PER INIZIARE, SPIEGATECI COME NASCE IL NOME DELLA BAND E COSA RAPPRESENTA.

 

 

Federico: Il nostro nome descrive la relazione che esiste tra l’uomo e il suo costante stato di sofferenza, la silenziosa e perpetua oscurità che alberga in ognuno di noi.

 

 

CHI SONO E DA DOVE PROVENGONO I MEMBRI DELLA BAND ?

 

 

Federico: Sono Federico, canto e scrivo i testi.

Assieme a Viktor, il vecchio batterista sono il cofondatore del gruppo.

Salvatore: Sono Salvatore il chitarrista solista della band e vivo a Mestre. Entrai nella band subito dopo la sua fondazione grazie a Federico.

Nicola: Sono Nicola, chitarrista ritmico.

Faccio parte di questo gruppo grazie soprattutto al nostro vecchio batterista, Viktor che oltre ad essere un grande musicista è anche un grandissimo amico, senza di lui probabilmente non sarei qui a fare quest'intervista.

Luca: Sono Luca e suono il basso.

Assieme a mio fratello (Nicola) siamo stati chiamati dal nostro ex batterista a suonare nella primissima formazione del gruppo.

Martina: Sono Martina, meglio conosciuta come Morty, sono la tastierista e l’ultimo arrivo nel gruppo.

Samuele: Sono Samuele e sono il batterista.

Sono entrato a far parte della band nel dicembre 2014 grazie a Salvatore.

 

 

PARLATECI DEL VOSTRO ULTIMO LAVORO.

 

 

Federico: Miasmatic Dream, il nostro primo e unico lavoro per ora.

Essendo stata la mia prima vera e propria esperienza in studio mi ha fatto crescere tantissimo come cantante e grazie specialmente al nostro super produttore Lorenzo ‘’Lollo’’ Veronese ho riscoperto la mia voce comprendendone a pieno i veri punti forti ed i punti deboli.

Salvatore: Il nostro ultimo e unico lavoro è un Ep intitolato 'Miasmatic Dream', contiene 4 tracce ed è il nostro primo lavoro assieme.

Nicola: Il nostro lavoro è soprattutto dovuto da un ottimo coinvolgimento di tutti i membri del gruppo... è stato un lavoro sofferto durato più di un anno e mezzo ma direi proprio che ne è valsa la pena, sono molto soddisfatto del risultato finale

Luca: Il nostro ep è semplicemente la realizzazione di un sogno. Il fatto che si sia avverato così presto all’età di 16 anni mi ha spiazzato un po' perché di solito le release avvengono in età leggermente più avanzata.

Martina: Non avrei mai pensato che il mio nome sarebbe finito nel booklet di un ep così presto. 

Sono fierissima di aver contribuito, nel mio piccolo, alla creazione di Miasmatic Dream, fare parte di questa band per me è l'inizio della realizzazione di un sogno.

Samuele: Miasmatic Dream, il nostro primo ed unico lavoro per ora.

E' stato qualcosa di veramente importante per la crescita della band. Per quanto mi riguarda ho appreso moltissime cose nuove e sono riuscito a creare delle partiture di batteria contenenti gran parte del mio bagaglio musicale. Tutto ciò grazie anche all'aiuto di Lollo. Inoltre ho anche capito quanto e dove devo crescere.

 

 

PRIMA DI FORMARE QUESTO PROGETTO ESISTONO ESPERIENZE IN ALTRE BAND?

 

 

Federico: Prima dei Silence ho avuto un paio di band ma nulla di serio, i soliti progetti inutili assieme alla solita gente inutile.

Salvatore: Precedentemente non ho mai avuto la possibilità si suonare in alcuna band.

Nicola: Sono stato partecipe di due progetti prima dei Silence, il primo è crollato ancora prima di cominciare invece al secondo devo molto, sono stati un'ottima band e ringrazio ancora ogni singolo componente 

Luca: No, precedentemente non ho mai suonato all’interno di un gruppo.

Martina: Prima di militare con i Silence ho suonato con altra gente esclusivamente per svago e nessuno di questi progetti è attualmente attivo.

Samuele: Sì, ho avuto diverse esperienze musicali in altre band ma che non riguardano il genere con cui suono tuttora.

 

 

QUALI SONO LE VOSTRE INFLUENZE MUSICALI? NEL CASO CI FOSSERO.

 

 

Federico: I principali artisti da cui traggo ispirazione sono Anders Friden, Bjorn ‘’Speed’’ Strid, Jamie Graham, Phil Bozeman  e ultimo ma non meno importante Howard Jones.

Salvatore: Le mie principali influenze musicali provengono sostanzialmente da Betraying The Martyrs, Trivium, Carnifex e Whitechapel.

