COME E QUANDO E' NATO IL VOSTRO PROGETTO MUSICALE?

 

 

Sigurd: Il progetto tantanu' nasce da una mia idea ad inizio 2015; inizialmente volevo creare una one-man band, misurandomi col genere black metal ma già avevo in mente dei testi non spiccatamente black ma più sul fantasy.

Iniziando a scrivere le prime bozze delle canzoni mi sono reso conto che un progetto one-man band mi veniva stretto...volevo un confronto con altri musicisti, anche con l'idea di ampliare la mia proposta musicale, così ho contattato due amici di vecchia data che hanno accettato subito di unirsi al mio nuovo progetto, cioè una studio band con sonorità symphonic metal.

 

 

CHI SONO E DA DOVE PROVENGONO I MEMBRI DELLA BAND?

 

 

Sigurd: Il progetto tantanu' si avvale di tre membri, tutti e tre provenienti da Palermo ma attualmente radicati in varie parti d'Italia; io risiedo in Toscana e il mio ruolo nel gruppo è quello di chitarrista/batterista e voce principale proponendo una mia interpretazione dello scream; Lilith ora in provincia di Mantova al piano/synth e alla voce clean e il fidato Mithrandir, girovago nella natia Sicilia al basso e alla voce.

 

 

PARLATECI DEL VOSTRO ULTIMO LAVORO

 

 

Sigurd: Per ora stiamo lavorando al nostro primo EP che sarà composto da quattro brani; a breve, il 6 febbraio, usciremo col nostro primo singolo "THE DAY I DIE";  l'idea è di mettere i vari brani e l'EP in rete per un ascolto gratuito. Questo primo lavoro totalmente in 'home recording' vuole essere un banco di prova per un secondo lavoro, probabilmente un Full Lenght, registrato in studio, ma ancora è troppo presto per parlarne...

 

 

PRIMA DI FORMARE QUESTO PROGETTO, ESISTONO DELLE ESPERIENZE IN ALTRE BAND?

 

 

Sigurd: Personalmente ho iniziato anni fa a Palermo come bassista in diverse formazioni locali tra cui quella che ricordo con più piacere sono gli ECLISSE una Pink Floyd Tribute Band...poi qui in Toscana ho avuto altri due gruppi con sonorità un po più spinte...ma poi diversi fattori mi hanno portato alla volontà di fare la mia musica in studio per avere la possibilità di potermi esprimere al meglio.

 

 

LE VOSTRE INFLUENZE MUSICALI?

 

 

Sigurd: Io ho portato il mio bagaglio musicale in questo progetto; principalmente mi ispiro a gruppi come Dimmu Borgir e Immortal ma inconsciamente potrei attingere suoni ed idee dai già citati Pink Floyd come dai Doors o al jazz di Chet Baker...insomma siamo aperti a varie contaminazioni.

 

Mithrandir: Debbo dire che ho avuto un rapporto conflittuale con la musica dovuto soprattutto a pregiudizi religiosi sulla 'paganità' della musica. Ho iniziato timidamente il mio percorso musicale attraverso i cantautori italiani, Baglioni, Battisti, accettabili secondo il mio parere dell'epoca. Non ero ancora pronto per altro, non riuscivo ancora a digerire la musica 'pesante'. Poi piano piano sono passato a Bon Jovi, Dire Straits, U2, per poi arrivare a Guns n' Roses, Nirvana, Iron Maiden, Metallica...adesso non ho limiti. Sento un amore profondo per l'anima unica della musica, la sento come qualcosa che non si inventa, come l'arte, si scopre, in noi e nella natura. Si percepisce e si fa propria. Rispetto tutti gli artisti che creano; un brano musicale mi puo piacere o meno ma, se creato, ho un profondo rispetto per chi, quel pezzo d'arte, lo ha percepito.

