CAN YOU EXPLAIN HOW DID THE BAND NAME BORN AND WHAT DOES IT MEAN?

 

 

We brainstormed for weeks coming up with names, probably over 100! I wish I would’ve kept the list we had because there are many cool ones on there and some could have easily been used for song titles. I was watching something on the news one night about the Suez Canal, and I said ‘Suez’ out loud a few times, you know, until the word stops sounding like a real word like Swez, and Sue-Ez, and then started saying Sues, then Suez idol (as in Suicidal). I thought “wait a minute!” grabbed a pen and wrote Sue’s Idol and immediately called Dan and said it to him. He loved it and we just took it from there.

 

 

WHO ARE THE BAND MEMBERS AND WHERE ARE THEY FROM? IF YOU ARE A ONE-MAN BAND, CAN YOU PLEASE EXPLAIN THIS CHOICE?

 

 

I’m Shane Wacaster and I play drums and sing all of the vocals. Dan Dombovy plays rhythm, lead and acoustic guitar and writes 99% of the music. He and I live in Las Vegas and recorded Hypocrites by ourselves, strictly because we could find no one else to play. We called so many people and even had three or four come over for recording sessions, but no one could commit to more than an hour or so every weekend. You’re never going to be able to record an album that way. So Dan and I did it ourselves, even though it limited us in the realm of keyboards and bass. Dan played the bass but he’s a guitar player; there’s a big difference between a bass player and a guitarist, even though he did a great job on both. For Senses, we enlisted Steve Habeck on bass and found Mitch DeMatoff for keyboards who’s actually a jazz guy, but his input was something we could never accomplish on our own. Dan and I can write on piano but we’re not fluent enough to actually play the instrument as it’s meant to be played. We’ve known Toby Knapp since we were all teenagers, and I’m very grateful that he assisted us on Senses with his solos.  

 

 

TELL US PLEASE SOMETHING ABOUT YOUR LAST JOB.

 

 

Ha ha, we’ve all done numerous jobs, as almost any musician will tell you. We’ve been dishwashers, cooks, construction laborers, landscapers, roofers, salesmen, you name it. You do what you have to do, though. I’ve even played other people’s music in cover bands for a full-time job. Honestly, that’s the worst job of all. There’s nothing worse than trying to make it in the music industry by playing other people’s songs to make ends meet. There’s a sick irony to that.

 

 

DO YOU HAVE PREVIOUS EXPERIENCES BEFORE YOU FORMED THE BAND?

 

 

We all played in different bands growing up. I played in seven as a matter of fact. Dan, Toby and I played in a couple of bands together, and Dan actually managed Toby’s band Onward when they were on Century Media for the Evermoving and Reawaken albums. I played drums in a band called Pandemonium for about three years. They were on Metal Blade and taught me an enormous amount about the business. We recorded what should have been the fourth album but the whole grunge thing slammed the door on that.

 

 

WHAT ARE YOUR MUSICAL INFLUENCES?

 

 

Dan and I share a lot of the same influences because we grew up together and attended a lot of the same concerts together. We hung out all the time and so we were always listening to the same music. We are influenced basically by things we think are cool that we can actually play. Bands like Accept, Metal Church, you know, stuff that’s heavy but not technically out-of-reach. While I admire a band like Behemoth or Vader for example, I couldn’t play their stuff if my life depended on it. We grew up of course with the great Megadeth and Metallica years, also Maiden/Priest/Sabbath, but also lesser known bands such as Omen and early Queensryche. Toby was always a bit more extreme and into underground black metal and shred type stuff. 

 

 

REGARDING THE SONGWRITING, TELL US PLEASE SOMETHING ABOUT THE TEXTS. WHO TAKE CARE ABOUT THE LYRICS?

 

 

I write all of the lyrics. As a kid I always existed in an imaginary band and I would write lyrics that were basically poems. I still have them and they’re horrible! When we did Hypocrites I wrote the lyrics, but they still sounded poem-like and Dan would call me up and ask “What are you saying during the first verse of such and such song?” and I would tell him and he would disagree and basically the problem would boil down to too many words. Music has a meter, and the words need to fit within that meter. After a while I came to realize that writing poetry and writing song lyrics are distinctly different mediums. Even now I write what pops in my head and then fit it to a song by removing words. It’s funny how one-syllable words become two or three-syllable words once you start singing! 

