Full “Endless Torment” è stato così per le songs “Eternal City” e “Dead Realm”, sono due testi molto devoti, per contenuti, allo stile di Lovecraft che adoro, così come tanti altri autori della letteratura Horror di fine 1800… Mio fratello scrive e canta i suoi testi in tedesco, latino e greco antico come si evince dai titoli degli stessi, alcuni parlano del Caos, altri dell’Apocalisse, altri di alcune parti tratti dalla Bibbia, altri ancora son del tutto personali…



COME NASCE L’ARTWORK DEI VOSTRI LAVORI? CHI LO CURA E COSA RAPPRESENTA?



L’artwork lo curo io in tutto e per tutto, anche il logo è una mia creazione, l’artwork tende a manifestare il tormento (in riferimento a quello interiore) a cui tutti noi, almeno una volta nella vita siamo soggetti. Quando ci si butta giù e non si è capaci di uscirne, quando tutto sembra insormontabile ed impossibile da superare. La cover del Full sta proprio a definir questo, una persona in penombra all’interno di un manicomio abbandonato ed in macerie, che rivive il suo tormento passato ma anche attuale… Ho voluto dare ai DEAD TWILIGHT un’immagine un po’ diversa (e spero anche originale) rispetto agli stereotipi del genere…



COME MAI LA SCELTA DI CANTARE IN QUESTA LINGUA?



Beh, anche questa idea di mio fratello di cantare in tutte queste lingue, molto inusuali visto il genere, è indubbiamente insolita se non originale…



SOLITAMENTE PROVATE IN UN LUOGO BEN PRECISO?



Noi non proviamo mai! Non abbiamo mai provato, mai avuto una line-up completa, mai avuto un batterista e non ci siamo mai esibiti dal vivo. Io compongo e arrangio tutto, poi passo spartiti e tabulati al bassista C.S. Jack (che al momento vive in Germania), una volta che tutto è pronto mio fratello compone i testi adattandoli alle metriche dei brani… Ultimamente ho realizzato un piccolissimo studio di registrazione casalingo con pochissime risorse, ma che è stato capace di farci registrare questo Full, per la registrazione delle parti vocali ci siamo affidati ai Toxic Basement Studios, uno studio di registrazioni in Brianza; mi sono occupato anche del Mixing e del Mastering, è stata la mia prima esperienza sul campo…



LA VOSTRA BAND NUTRE GIA’ DI UNA DISCOGRAFIA?



Molto poco nutrita ma sì: abbiamo all’attivo un mini CD “…A Litany For The Deads…” risalente al 2006, a suo tempo distribuito in Inghilterra dalla Valley Of Death Records; un altro mini CD intitolato “Echoes From Nothingness” del 2011, ma questa, come la chiamo io, è in tutto e per tutto una release “fantasma”, non è girata per nulla, solo un paio di recensioni all’epoca e nulla più… A quel tempo ho sciolto la band perché non mi sentivo più in grado di continuare, non avevo più la voglia di proseguire, ma nella primavera del 2014 mi sono rimesso al lavoro…



QUALI SONO LE CARATTERISTICHE MUSICALI CHE DIFFERENZIANO LE VOSTRE RELEASE?



Fondamentalmente dal punto di vista del songwriting non ci sono grosse differenze, il tipo di composizioni è sostanzialmente rimasto invariato, magari con qualche accorgimento in più ogni volta che si va avanti, ma questo è del tutto normale, con il tempo si accumula esperienza e si cresce…



IN ITALIA ESISTONO UNA MIRIADE DI REALTA’ METAL. ESPRIMETE UN VOSTRO PENSIERO SULLA SCENA MUSICALE ODIERNA NEL NOSTRO PAESE.



Per quanto mi riguarda la scena estrema, parlo di quella Death e Brutal è molto competitiva; basti pensare a bands come HOUR OF PENANCE, ANTROPOFAGUS, SEPTYCAL GORGE, ma anche band più attuali come BLOODTRUTH, HIDEOUS DIVINITY, PUTRIDITY, ADE ecc; il  tutto senza dimenticare i grandiosi NATRON… Sono davvero tantissime le band valide!



IMMAGINATE LA VOSTRA BAND FRA DIECI ANNI…



Un po’ difficile direi, posso solo dire che mi godo il presente, considerando il fatto che aver fatto uscire il primo album della band non è cosa di poco conto in considerazione del fatto che non siamo stai mai “fortunati” da questo punto di vista, alludo all’impossibilità, come detto prima, di avere una line-up completa e stabile e quindi alla conseguente impossibilità di proporre la nostra musica dal vivo… Spero tuttavia che questo Full possa portarci qualcosa di buono in tal senso!



PER OGNUNO DI VOI, C’E’ UN MOTIVO IN PARTICOLARE PER CUI AVETE SCELTO DI UTILIZZARE QUEL DETERMINATO STRUMENTO MUSICALE?



Direi di no, semplicemente suoniamo ciò che ci piace… Io mi diletto a suonare anche il basso, come C.S. Jack la chitarra, Marco invece, oltre a cantare, suona basso e batteria.



QUESTE ULTIME RIGHE PER DIRE QUELLO CHE VI PIACE E A CHI VOLETE…



Rinnovo i nostri più sinceri ringraziamenti a te Fabio, con l’augurio che I.V.L. abbia lunga vita, queste iniziative sono sempre lodevoli, perché si occupano soprattutto di quello che la gente non vede, perché troppo impegnata a seguire i cosiddetti “Mainstreams”, incuranti del fatto che ci può essere una scena Underground piena di sorprese, con tante tantissime band che propongono musica di qualità ma si sa, l’Underground non è per tutti, un caro saluto a tutti voi di Horrorscape e a tutti quelli che seguono il movimento Underground, spero possiate apprezzare il nostro album, alla prossima!

Luca/DEAD TWILIGHT