The Interview. Done on behalf of Damnesty by Tomi. R (vocals)

 

The artwork of an album is very important, perhaps the first approach for a future fan. What do you want to infuse with the yours?

 

The artwork sets a certain mood for the album, so it should be a visual continuation of the musical side. On the new album, the Grand Delusion, the cover goes hand in hand with the lyrical themes: war, turmoil, political/religious-issues etc.

 

Which bands have inspired you to put on a group? In which kind of sounds you were involved when you’ve  decided to have your band?

 

The majority of the guys grew up in the 90’s, so the metal-scene of that era is still very present in what we do today. Bands like Sepultura, Pantera, Megadeth, Machine Head, Crowbar are to some degree, the foundation of our sound. But of course there’s a variety of bands that have influenced us like Alice in Chains, Entombed, even grindcore bands like Napalm Death etc. When we formed back in the day, we envisioned Damnesty to be more of a death metal band with a rock edge, but the music naturally evolved to what we do these days.

 

Do you have similar or different music background?

 

I’d say us older geezers, Joona(gtr), Petri(gtr), Tomi(voc) share a very similar background musically, even though there are a lot of so called personal favourites that the other guys might not be that fond of. Markus is very into jazz etc. and Juuso comes from more of an alternative background.  I think this mixture of influences keeps things interesting, for us and for the listener. 

What do you think of the bands that fit political thoughts in their lyrics? Do you think that political idea but also the religious one can influence the natural evolution of a band that looks out into the underground world and then into the mainstream?

 

We grew up with music and bands that were always dealing with political and religious issues in their lyrics, so it was a natural thing for us to take that same path. What we do musically is very aggressive, and the issues that fuel the aggression are often about politics, so it goes hand in hand.

Strong political points of view etc. can alienate some listeners, for sure, but for us, staying true to ourselves and standing our ground in things we believe in, the integrity, is more important than mainstream exposure. However there have been very succesfull bands with strong political sides to them, like Rage Against the Machine, System of a Down and so on, so it can be done if the music is good enough.

How much important is the production? Do you think it’s a factor to consider as the music is considered itself, since it’s increasingly rare to find bands with clear ideas?

 

Production has become a competition in itself, since it is the first thing that the potential listener hears when scrolling through songs online. It is true that there are bands these days that put way too much energy to the production side of things, while neglecting the most important thing, which is the music itself, great songs etc. It’s easy to download drum-samples, guitar presets etc. thus making every band sound the same. But as great production values are available for even the smaller bands, it is possible to get the full potential out of groups lesser fortunate on the financial side of things, so it really is a double-edged sword.

How do you promote your music on the web? Do you have ideas to suggest to other bands?

 

Social media sites like Facebook, instagram etc. are where the promotion is focused on these days. Message boards are great ways to promote the band as well. For us it has always been about quality, not quantity. At least for the smaller bands, post things when something cool happens, focus on those, as opposed to posting a lot of pictures from band practices and so on.

Who do you like to go on tour with?

 

This is a tough one, since there are so many killer bands out there. But well, lets say Sepultura, Deftones, Carcass, Machine Head, Gojira to name a few.

In your opinion, how much the music is changed in the Internet age?

Don’t you think that we have lost the listener's approach to the music itself?

 

I think the music itself hasn’t changed all that much, but the way people consume it, has seen a dramatic change. I try not to go on a nostalgia-trip, but I remember back in the day saving money to buy an album, and if I didn’t instantly like it, I’d keep listening to it since I have paid good money for it, haha. A lot of those albums that were hard to get into are still my favourites, because great music needs time to grow on you.

These days, people are way too ad/hd to focus on songs let alone albums. The average listener might give a song a chance for 30 seconds, if it didn’t hit a homerun, that’s it, next band. Of course there’s still a great demand for underground music with 5 minute intros, but the attention span of an average ”mainstream” listener has changed radically. And since bands have that 30 seconds to make a musical point, it easily leads to songs that are very easy to digest and void of any meaning. But I think there is still hope, since a lot of people seem to be tired of mainstream music, and I have seen a rise of progressive bands etc. because of that.

 

It’s known from a few years to nowadays the  decrease public at concerts, whether they are music lovers or real musicians. In your opinion, why with the time is failed "to go to concerts" that once was so stronger?

 

In my view it has a lot to do with the fact that since bands don’t sell a lot of albums anymore, they need to make a living by playing gigs and selling merch. This leads to a situation where a big part of the scene is constantly on tour and the fans get very picky on who they are going to see live. So in a nutshell, too many shows, not as much demand. A lot of fans tend to save their money for bigger festivals like Wacken etc.

In these days, it's still worth making records? Now they always sell less. I often see bands forced into debt to record. What do you think about it?

