How and when have you felt to love metal music?

 

Music has been a huge part of our lives since when we were kids. For sure we all started playing for the same reason as everyone starts; that is love for this magical set of sounds we call music. Individually, this happened in different moments of our lives. But as a band, and this is most important, singing and playing instruments together in a good way was definitely not a discover, but the result of years of hard work as a team.

 

The artwork of an album is very important, perhaps the first approach for a future fan. What do you want to infuse with the yours?

 

For us, the “visual aspect” plays an essential role in the completion and understanding of our music and our saga. It is indeed another tool we offer our listeners to enjoy the art we express through our music. Both the cover and all the artworks of Fractals: a Shadow out of Lights were made by our artistic partner Stefano Invernizzi (www.stefanoinvernizzi.com), who is actually the very first reader of our drafts. Usually we give him free reign and he simply lets himself inspire by our stories, creating something that in a way materializes the whole saga, bringing it to light from a visual perspective. More specifically, our album-cover can be subject to multiple interpretations, although it is meant to recall all the main subjects of our saga. From left to right, the space-time continuum expands, molding a nebula (a heterogeneous set of colors, glows and emotions that can be read under various keys), from which two human silhouettes are born: they are actually nothing but an infinitesimal fraction of that outer abyss, two little and ambitious shapes who desperately try to rise above from their primordial mud… two ambitious shapes who are reaching out in order to touch with one another, getting really close, but not making it in the end.

 

How much important is the production? Do you think it’s a factor to consider as the music is considered itself, since it’s increasingly rare to find bands with clear ideas?

 

Of course it is normal that at the beginning most of the bands have no clear idea about what they want to achieve and, most of all, how. For us, this came with time. About the production of our latest disc, Fractals: a Shadow out of Lights, we all really beavered away for three years on this album. In particular, the last twelve months have been the most difficult and definitively tiresome. That’s because we finished writing both the story and the first draft of our songs more than one year ago; than we had to adjust each and every detail… rhythmical patterns, notes, harmonizations, vocal-intentions... Our co-production partner Davide Penna from the progressive metal band MirrorMaze (www.mirrormaze.eu) made a fantastic job with the recordings and most of all with the mastering. For sure it was tough, both physically and psychologically wise. But now we are euphoric about the results. 

 

What should convince the audience to listen to your own material in such a vast music competition?

 

Being original has always been our primal goal. We really hope the audience could appreciate our style and the way we merge different moods and musical influences, driving everything along the path of a complex story named Fractals of Frozen Lifetimes. In fact, we really appreciate albums with heterogeneous structures, where each and every song can tell you something new, both with its music and its lyrics. Our latest album is a whole concept, a drama driven by the deeds and experiences of ten characters coming from different locations and timelines. The most difficult thing was certainly to make our songs work both in an album/saga concept and also by themselves, standing alone, so that our listeners can always recognize themselves into them.

 

If you were to assign a mood to your job to be able to describe it, what would it be and why?

 

As mentioned before, all the songs in Fractals: A Shadow Out of Lights represent us in the deep or, at least, conveys the different moods that characterize our personalities and musical styles. "Yell of Hesitation" (#5) escorts our more technical side, "Rule this World" (#6) conveys our most aggressive feelings, while "Silent Raven” (#8) the most melancholic. Let’s say that "Sail towards the Unknown" (#4) is the right compromise among all, channeling the true skills of all members of the band, with a touch of technique and originality, but also catchyness.

 

Do you live with your music? If not so, what’s your own business?

 

Living with our own music is definitively tough, if not impossible, especially in 2017 and in our country. Two of us already work, three of us are still university-students. Music is not just our main hobby, it is a passion… a way of life!! Of course we all have other minor hobbies, but it is so good to keep spending most of our spare time composing, playing and simply having fun.

 

Which bands have inspired you to put on a group? In which kind of sounds you were involved when you’ve decided to have your band?

 

As previously mentioned, we have always tried to create something with a personal  identity ... a "sound Frozen Sand"! Of course this is not easy, but our final goal has always been originality. Our music influences are many and varied. Let’s say most of our grooves and rhythmic patterns come mainly from alternative metal (bands like Karnivool, Tool or Breaking Benjamin), but contaminated by influences from djent and technical metal, as Periphery, Protest the Hero, Tesseract and Scar Symmetry. On the contrary, our guitar riffs have a more classic origins, taken by traditional metal, blues-rock and prog rock/metal: to name a few, Pink Floyd, Porcupine Tree, Frank Zappa, Dream Theater and Symphony X. Finally, the vocal styles have very varied forms, coming mainly from metalcore and melodic post-hardcore in the way of switching clean and harsh voice (Bullet for My Valentine, Escape the Fate, A Day to Remember), with some reminiscences from power metal (Sonata Arctica, Avantasia), passing through choirs that try to re-echo the symphonic styles (Rhapsody, Nightwish or Sabaton), to end up with soft and clean parts taken from pop and classic rock.