Nicola: Le mie influenze principali sono Bleed From Within, Killswitch Engage, Iron Maiden, Metallica e Slipknot.

Luca: Slipknot, Trivium, Iron Maiden, Motionless In White.

Martina: Vengo influenzata da tutta la musica che ascolto, ci sono miriadi di band e artisti che potrei citare, ma in particolare in questo periodo credo che quelli di maggiore importanza siano Steven Wilson, La Dispute, Thee Silver Mt. Zion Memorial Orchestra, Being As An Ocean, The World Is A Beautiful Place And I'm No Longer Afraid To Die, Stockhausen e Pain Of Salvation

Samuele: Le mie influenze principali per quanto riguardano il metal sono: Dirk Verbeuren (Soilwork), Ben Harclerode (Whitechapel) Antoin Salin e Mark Mironov (Betraying the Martyrs) e ultimamente sto apprendendo nuove tecniche da batteristi black-death.

 

 

PER QUANTO RIGUARDA IL SONGWRITING, PARLATECI DEI TESTI DELLE VOSTRE CANZONI NELLO SPECIFICO E CHI LI CURA IN PARTICOLAR MODO.

 

 

Federico: I testi li scrivo e li curo io.

In questo disco ho principalmente trattato il perpetuo scontro interiore che ogni persona ha fra il suo lato ‘’chiaro’’ e il suo lato ‘’oscuro’’ e tutta la sofferenza, la rabbia e la rassegnazione provocata da esso giorno dopo giorno fino al suo inevitabile annullamento.

 

 

COME NASCE L’ARTWORK DEI VOSTRI LAVORI? CHI LO CREA E COSA RAPPRESENTA?

 

 

Federico: L’artwork di Miasmatic Dream proviene dalla mente di quel genio di Erick Vaghi.

L’idea di rappresentare un uomo che viene illuminato dal faro mentre sprofonda nel mare in tempesta sta a rappresentare il momento in cui esso scopre che il suo scontro interiore lo sta lentamente portando alla sua fine ma che ormai è troppo tardi per giungere alla salvezza.

 

 

CANTATE IN INGLESE O IN QUALCHE ALTRA LINGUA? COME MAI QUESTA SCELTA?

 

 

Federico: Abbiamo scelto di scrivere in inglese per poterci approcciare anche ad un pubblico fuori dall’Italia, cosa che altrimenti sarebbe molto più difficile.

 

 

DOVE VIENE COMPOSTA LA VOSTRA MUSICA?

 

 

Salvatore: Sostanzialmente nella mia camera da letto perché di solito lo scheletro del pezzo lo scrivo io e una volta ultimata la prima bozza assieme a Nicola, Martina, Luca, Federico e Samuele ne discutiamo assieme apportando  le varie modifiche e cambiamenti e successivamente, quando il pezzo è pronto, Federico scrive le linee vocali e il testo.

 

 

PARLANDO DELLE ESPERIENZE DAL VIVO, VI SIETE ESIBITI IN QUALCHE LUOGO SINO AD ORA? SPIEGATECI DOVE E COME E’ STATO IL VOSTRO APPROCCIO CON IL PUBBLICO. 

 

 

Federico: Attualmente (10 Novembre 2015) abbiamo avuto una sola vera e propria esperienza dal vivo ed è stata quest’ultimo 20 aprile assieme ai nostri amici From The Shores e Awakening Sun (dalla Lituania) a Montebelluna (Tv).

L’esperienza in se è stata incredibile e la reazione del pubblico è stata bellissima c’ha dato una spinta incredibile.

 

 

QUALI SONO LE VOSTRE RELEASE SINO AD OGGI?

 

 

Federico: Poco meno di un mese fa è uscito il nostro primo ep intitolato ‘’Miasmatic Dream’’ attualmente ascoltabile in tutti i siti di streaming musicali (Spotify, Youtube etc...) e scaricabile in libera donazione dalla nostra pagina di Bandcamp.

 

 

IN ITALIA ESISTONO UNA MIRIADE DI REALTA’ METAL. ESPRIMETE UN VOSTRO PENSIERO SULLA SCENA MUSICALE ODIERNA NEL NOSTRO PAESE.

 

 

Federico: Personalmente non mi considero il solito elemento che boccia tutte le release nostrane a priori con la solita frase’’La scena italiana  fa schifo ‘’anzi ascolto praticamente tutte le uscite e molte di le considero molto valide.

Ciò però non implica che sia tutto rose e fiori. Anzi ci sono molte problematiche al interno di essa, personalmente considero tutto l’inutile dramma che si crea fra alcuni gruppi, ridicolo (secondo me spesso nasconde una ricerca di attenzioni che non hanno ottenuto con la propria musica).