 

 

HOW IS BORN THE ARTWORK? WHO CREATED IT AND WHAT IS IT ABOUT?

 

 

Irene Langholm did the cover for Hypocrites. We sent her the photograph of the boy walking up the street with the revolver in his hand and told her we wanted him walking towards a government seat of power in an apocalyptic setting. She did it all digitally and the first proofs were in color. They looked great but we wanted it darker, so we chose the black and white version. I think it turned out really well. The boy is actually Dan’s nephew’s son, and the picture is tattooed on his arm. Dan’s nephew sent him the actual photograph to use for the album, so his kid’s got a cool story, huh? J.P Fournier created the artwork for Senses and did an incredible job. We corresponded a bit, discussing the feel of the album and I told him what themes we were interested in. He’s an occult/conspiracy guy as well and had no trouble at all putting the ideas to canvas. There’s so much symbolism on the cover and I especially love the relationship between the power figure in the chair with the statue and alien. He thinks he’s in control but behind him is the statue of Baphomet, alerting the viewer that the ‘unknown’ is always in charge. Additionally, the power figure believes he holds dominance over the ‘weaker’ female figure who is there to ‘entertain’ him, but he has no idea that she’s a shape-shifter from another world and she’s about to hold a much stronger power over him!

 

 

DO YOU SING IN ENGLISH OR IN ANY OTHER LANGUAGE? WHY THIS CHOICE?

 

 

English is it, I’m afraid. I wish I could speak every language. I think there is a certain beauty to translating languages too, for instance Italian or Spanish to English. Even though English has 500,000 words, other languages with fewer words seem to have more power. For instance, read ‘The Kite Runner’ or ‘A Thousand Splendid Suns’ by Khaled Hosseini or anything by Arturo Perez-Reverte and notice how the translations flow better in English. If the writer was writing strictly in English it wouldn’t have the same effect. I do love the song ‘Fur Immer’ by Warlock, even though I have no idea what she’s saying, ha! It just sounds cool.

 

 

WHERE DO YOU CREATE YOUR MUSIC?

 

 

Whenever and wherever it shows up. I’ve had the coolest ideas at the worst times, when I’m driving or in the shower when I can’t grab a pen and write. I keep my iPad handy for this reason. When a melody comes to me I hit ‘record’ and sing it, even if I have no words, I’ll just do the da da da da thing so that I can go back later and see if it works for anything. Those moments are like dreams…if you don’t write them down immediately they fade, then disappear. There’s a cool app for iPad called Virtuoso that I use when I need a piano to help with melodies. I’m always playing drums on desks, my legs, etc. The opening song on our next album has a couple of patterns I always play when I’m sitting around. It transfers to the kit nicely. Dan does the same thing with guitar…he’ll come up with a riff and any guitarist will tell you that a simple riff is all it takes to get a song going. So Dan has a roster of short riffs that he tweaks from time to time, waiting for them to speak.

 

 

CAN YOU TELL SOMETHING ABOUT YOUR LIVE EXPERIENCE? DID YOU PERFORM SOMEWHERE SO FAR? HOW IS YOUR APPROACH WITH THE PUBLIC?

 

 

Playing live can be an out-of-body experience or it can be a nightmare. It all depends on the venue, the PA equipment, monitors, and really whether or not you’re ‘feeling’ it during the show. In today’s music scene, playing original material for a living is one of the worst career decisions a person can make, that’s why we don’t do it anymore, ha! I have much respect for the bands that keep fighting to be seen and heard because it’s very tough. Everyone dreams of playing to 20,000 seat arenas night after night as headliners but if you compare how many bands actually do that to the number of bands trying to get there, it’s staggering. For us, we’d rather release albums. Of course that limits our exposure, but we’d rather have a catalog of albums than grind it out on the road trying to make a few bucks. To do that you have to be in the studio, not on the road.