 

What do you think of the bands that fit political thoughts in their lyrics? Do you think that political idea but also the religious one can influence the natural evolution of a band that looks out into the underground world and then into the mainstream?

 

We don’t do that, but we have absolutely nothing against those who put religion or politics in their lyrics. Music is a piece of art. Like a movie, a book or a painting, also a song shall convey messages and emotions (happiness, love, melancholy, fear, excitement, rage) into which the listeners can maybe recognize and impersonate.

 

How do you promote your music on the web? Do you have ideas to suggest to other bands?

 

If there is one good thing of living in 2017 is that we can reach all our potential fans by means of the web and the socials. And it is so gratifying for us to communicate directly with our fans, answering questions and knowing each other. We invested in web-marketing and web-distribution because we wanted our album to reach the widest audience possible. And now we are definitively content with the response, both from the public and from the critics. We suggest all the band to do so and enjoy the contact with their listeners, simply sharing ideas and taking feedbacks.

 

Who do you like to go on tour with?

 

There are many people who we would like to feature on our records, both singers and musicians. An interesting collaboration may be with some of nowadays young artists of the guitar universe such as Sithu Aye, Plini, Aaron Marshall and many others... Who knows, maybe one day!

 

In your opinion, how much the music is changed in the internet age?

 

Internet simply reflects the way things have evolved over the last few decades: democracy has found its true way to evolve and spread with the aid of internet, but this has ended up as a double-edged sword. Of course, the situation is very hard for all bands at the international level, but above it is more for underground metal, simply because people are no more willing to pay for music or records. Anyway, internet is also helping us a lot to broadcast our music worldwide, joining fans we could never reach in other ways. 

 

Don’t you think that we have lost the listener's approach to the music itself?

 

Maybe yes. This is mainly due to the saturation of the web with any sort of thing that aspires to be considered art or entertainment. But there are also many advantages related to the web. It all depends on how you move in the digital domain, and what are your strategies of promoting yourself. You can stimulate people's curiosity by sharing small pieces of the whole picture at times, to keep the interest in what you are doing alive. There are many ways to do this on the social networks, it's up to one's creativity to find and exploit all of them. Facebook, twitter, etc... can be very powerful instruments for keeping the hype for the new record alive before the release.

 

It’s known from a few years to nowadays the decrease public at concerts, whether they are music lovers or real musicians. In your opinion, why with the time is failed "to go to concerts" that once was so stronger?

 

The new millennium certainly brought new technologies and new possibilities for most of us, but in parallel it ruined the economy in a lot of markets: an example can be made with records stores and also with live music. From one side, the new aforementioned tools and possibilities given by internet created a larger “offer” (number of bands and number of bars offering live music) far exceeding the “demand” (number of people who are actually interested in and ask for live metal music). And for the underground metal bands, like us, it has become definitively difficult to play in front of a consistent number of interested people at shows and metal festival, where you have to pay a lot in order to play as open-act of important international bands. One thing is certain: we will never give up!!

 

To conclude the interview:

 

Thanks for having us here at Insane Voices Labirynth. Hope you guys will have a good time while listening to our music and following us, both live and here on the web. Our album is now available for digital download on the web, as well as it is possible to purchase the physical copy (and the merchandise or the t-shirts) during our concerts or directly on the web, too. Here are our main links:

 

Official website:

www.frozensandband.com

Facebook:

http://www.frozensandband.com

Youtube:

https://www.youtube.com/user/FrozenSandBand

Instagram:

https://www.instagram.com/frozen_sand_band

Twitter:

https://twitter.com/FrozenSandBand

Bandcamp:

https://frozensandband.bandcamp.com/…/fractals-a-shadow-out…

Itunes:  

http://itunes.apple.com/album/id1191551111?ls=1&app=itunes

Amazon:  

https://www.amazon.co.uk/dp/B01N5LT857

Spotify:

https://play.spotify.com/album/5V0LGZubkoAtROO9TBUZu0


TRADUZIONE A CURA DI VALERIA CAMPAGNALE


Come e quando avete scoperto di amare la musica metal?