Questa cosa non solo la ritengo inappropriata ma anche deleteria per tutti perché oltre alla figura dei bambinetti fatta dai gruppi in causa fa anche passare il resto della scena come il medesimo casting della medesima merdosissima telenovela: Siamo musicisti, non attori di soap opera.  

Salvatore: Ritengo che la scena musicale Italiana sia pienissima di band molto valide, ma che purtroppo non sempre ci sia coesione tra di loro e questo crea spesso dei contrasti. Secondo me un po' di sana competizione tra band ci sta, ma sempre nei limiti del rispetto degli altri!

Nicola: Riguardo la scena italiana purtroppo sono molto scettico.

Al di la della scarsa popolarità del genere data dalla nostra cultura non c'è sostegno tra le band locali; bisogna sostenersi a vicenda, solo così riusciremo a far valere questo genere musicale che, a parer mio, è uno dei più completi in assoluto.

Luca: La chiave per una scena degna di nota è la collaborazione tra le band locali, vi sarà così una maggiore considerazione a livello internazionale.

Martina: Ci sono realtà molto belle e unite, purtroppo spesso e volentieri ci sono conflitti fra generi che potrebbero essere più che evitabili.

Samuele: Non ho un pensiero preciso per quanto riguarda la scena metal italiana ma anche per qualsiasi altra scena musicale. Penso solo che sia bello che così tante persone esprimono le proprie emozioni attraverso la musica a cui gli sta più a cuore (si spera).

 

 

LA PASSIONE PER SUONARE UN DETERMINATO STRUMENTO E’ NATA DA UN MOTIVO IN PARTICOLARE?

 

 

Federico: La mia passione per il canto è nata ormai 5 anni fa quando dopo aver visto il live di ‘’Rose of Sharyn’’ dei killswitch engage al wackenmi mi sono detto: ‘’ok è questo quello che voglio fare’’.

Salvatore: La passione per la chitarra nasce in me 8 anni fa quando una mattina, subito dopo essermi alzato e aver sintonizzato la televisione su Rock Tv, ascoltai Throes of Perdition dei Trivium. Quella Canzone mi fece amare il metal e mi fece desiderare di suonare la chitarra. Iniziai però realmente a suonare solo 5 anni fa.

Nicola: Allora, sin da piccolo ho nutrito una particolare passione per la musica, in particolare per la chitarra; sentire e vedere chitarristi fare assoli per me era qualcosa di fantastico. Il suono che produce questo strumento riesce sempre a trasmettermi tantissime emozioni e non smetterà mai di farlo!

Luca: Per il gusto di mettersi in gioco, ho sempre amato la musica.

Martina: Ho iniziato a suonare il piano per gioco, ero piccola e non ero ancora così interessata alla musica. A casa di mio nonno c'è un vecchio pianoforte, trascorrevo i pomeriggi a provare a strimpellarci qualcosa, con il passare del tempo ho scoperto il mio amore per Chopin e poi insomma, si sa che dalla musica romantica al deathcore il passo è breve.

Samuele: Suono diversi strumenti, mi sono appassionato alla batteria guardando mio prozio suonare con il suo gruppo (Le Orme).

 

 

POTENDO SCEGLIERE DI FAR PARTE DI UNA BAND FAMOSA, PER OGNUNO DI VOI, QUALE SAREBBE? 

 

 

Federico: Se dovessi sceglierne una considerando le mia capacità attuali direi In Flames o Whitechapel altrimenti Killswitch Engage o Soilwork.

Salvatore: Betraying The Martyrs poiché li ritengo dei musicisti molto competenti oltre che persone stupende; inoltre apprezzo le loro scelte musicali e il loro stile. In particolare il canto melodico e le parti di tastiera di Victor Guillet e la genialità del riffing di chitarra, molto melodico, pieno di groove ma anche aggressivo.

Nicola: Se potessi suonerei con i Bleed From Within.

Luca: Motionless In White

Martina: The Soronprfbs, anche se non esistono veramente. Il loro modo di vivere la musica si avvicina molto al mio.

Samuele: Senza ombra di dubbio suonerei con i Tool.

 

 

QUESTE ULTIME RIGHE PER DIRE QUELLO CHE VI PIACE E A CHI VOLETE…

 

 

Noi, The Silence Between Us, vogliamo ringraziare di cuore Fabio di Insane - Voices - Labirynth per lo spazio donatoci e ringraziamo chiunque sarà così folle ad interessarsi a noi e alla nostra musica e chi già tuttora ci segue, non c’è altro da dire se non ringraziarvi di nuovo, ci vediamo nel pit !

Federico, Salvatore, Nicola, Luca, Martina, Samuele.

 

Per seguire la band:

https://thesilencebetweenus.bandcamp.com/

https://www.facebook.com/tsbuband/?__mref=message_bubble