 

It’s a very sad situation, especially for very talented bands that are not able to make their masterpieces because of it. I personally see making an album these days more as a form of artistic expression than a business move, something that you just have to get out of your system no matter what it costs. The metal fans still support the bands by buying the albums though, which I think is amazing.

 

How did you meet?

  

Actually Joona(gtr) and Juuso(bass) are brothers, so that’s basically how they met back in the day. Joona and Petri(gtr) also go back long time to the school days and I (Tomi, voc.) met the guys some years later when we still were in our teens and we have been involved in the same projects etc. ever since. Joona and Petri actually played in the same death/thrash band for years before the formation of Damnesty. Since that, Markus(drums) we actually found through an ad on a musicians webpage when we were starting out.  To make a long story short.

How and when have you felt to love metal music?

 

Of course I can only speak for myself, but for me it was getting Iron Maiden’s Powerslave on tape when I was still a little kid. Since that day, I was hooked.

 

To conclude the interview:

 

Hope to see all you guys on tour in the future, stay tuned to what’s going on in the Damnesty-camp at www.facebook.com/damnesty ! Horns up and keep that pit going!


TRADUZIONE A CURA DI VALKYRIA


L'intervista. Fatta per conto dei Damnesty da Tomi. R (voce)

 

L'artwork di un album è molto importante, forse il primo approccio per un futuro fan. Cosa vorresti trasmettere con il tuo?

 

L'artwork stabilisce un certo stato per un album, perciò dovrebbe costituire una continuazione visiva dell'aspetto musicale. Nel nuovo album, The Grand Delusion, la copertina va mano nella mano con il tema dei testi: guerra, tumulto, problemi politico/religiosi, ecc.

 

 

Quali band vi hanno ispirato a mettere su un gruppo? In che sonorità eravate coinvolti quando avete deciso di avere una vostra band?

 

La maggior parte dei ragazzi è cresciuta negli anni '90, quindi la scena metal di quel periodo è ancora molto presente in ciò che facciamo oggi. Band come Sepultura, Pantera, Megadeth, Machine Head, Crowbar sono per certi versi, le fondamenta del nostro sound. Ma ovviamente c'è una grande varietà di band che hanno influenzato il nostro sound come Aliche in Chains, Entombed, anche band grindcore come i Napalm Death, ecc. Quando ci siamo formati, abbiamo pensato i Damnesty più come una band death metal con sfumature rock, ma la musica è evoluta naturalmente in ciò che facciamo oggi.

 

Avete background musicali simili o differenti?

 

Devo dire che noi vecchi (?modificare?), Joona (chitarra), Petri (chitarra), Tomi (voce) condividiamo un background musicale molto simile, anche se ci sono molti di quelli chiamati preferiti personali per cui gli altri ragazzi potrebbero non andare pazzi (?modificare?). Markus è molto nel jazz, ecc. e Juuso viene da un background più alternative. Penso che questo mix di influenze rende le cose interessanti, per noi e per chi ci ascolta.

 

Cosa ne pensi delle band che inseriscono pensieri politici nei loro testi? Pensi che un'ideologia politica ma anche quella religiosa possano influenzare la naturale evoluzione di una band che cerca di guardare al di fuori del mondo underground per poi guardare al mondo mainstream?

 

Noi siamo cresciuti con musica e band che inserivano sempre i loro pensieri politici e religiosi nei loro testi, quindi era una cosa naturale per noi intraprendere lo stesso percorso. Quello che noi facciamo musicalmente è molto aggressivo, e (?) che alimentano l'aggressività sono a volte sulla politica, quindi vanno mano nella mano.

Forti punti di vista politici ecc, possono alienare alcuni ascoltatori, sicuramente, ma per noi, restare veri a noi stessi è molto più importante di una esposizione mainstream. Comunque ci sono state band di grande importanza con un forte politico, come i Rage Against the Machine, System of a Down ed ancora altre, quindi si può fare se la musica è abbastanza buona.

 

Quant'è importante la produzione? Pensi sia un fattore da considerare in quanto la musica viene considerata da sé, dal momento in cui è sempre più raro trovare band con idee chiare?

 

La produzione è diventata una competizione di per sé, dal momento in cui è la prima cosa che il potenziale ascoltatore sente quando scorre tra le canzoni online. È vero che ci sono band ai giorni nostri che impiegano troppa energia nel lato della produzione, mentre accantonano la cosa più importante, cioè la musica stessa, belle canzoni, ecc. È facile scaricare dei samples di batteria, guitar presets (?trad?), ecc. per rendere ogni suono della band uguale. Ma dal momento in cui i costi di una buona produzione sono fruibili persino per piccole band, è possibile ottenere tutto il potenziale di gruppi meno fortunati sul lato finanziario, quindi è davvero una lama a doppio taglio.

