Grandissima serata ieri sera al Bocciodromo di Vicenza! Sono andata al locale insieme ad alcuni amici, siamo arrivati alle ore 20 e già c’erano quasi un centinaio di persone. Facciamo il biglietto, entriamo nella sala del locale dedicata ai concerti e aspettiamo l’inizio. In apertura, i "Despite Exile". Da brava scema, quale sono, non mi è neanche passato per la mente di dare un ascolto anche alle band spalla, cosa di cui mi sono pentita appena hanno cominciato. Un metalcore carico, dove il doppio pedale e il basso causano un terremoto, i breakdown mettono in ginocchio tutti e il potente growl del cantante fa tremare le viscere. Una band giovanissima di ragazzi udinesi, i quali hanno da poco rilasciato l’EP "Disperse" che mi sono premurata di comprare finita l’eccezionale performance. Una performance segnata anche da una presenza scenica non indifferente.

I secondi dovevano essere gli "A Night in Texas", band extreme metal australiana, i quali non si sono potuti esibire a causa del vocalist ammalato.

Così, alle 22 circa, sono scesi gli alieni. Letteralmente, c’erano alieni gonfiabili che giravano per la sala. I "Rings of Saturn" partono col botto, aliencore che ti porta su un’altra dimensione e arrivi a fine esibizione che ti chiedi che diavolo hai appena ascoltato. Chitarristi che suonano su una otto corde con la stessa tranquillità che ci metto io quando mi faccio il caffè alla mattina, un batterista che, riporto commento dal pubblico “Non è umano, è una piovra” e un cantante che usa prevalentemente il pig squealing, uccidendo chiunque nel raggio di 50 metri, alternandolo a un suono più gutturale e intrattenendo brillantemente il pubblico. Il commento più bello, lo riporto qui, è stato “Questi non li prende neanche l’autovelox”. Inoltre, il frontman che usa un minions come ventriloquo è stata una scena meravigliosa (potete trovare il video nell’evento su facebook). 

Pogo violento, birra a fiumi, alieni volanti, crowd surfing e americani molesti che si sono messi urlare al centro della sala. Questa è stata la serata al Bocciodromo. Peccato non essere rimasta per gli "Aversions Crown", con i quali deve essersi raggiunto l’apice della serata.

Band che meritano assolutamente di essere viste live, serata da ricordare!

 

IRENE EVA