 

 

CAN YOU PLEASE GIVE US ANY INFORMATION ABOUT YOUR RELEASES?

 

 

Our first album was released in July of 2014, called Hypocrites and Mad Prophets. It’s heavy, but not as heavy as we knew we were going to get; in fact, we’re still not as heavy as we’re going to get…wait until you hear our third release! We were still new to the recording process, so simple things took longer to do but we learn quickly and keep a list of lessons learned. The biggest problem was recording everything between the two of us, Dan and myself. I know other bands do the same thing, like Vader for example, I think it’s just two guys that did Necropolis, but to me it’s better when there are more musicians involved because it takes a lot of pressure off. That why our second album (Six Sick Senses) has five musicians on it. But, the five of us were never in the same room together, ha! Two were in Las Vegas, two were in Wyoming, and I was in the UK. Senses was much easier to write but a bit trickier to record, since everything was sent via email. Interestingly, the title track Six Sick Senses, DMO and Kill or Be Killed were all written during the Hypocrites sessions, but we felt they were too heavy for Hypocrites. It’s important to keep all of your songs in the same vein.

 

 

IF YOU HAVE PREVIOUS PUBLICATIONS, WHAT ARE THE CHARACTERISTICS THAT DIFFERENTIATE THEM FROM EACH OTHER?

 

 

Well, like I was saying, production-wise Senses is much better than Hypocrites, although song-wise they’re equally good in my opinion. To me, if a song is good, then the production doesn’t matter. Some of my favorite songs were produced horribly. There’s a song called ‘Master of Disguise’ by Savage Grace that is so full of raw energy, and has a classic metal scream after the lead, but the sound is terrible and I don’t even care because the song is so good. Hell, for that matter look at anything Motorhead ever put out. Obviously the fans love the songs and they’re great songs, but Motorhead was never produced well. But, I’m talking about compared to today’s technology, and a lot of producers will become defensive, even elusive when you mention reamping and drum replacement software because it’s seen as cheating. I don’t see it as cheating any more than applying EQ is cheating. I’m just now exploring it and I’m very excited to try blending the drums with an enhanced sound to make them fuller. So Senses was produced a bit better strictly based on lessons learned, but everything is strictly what the mics picked up in the old school way.

 

 

IN ITALY THERE ARE MANY METAL BANDS. GIVE YOUR OPINION ON MUSIC SCENE TODAY IN OUR COUNTRY.

 

 

It’s interesting because Italy has a pedigree for classical shredders such as Paganini and Vivaldi and if I were from Italy I would definitely embrace that. Stradivari, Guarneri AND Amati, are you kidding? I would be very proud to hail from Italy as a musician. There is a band called Shining Blade that I’m a huge fan of but I can’t find their CD anywhere. I love their use of melody and the way their songs evolve from the verse to the chorus…it’s weird because you don’t see it coming. White Skull is another interesting band, and I had a Rhapsody phase there for a while when symphonic metal was new. I can tell though that the scene in Italy can’t be much different that the scene everywhere else: tons and tons of bands getting no looks from record companies. Coupled with today’s generation wanting free downloads and showing little interest in CDs, I don’t know what’s going to happen. What’s the next music medium going to be? With everything posted to youtube the second it comes out, I don’t see a future where bands make any money at all, so hopefully they truly love what they do. That’s where Sue’s Idol is. We will continue to press CDs as long as there are fans that want them.

 

 

WHAT’S THE REASON YOU DECIDED TO PLAY A SPECIFIC INSTRUMENT?

 

 

I taught myself how to play drums but I already knew how to play. I know that sounds weird, but I had a beat up Rogers/Apollo hybrid when I was a kid and could keep beats on it but I didn’t know how to play it because I had never watched anyone play the drums before. I saw my first concert (Motley Crue in 1985) and stood there transfixed, watching Tommy Lee. I kept saying to myself “so that’s how you do it”, mentally matching drum fills I had heard a million times to watching them physically performed. Ever since then I’ve always seen a little stick-figure drummer in my head as I play. It’s as if I’m in the catwalk looking down on the drums and I’ll see the drummer perform a fill a split second before I perform the same fill. I always thought I was crazy until I was speaking with Eric from Pandemonium one day and he mentioned a similar situation when he plays bass. It was such a relief to find out other people experience the same thing, ha! 

