Parliamo dei Radogor. E' una band formatosi nel 2011 con all'attivo 2 ep e 3 full lenght, fondato dall'omonimo musicista che fa dei Radogor la sua one-man-band. In questo album uscito nel 2012 sotto la  buona label Satanth Record, il nostro russo propone un black metal con forti influenze ambient, a tratti con richiami epic e fantasy, il tutto condito da una persistente sessione di synths che accompagna l'intero album titolato "Enlightment": (traduzione dal nome cirillico).

Ma passiamo subito all'analisi della musica arrangiata all'interno di questo album. Dopo un intro di tastiere e campionamenti, tutto sommato abbastanza piacevole, ci inoltriamo nel sound dei Radogor: spicca all'evidenza il già citato synth che cambia frequenza da brano a brano: una volta è un pad, un brass, a volte un e-piano oppure un bells synth. Si denota che, a livello di missaggio, questo synth viaggia su decibel più alti rispetto agli altri singoli canali, lasciando il lavoro di chitarra, drum e basso (e voce) in secondo piano. Sicuramente un'esecuzione voluta dall'artista, ma il suono generale perde di qualità non poco, rendendo l'ascolto a tratti noioso, in certi punti sembra quasi come se ascoltassimo un disco ambient di Burzum messo inavvertitamente nel lettore (senza nulla togliere al Conte ovviamente). Mi spiego, se si vuole fare un disco ambient con queste sonorità ben venga! ma, secondo la mia opinione, non era il caso introdurre elementi black metal che ne danneggino la struttura. Se Radogor aveva intenzione di fare un disco di black ambient atmosferico, ha fallito nell'impresa... il motivo? uno: che arriva un po' tardi con questo trend musicale, e due: ci vorrebbe molto di più che un bel motivo di tastiera sopra dei power accord ed un accenno di atmosfera medioevale per fare un disco degno di nota.

Intendiamoci, va bene suonare come i Summoning e cercare di raggiungere i loro livelli con passaggi e fraseggi onirici, un altro conto è rimanere fulminati nell'impresa, semplicemente perchè si tenta di suonare le stesse cose che il suddetto gruppo austriaco fa da 20 anni a questa parte!

Niente da fare, a me piacciono i Summoning, ma non basta copiarli per ottenere un prodotto che competi. Quello che non voglio però è sconsigliarli ai fan sfegatati di Summoning e Caladan Brood, che magari possono trovare qualcosa di buono in questo "Enlightment".

 

Osten

55/100