 

La musica è stata una parte enorme della nostra vita da quando eravamo bambini. Certamente tutti abbiamo iniziato a suonare per la stessa ragione, è amore per questo set magico di suoni che chiamiamo musica. Individualmente, questo è accaduto in diversi momenti della nostra vita. Come una band, è il risultato di anni di duro lavoro come squadra.

 

L'artwork di un album è molto importante, forse il primo approccio per un futuro nuovo fan. Voi con il vostro cosa volete trasmettere? 

 

Per noi, l'aspetto visivo svolge un ruolo essenziale nel completamento e nella comprensione della nostra musica e della nostra saga. È davvero un altro strumento che offriamo ai nostri ascoltatori per godere dell'arte che esprimiamo attraverso la nostra musica. Sia la copertina che tutti gli artwork di Frattali: un'ombra di luci sono state fatte dal nostro partner artistico Stefano Invernizzi (www.stefanoinvernizzi.com), che è in realtà il primo lettore delle nostre bozze, lui si lascia ispirare dalle nostre storie, creando qualcosa che in qualche modo materializza l'intera saga, mettendola in luce da una prospettiva visiva. Più in dettaglio, la nostra cover album può essere soggetta a molteplici interpretazioni, anche se è destinata a richiamare tutti i soggetti principali della nostra saga. Da sinistra a destra, il continuum spazio-tempo si espande, modellando una nebulosa (un insieme eterogeneo di colori, emozioni e emozioni che possono essere letti in varie chiavi), da cui nascono due silhouette umane: in realtà non sono altro che una frazione infinitesima Di quell'abisso esterno, due piccole e ambiziose forme che cercano disperatamente di alzarsi dal loro fango primordiale... due forme ambiziose che si stanno allungando per toccarsi l'un l'altro, avvicinandosi, ma non rendendolo alla fine.

 

Quanto è importante la produzione? Pensi che sia un fattore da considerare com’ è considerata la musica stessa, in quanto è sempre più raro trovare le bande con idee chiare?

 

Naturalmente è normale che all'inizio molte delle band non abbiano un'idea chiara di ciò che vogliono raggiungere e, soprattutto, come. Per noi, questo è venuto con il tempo. Per quanto riguarda la produzione del nostro ultimo disco, “Fractals: A Shadow Out Of Lights”, eravamo veramente eccitati da tre anni su questo album. In particolare, gli ultimi dodici mesi sono stati i più difficili e definitivamente noiosi. Questo perché abbiamo finito di scrivere sia la storia che la prima bozza delle nostre canzoni più di un anno fa; abbiamo dovuto regolare ogni dettaglio... i ritmi, le note, le armonizzazioni, le intenzioni vocali... Il nostro partner di coproduzione Davide Penna della progressive metal band MirrorMaze (www.mirrormaze.eu) ha fatto un ottimo lavoro con le registrazioni e soprattutto con il mastering. Sicuramente è stata duro, fisicamente e psicologicamente saggio. Ma ora siamo euforici dei risultati.

 

Che cosa dovrebbe convincere il pubblico a ascoltare il tuo materiale in una vera e propria concorrenza musicale?

 

Essere originali è sempre stato il nostro obiettivo primario. Ci auguriamo davvero che il pubblico possa apprezzare il nostro stile e il modo in cui fondiamo diversi stati d'animo e influenze musicali, guidando tutto lungo il percorso di una complessa storia intitolata “Fractals Of Frozen Lifetimes”. Infatti, apprezziamo appieno gli album con strutture eterogenee, in cui ogni canzone può dirti qualcosa di nuovo, sia con la sua musica che con i suoi testi. Il nostro ultimo album è un concetto intero, un dramma guidato dalle azioni e dalle esperienze di dieci personaggi provenienti da diverse posizioni e tempi. La cosa più difficile è certamente che le nostre canzoni funzionino sia in un concetto di album / saga che anche da soli, in piedi da solo, affinché i nostri ascoltatori possano sempre riconoscerci.

 

Se dovessi associare uno stato d'animo al tuo lavoro per poterlo descrivere, quale sarebbe e perché?

 

Come accennato in precedenza, tutte le canzoni di “Fractals: A Shadow Out of Lights” ci rappresentano nel profondo o, almeno, trasmette i diversi stati d'animo che caratterizzano le nostre personalità e stili musicali. "Yell of Hesitation" (#5) accompagna il nostro lato più tecnico, "Rule this World" (# 6), che trasmette i nostri sentimenti più aggressivi, mentre "Silent Raven" (# 8) è il più malinconico. Sail towards the Unknown" (#4) è il giusto compromesso tra tutti, portando le vere abilità di tutti i membri della band, con un tocco di tecnica e originalità, ma anche di orecchiabile.