 

 

IF YOU SHOULD CHOOSE TO BE PART OF A FAMOUS BAND, FOR EACH OF YOU, WHAT WOULD IT BE?

 

 

For me it changes constantly because there are so many good bands out there. Imagine singing for Black Sabbath or drumming for Helloween…or vice versa! I would take either of those jobs in a heartbeat.

 

 

YOU CAN END THE INTERVIEW AS YOU LIKE...

 

 

Thanks for the great questions! Look for our third album in July of 2017. Mr. Fournier is doing the artwork again so it promises to be another classic. Cheers!


Traduzione a cura di Valeria Campagnale


Ci può dire da dove deriva il nome della band e cosa significa?

 

 

Abbiamo buttato giù per settimane varie idee, probabilmente più di 100! Una notte stavo guardando notizie sul Canale di Suez, e ho detto 'Suez' ad alta voce un paio di volte, si sa, fino a quando la parola si ferma e suona come una parola reale come Swez, e Sue-Ez, e poi ha iniziato dicendo Sues, poi Suez idolo. Ho pensato "Aspetta un attimo!" Afferrata una penna ho scritto Sue’s idol e subito ho chiamato Dan e piaceva anche a lui e così è nato il nome. 

 

 

Chi sono i membri della band e da dove provengono?

 

 

Io Sono Shane Wacaster e suono la batteria e canto tutte le parti vocali. Dan Dombovy suona la chitarra e scrive il 99% della musica. Lui ed io viviamo a Las Vegas e registrato Hypocrites da soli, perché non siamo riusciti a trovare nessun altro con cui suonare. Abbiamo chiamato tante persone e avuto anche tre o quattro persone per le sessioni di registrazione, ma nessuno poteva impegnarsi per più di un'ora o giù di lì ogni fine settimana. Non puoi registrare un disco in questo modo, così abbiamo fatto da soli, anche se ci ha limitato nelle tastiere e il basso. Dan suonava il basso, ma è un suonatore di chitarra; c'è una grande differenza tra un bassista e un chitarrista, anche se ha fatto un ottimo lavoro su entrambi. Per Senses, abbiamo arruolato Steve Habeck al basso e Mitch DeMatoff per le tastiere che in realtà è un jazzista, ma la sua voce è stata qualcosa che non avremmo mai potuto perdere. Dan ed io in grado scrivere musica al pianoforte, ma non siamo abbastanza fluenti per suonarlo. Conosciamo Toby Knapp da quando eravamo adolescenti, e sono molto grato che Toby ci abbia aiutato con i suoi assoli.

 

 

Ci racconti qualcosa del vostro ultimo lavoro?

 

 

Ah ah, tutti noi abbiamo fatto numerosi lavori, come qualsiasi musicista vi potrà dire. Siamo stati lavapiatti, cuochi, muratori, venditori. Fai quello che devi fare, però. Ho anche suonato la musica di altre persone in cover band per un lavoro a tempo pieno. Onestamente, questo è il lavoro peggiore di tutti. Non c'è niente di peggio che cercare di farlo nel settore della musica suonando le canzoni di altre persone per far quadrare i conti. C'è un'ironia malata in tutto questo.

 

 

Avete esperienze precedenti prima di aver formato questa band?

 

 

Abbiamo suonato tutti in diverse band crescendo. Io ho suonato in sette gruppi. Dan, Toby ed io abbiamo suonato in un paio di band insieme, e Dan in realtà gestite band di Toby Onward quando erano su Century Media per il Evermoving e risvegliare album. Ho suonato la batteria in una band chiamata Pandemonium per circa tre anni. Erano su Metal Blade e mi hanno insegnato una quantità enorme per il business. Abbiamo registrato quello che doveva essere il quarto album, ma il tutto grunge sbattuto la porta su questo.

 

 

Quali sono le vostre influenze musicali?