 

Come promuovete la vostra musica sul web? Avete dei suggerimenti da dare alle altre band?

 

Sono i social media come Facebook, Instagram, ecc. i punti dove la promozione è concentrata ai giorni nostri. Message boards (?trad.?) sono comunque ottime vie per promuovere la band. Per noi si è sempre trattato di qualità e non di quantità. Alla fine per le piccole band, postate quando succede qualcosa di bello, concentratevi su queste cose, al posto di postare un sacco di immagini sulle prove della band o cose del genere.

 

Con chi vi piacerebbe andare in tour?

 

Questa è una domanda difficile, dal momento in cui ci sono così tante band cazzute lì fuori. Ma ok, diciamo Sepultura, Deftones, Carcass, Machine Head, Gojira per nominarne qualcuna.

 

Secondo te, quanto è cambiata la musica nell'era di Internet? Non pensi che abbiamo perso l'approccio dell'ascoltatore verso la musica stessa?

 

Penso che la musica in sé per sé non sia cambiata così tanto, ma il modo in cui le persone la "consumano", ha subito un cambiamento drastico. Provo a non mettermi in un trip nostalgico, ma ricordo quando mettevo da parte i soldi per comprare un album, e se non non lo facevo istantaneamente, aspettavo il momento in cui lo compravo per ascoltarlo, ahah. Molti di quegli album che erano difficili da reperire sono ancora i miei preferiti, perché la buona musica richiede del tempo per crescere dentro di te.

Ai giorni nostri le persone sono troppo ad/hd per concentrarsi su canzoni e album. L'ascoltatore medio potrebbe dare ad una canzone una possibilità di 30 secondi, se non colpisce nell'immediato, ok, si passa ad una nuova band. Certo c'è sempre una grande richiesta per la musica underground con 5 minuti di intro, ma la capacità di concentrazione di una buona fetta di ascoltatori "mainstream" è cambiata radicalmente. E dal momento in cui le band hanno 30 secondi per far capire il loro "punto musicale", è facile che a comandare siano canzoni che sono molto facili da digerire e prive di significato. Ma io penso vi sia ancora speranza, dal momento in cui molte persone sembrano stanche della musica mainstream, ed ho visto un aumento di band progressive etc. per questo motivo.

 

È noto da un paio di anni a questa parte che il pubblico ai concerti sia diminuito, se sono amanti della musica o veri musicisti. Secondo te, perché col passare del tempo viene a mancare "l'andare ai concerti" che un tempo era così forte?

 

Dal mio punto di vista ha molto a che vedere con il fatto che dal momento in cui le band non vendono più molti album, necessitano di vivere attraverso live e vendita del merchandising. Questo ci porta in una situazione in cui una gran parte della scena è costantemente in tour e che i fan diventino selettivi su chi andare a vedere dal vivo. Quindi in sintesi, troppi live show, ma non quanti la reale richiesta. Molti fan tendono a mettere i soldi da parte per grossi festival come il Wacken etc.

 

Al giorno d'oggi vale ancora fare dischi? Ormai vendono sempre meno. A volte vedo band costretti ad indebitarsi per registrare. Cosa ne pensi?

 

È una situazione veramente triste, specialmente per band davvero valide che, per questo motivo, non sono in grado di creare il loro capolavoro. Personalmente credo che fare un album ai giorni nostri sia più una forma di espressione artistica che una mossa di business, qualcosa che devi fare solamente uscire fuori dal tuo sistema, non importa quanto ti costi. I fan metal continuano a supportare le band continuando a comprare comunque gli album, cosa che io credo sia fantastica.

 

Come vi siete conosciuti?

 

Joona (chitarra) e Juuso (basso) sono fratelli, quindi questo è in pratica il "modo" in cui loro si sono conosciuti. Joona e Petri (chitarra) si conoscono dai tempi della scuola ed io (Tomi, voce) ho conosciuto i ragazzi qualche anno dopo, quando eravamo ancora adolescenti e, da allora, siamo stati coinvolti negli stessi progetti etc. Joona e Petri hanno suonato nella stessa band death/thrash per anni prima della formazione dei Damnesty. Successivamente, abbiamo trovato attraverso un annuncio in una pagina web per musicisti Markus (batterista), mentre cercavamo di cominciare. Per rendere una lunga storia più corta.

 

Come e quando vi siete innamorati del metal?

 

Ovviamente io posso parlare solo per me, ma per quanto mi riguarda è stato mettere su la cassetta di "Powerslave" degli Iron Maiden quando ero ancora un bambino. Da quel momento sono stato rapito.

 

Per concludere l'intervista:

 

Speriamo di vedere voi tutti in tour in futuro, restate sintonizzati su ciò che succede in casa Damnesty su www.facebook.com/damnesty! Horns up e manteniamo quella fossa!