 

 

PARLATECI DEI TESTI DELLE CANZONI. CHI LI SCRIVE E DI CHE COSA TRATTANO

 

 

Sigurd: I testi sono scritti da me e da Mithrandir e per questo primo lavoro ci siamo ispirati alla letteratura Tolkeniana...Draghi, Elfi, eroi che combattono per un mondo migliore ma con le Forze Oscure sempre pronte a riemergere fanno da spunto per parlare del lato oscuro che è dentro ognuno di noi, dell' atavica paura di ciò che non conosciamo e delle debolezze che si celano anche nei cuori più impavidi.

 

 

L'ARTWORK DEI VOSTRI CD CHI LO CREA E COSA VUOLE RAPPRESENTARE?

 

 

Mithrandir: Amo particolarmente la natura, le mie artworks si ispirano al contatto profondo che sento con essa. Mi sento parte della sua ramificazione; amo la visione del mondo della gente visionaria che mi ispira parte della mia fantasia.

 

 

CANTATE IN INGLESE O IN QUALCHE ALTRA LINGUA? PERCHE' QUESTA SCELTA?

 

 

Sigurd: In questo primo EP abbiamo scelto di cantare in inglese, lingua che più si addice alla tematica fantasy ed agli arrangiamenti della band, ma non si esclude che in futuro si possa fare qualcosa in italiano.

 

 

IL LUOGO DOVE VIENE COMPOSTA LA VOSTRA MUSICA?

 

 

Sigurd: I brani vengono composti da me; tutto può partire da un riff di chitarra o da qualche idea che mi viene in mente ovunque mi trovo che prontamente viene registrata tramite cellulare e poi rielaborata a casa..per quanto riguarda gli arrangiamenti lascio carta bianca ai miei soci; poi ognuno registra le proprie parti a casa propria mediante opportuni software semi-professionali e mi viene mandato il tutto; infine io completo il missaggio dei brani.

 

 

VI SIETE ESIBITI IN PUBBLICO?

 

 

Sigurd: Il nostro progetto non contempla la fase Live per ovvie difficoltà logistiche (TOSCANA,LOMBARDIA,SICILIA), ma in futuro niente vieta al progetto Tantanu' di avere una Line-up per esibizioni dal vivo.

 

 

ESPRIMETE UN VOSTRO PENSIERO SULLA SCENA MUSICALE ODIERNA NEL NOSTRO PAESE

 

 

Sigurd: Poche parole...la scena italiana è molto viva, ci sono innumerevoli gruppi e one-man band di indubbio valore...forse la scena è poco supportata dai media e a mio parere ci vorrebbero più festival a livello nazionale ma senza i soliti nomi di grande richiamo per dare più spazio alle realtà nostrane.

 

 

AVETE DEGLI ALTRI HOBBY OLTRE LA MUSICA?

 

 

Sigurd: Pochi personalmente, oltre ad ascoltare tanta musica mi piace leggere e dedicarmi alla famiglia.

 

Mithrandir: I miei hobby sono dedicati a quello che il mio cuore percepisce della natura...fotografia, pittura, grafica, sono appassionato di astrofilia, colleziono fossili e ovviamente amo leggere.

 

 

QUAL'E' LA COSA CHE PIU' DESIDERATE PER LA VOSTRA BAND NEL FUTURO?

 

 

Sigurd: Per essere sinceri non mi aspetto niente..non ho tante velleità..voglio fare ascoltare la nostra musica e spero che sia gradita..e poi come si dice: 'il futuro è nelle nostre mani'.

 

 

QUESTE ULTIME RIGHE PER DIRE QUELLO CHE VI PIACE A CHI VOLETE...

 

 

Sigurd: Ringrazio innanzitutto voi di INSANE-VOICES-LABIRYNTH per lo spazio che ci dedicate, ringrazio Mithrandir fedele compagno di mille avventure; Ringrazio la sempre più sfuggente Lilith; e ovviamente la mia famiglia che non smette mai di darmi il suo appoggio...vorrei inoltre spendere due parole a tutti i gruppi della scena metal...non facciamoci la guerra, solo se saremo uniti supportandoci e sopportandoci a vicenda faremo si che la nostra tanto amata 'scena metal' faccia quel salto di qualità che forse gli manca.