 

 

Dan ed io condividiamo molte delle stesse influenze, perché siamo cresciuti insieme e partecipato a molti degli stessi concerti. Siamo influenzati essenzialmente da cose che pensiamo, è fantastico che si possano effettivamente suonare. Band come Accept, Metal Church, si sa, roba che è pesante, ma non tecnicamente fuori portata. Mentre ammiro i Behemoth o i Vader. Siamo cresciuti, naturalmente, con i grandi Megadeth e Metallica anni, anche Maiden, Priest e Sabbath, ma anche minore band come Omen e l'inizio dei Queensryche. Toby è sempre stato un po’ 'più estremo e addentrato nel black metal.

 

 

 

Ci parli del vostro songwriting e da cosa nascono vostri testi?

 

 

Io scrivo tutti i testi. Da bambino ho sempre avuto una band immaginaria e scrive o testi che fondamentalmente erano poesie. Le ho ancora e loro sono orribili! Quando abbiamo fatto “Hypocrites”, ho scritto il testo, ma ancora suonava come una poesia e Dan mi chiamò per chiedermi:"Cosa stai dicendo durante la prima strofa di questa o quella canzone?" Il problema è che si riducono le parole, la musica ha un metro, e le parole hanno bisogno per adattarsi all'interno di quel metro. Dopo un po’ 'mi sono reso conto che scrivere poesie e scrivere testi delle canzoni sono nettamente diversi. Anche ora scrivo quello che c’è nella mia testa e poi si adatta ad una canzone, eliminando parole. È strano come le parole di una sillaba diventano due, una volta che si inizia a cantare!

 

 

Come è nato l’artwork? Chi l’ha creato e di che cosa si tratta?

 

 

Irene Langholm ha fatto la copertina di “Hypocrites,le abbiamo inviato la fotografia di un ragazzo che cammina per la strada con la pistola in mano e le dicemmo che lo volevamo mentre camminava verso una sede del governo di potere in un contesto apocalittico. Ha fatto tutto in digitale e le prime prove erano a colori. Sembrava fantastico ma l’abbiamo voluto più scuro, quindi abbiamo scelto la versione in bianco e nero. Credo sia venuto davvero bene. Il ragazzo è in realtà il figlio del nipote di Dan, e l'immagine è tatuata sul suo braccio. Il nipote di Dan gli ha mandato la fotografia reale da utilizzare per l'album, così il suo ragazzo ha una storia fresca, eh? J.P Fournier ha creato l'opera d'arte facendo un lavoro incredibile. Abbiamo discusso la sensazione che dava l'album e io gli ho detto i temi che ci interessavano. È un ragazzo / cospirazione occulta e non ha avuto problemi mettere le idee su tela. C'è così tanto simbolismo sulla copertina e ho particolarmente apprezzato la relazione tra la figura di potere sulla sedia con la statua e l’alieno. Egli crede di avere il controllo, ma dietro di lui c’è la statua di Baphomet, avvisando lo spettatore che lo 'sconosciuto' è sempre in carica. Inoltre, la figura di potere tiene dominio sulla figura femminile 'più debole' che è lì per 'intrattenere', ma lui non ha idea che lei è un mutaforma di un altro mondo e che sta per ottenere un potere molto più forte su di lui!

 

 

Sai cantare in inglese o in qualsiasi altra lingua? Come mai questa scelta?

 

 

Inglese, temo. Vorrei poter parlare tutte le lingue. Penso che ci sia una certa bellezza a tradurre lingue, per esempio, dall’ italiano o spagnolo all’ Inglese. Anche se l'inglese ha 500.000 parole, altre lingue con un minor numero di parole sembrano avere più potere. Per esempio, leggere 'Il cacciatore di aquiloni' o 'Mille splendidi soli' di Khaled Hosseini o qualsiasi cosa di Arturo Pérez-Reverte e notare come le traduzioni scorrono meglio in inglese. Se lo scrittore avesse scritto rigorosamente in inglese, non avrebbe avuto lo stesso effetto. Io amo la canzone 'Fur Immer' dei Warlock, anche se non ho idea di quello che dice, ah! 

 

 

Dove create la vostra musica?

 

 

Quando e dove si presenta. Ho avuto le idee più cool nei momenti peggiori, quando sto guidando o sotto la doccia quando non riesco a prendere una penna e scrivere. Tengo il mio iPad a portata di mano per questo motivo. Quando una melodia arriva che mi ha colpito registro e canto, anche se non ho parole, mi limiterò a fare “ da da da da” in modo che possa ritornarci più tardi e vedere se funziona. Quei momenti sono come i sogni... se non si scrive subito svaniscono, poi scompaiono. C'è un app per iPad chiamato Virtuoso che uso quando ho bisogno di un piano per aiutarmi con le melodie. Suono sempre la batteria sulle scrivanie, le mie gambe, ecc. La canzone d’ apertura sul nostro prossimo album ha un paio di modelli di suono nati sempre in questo modo. Dan fa la stessa cosa con la chitarra... che sarà lui a venire con un riff e ogni chitarrista vi dirà che un semplice riff è tutto quello che serve per avere una canzone. Così Dan ha un roster di brevi riff che modifica di volta in volta.

 

 

Ci puoi dire qualcosa sulle vostre esperienze dal vivo? Com'è il vostro approccio con il pubblico?

 

 

Suonare dal vivo può essere un'esperienza fuori dal corpo o può essere un incubo. Tutto dipende dalla sede, le attrezzature, monitor. Nella scena musicale di oggi, la riproduzione di materiale originale per vivere è una delle peggiori decisioni di carriera una persona può fare, è per questo che non lo facciamo più, ah! Ho molto rispetto per le band che continuare a lottare per essere visto e sentito, perché è molto difficile. Tutti sognano di giocare a 20.000 arene sedile notte dopo notte come headliners, ma se si confronta il numero di bande effettivamente fare che al numero di bande che cercano di arrivare, è sconcertante. Per noi, preferiamo pubblicare album. Certo che limita la nostra esposizione, ma preferiamo avere un catalogo di album di macinare fuori sulla strada cercando di fare un paio di dollari. Per fare questo bisogna essere in studio, non sulla strada.

 

 

Potete per favore darci alcuna informazione sui vostri lavori?

 

 

Il nostro primo album è stato rilasciato nel luglio del 2014, chiamato “Hypocrites”, e “Mad Prophets”. È pesante, ma non così come pensavamo finché non è stato terminato; in realtà, non siamo ancora pesanti come abbiamo intenzione di essere... c’è solo d’attendere finché non si ascolterà la nostra terza release! Eravamo ancora novelli per il processo di registrazione, quindi le cose semplici hanno preso più tempo, ma impariamo velocemente e apprendiamo le lezioni. Il problema più grande è stato registrare tutto tra noi due, Dan ed io. So che altre band fanno la stessa cosa, come i Vader per esempio, penso che siano solo due ragazzi che hanno fatto “Necropolis”,  per me è meglio quando non ci sono più musicisti coinvolti, perché ci vuole un sacco di pressione. Ecco perché il nostro secondo album (“Six Senses Sick”) ha cinque musicisti. Ma, i cinque di noi non sono mai stati nella stessa stanza insieme, ah! Due erano a Las Vegas, due erano nel Wyoming, ed io ero nel Regno Unito. “Senses” era molto più facile da scrivere, ma un po’ 'più complicato da registrare, dal momento che tutto è stato inviato via e-mail. È interessante notare che il titolo del brano “Six Senses Sick”, “DMO” e “Kill or Be Killed” sono stati tutti scritti durante le sessioni di “Hypocrites”. È importante tenere tutte le tue canzoni nella stessa vena.

 

 

Se avete pubblicazioni precedenti, quali sono le caratteristiche che li differenziano le une dalle altre?

 

 

Beh, come dicevo, la produzione di “Senses” è molto meglio di “Hypocrites”, anche se il canto è altrettanto buono a mio parere. Per me, se una canzone è buona, allora la produzione non ha importanza. Alcune delle mie canzoni preferite sono state prodotte orribilmente. C'è una canzone che si chiama 'Master of Disguise' dei Savage Grace, che è così pieno di energia grezza, e ha un urlo metal classico, ma il suono è terribile e non mi interessa nemmeno, perché la canzone è così buona. “Hell”, è la cosa migliore che i Motorhead abbiano mai fatto. Ovviamente i fan amano le canzoni e sono grandi canzoni, ma i Motorhead non furono mai prodotti bene. Ma, sto parlando rispetto alla tecnologia di oggi, e un sacco di produttori saranno sulla difensiva, anche sfuggente quando si parla di software sostitutivo reamping e la batteria perché è come barare. Io non lo vedo come barare più di quanto l'applicazione EQ è barare. La sto esplorando e sono molto eccitato all'idea di provare la miscelazione della batteria con un suono potenziato per renderla più piena. Così “Senses” è stato prodotto un po’ 'meglio strettamente basato sulle lezioni apprese, ma è tutto rigorosamente applicato nello stile vecchia scuola.

 

 

In Italia ci sono moti gruppi metal, puoi esprimere la tua opinione sulla musica della scena odierna nel nostro paese?

 

 

È interessante perché l'Italia ha un pedigree per trituratori classici come Paganini e Vivaldi e se fossi in Italia mi sarebbe sicuramente abbracciare questo. Stradivari, Guarneri e Amati, stai scherzando? Sarei molto orgoglioso come musicista. C'è una band chiamata Shining Blade di cui sono un grande fan, ma non riesco a trovare da nessuna parte il loro CD. Mi piace il loro uso della melodia ed il modo in cui si evolvono le loro canzoni dal versetto al coro ... Èstrano, perché non si vede che sta arrivando. White Skull è un altro gruppo interessante, e mi sono piaciuti per una fase i Rhapsody quando il symphonic metal era una novità. Posso dire però che la scena in Italia non può essere molto diversa dalla scena ovunque si trovi: tonnellate e tonnellate di bande che non ottengono nessuno sguardo da parte delle case discografiche. Accoppiato dalla nuova generazione con il libero download e mostrando poco interesse per i CD, non so cosa sta per accadere. Qual è il passo musicale successivo? Con tutto quanto pubblicato su YouTube, non vedo un futuro in cui le bande fanno i soldi, quindi speriamo che veramente amino quello che fanno. Ecco cosa sono i Sue’s idol, noi continueremo a premere sui CD finché ci saranno i fan che li vorranno.

 

 

Qual è la ragione per cui hai deciso di suonare uno strumento specifico?

 

 

Mi hanno insegnato a suonare la batteria, ma sapevo già come suonare. So che suona strano, ma ho avuto una battuta su Rogers /Apollo hybrid quando ero un ragazzino e ho potuto tenere battute su di esso, ma non sapevo come suonare, perché non avevo mai visto nessuno suonare la batteria prima. Ho visto il mio primo concerto (Motley Crue nel 1985) e rimasi pietrificato, guardando Tommy Lee. Continuavo a dire a me stesso “è il modo in cui lo fai", mentalmente tamburellavo in corrispondenza su ciò che avevo sentito un milione di volte per poi vederlo eseguito fisicamente. Ècome se fossi in passerella guardando in basso alla batteria e vedo il batterista eseguire un riempimento, una frazione di secondo prima di eseguire lo stesso riempimento. Ho sempre pensato che fossi pazzo fino a quando parlando con Eric dei Pandemonium un giorno ha citato una situazione simile, quando suona il basso. È stato un sollievo scoprire altre persone che sperimentano la stessa cosa, ah!

 

 

Se doveste scegliere di far parte di una band famosa, per ciascuno di voi, quale sarebbe?

 

 

Per me cambia continuamente perché ci sono così tante band buoni là fuori. Immaginate di cantare per i Black Sabbath o tamburellare per gli Helloween... o viceversa! Vorrei prendere uno di quei posti di lavoro in un baleno.

 

 

Puoi terminare l'intervista come preferisci...

 

 

Grazie per le grandi domande! Cercate il nostro terzo album a luglio del 2017. Il signor Fournier sta facendo ancora una volta un'opera d'arte in modo promettente da essere un altro classico. Saluti!