 

Vivete della vostra musica? Se no, qual è la vostra attività?

 

Vivere con la nostra musica è decisamente dura, se non impossibile, soprattutto nel 2017 e nel nostro paese. Due di noi già lavorano, tre di noi sono ancora studenti universitari. La musica non è solo il nostro hobby principale, è una passione... un modo di vivere!! Naturalmente abbiamo tutti altri piccoli hobby, ma è così bello continuare a trascorrere la maggior parte del nostro tempo libero, comporre, giocare e divertirsi.

 

Quali band vi hanno ispirato a creare un gruppo? In che tipo di suoni eravate coinvolti quando avete deciso di avere la vostra band?

 

Come detto in precedenza, abbiamo sempre cercato di creare qualcosa con un'identità personale... una "sabbia ghiacciata"! Naturalmente questo non è facile, ma il nostro obiettivo finale è sempre stato l'originalità. Le nostre influenze musicali sono molteplici e varie. Diciamo che la maggior parte delle nostre scanalature e ritmiche provengono principalmente da metalli alternativi (bande come Karnivool, Tool o Breaking Benjamin), ma contaminate da influenze da metallo djent e tecnico, come periferia, protesta dell'eroe, di Tesseract e di sangue della cicatrice. Al contrario, i nostri riff di chitarra hanno un'origine più classica, fatta di metalli tradizionali, blues rock e prog rock / metal: per citarne alcuni, Pink Floyd, Porcupine Tree, Frank Zappa, Dream Theater e Symphony X. Gli stili vocali hanno forme molto diverse, provenienti principalmente da metalcore e melodiche post-hardcore nel modo di commutare voce pulita e dura (Bullet for My Valentine, fuga del destino, un giorno da ricordare), con alcune reminiscenze dal metal potenza (Sonata Arctica , Avantasia), passando per i cori che cercano di ri-echo gli stili sinfonici (Rhapsody, Nightwish o Sabaton), finiscono con pezzi morbidi e puliti prelevati dal rock, pop e classica.

 

Cosa pensi delle band che appongono i pensieri politici nei loro testi? Pensi che l'idea politica ma anche quella religiosa possa influenzare l'evoluzione naturale di una band che guarda nel mondo underground e poi nel mainstream?

 

Non lo facciamo, ma non abbiamo assolutamente niente contro coloro che hanno messo la religione o la politica nei loro testi. La musica è un pezzo d'arte. Come un film, un libro o un dipinto, anche una canzone trasmette messaggi e emozioni (felicità, amore, malinconia, paura, eccitazione, rabbia) in cui gli ascoltatori possono forse riconoscere e impersonare.

 

Come promuovete la vostra musica sul web? Hai idee da suggerire ad altre band?

 

Se c'è una cosa buona di vivere nel 2017 è che possiamo raggiungere tutti i nostri potenziali appassionati per mezzo del web e dei socials. E è così gratificante per noi comunicare direttamente con i nostri appassionati, rispondere a domande e conoscersi l'un l'altro. Abbiamo investito nel web-marketing e nella distribuzione web perché volevamo che il nostro album raggiungesse il più ampio pubblico possibile. E adesso siamo definitivamente soddisfatti della risposta, sia dal pubblico che dai critici. Suggeriamo tutta la band a farlo e godere del contatto con i loro ascoltatori, semplicemente condividendo le idee e prendendo feedback

 

Con chi vi piacerebbe andare in tour?

 

Ci sono molte persone che vorremmo far parte dei nostri record, sia cantanti che musicisti. Una interessante collaborazione può essere con alcuni dei giovani artisti dell'universo della chitarra come Sithu Aye, Plini, Aaron Marshall e molti altri ... Chi sa, forse un giorno!

 

Secondo te, quanto la musica è cambiata nell'era di Internet?

 

Internet riflette semplicemente il modo in cui le cose si sono evolute negli ultimi decenni: la democrazia ha trovato il suo vero modo di evolversi e diffondersi con l'aiuto di internet, ma questo è finito come una spada a doppio taglio. Naturalmente, la situazione è molto difficile per tutte le bande a livello internazionale, ma al di sopra è più per i metalli sotterranei, semplicemente perché le persone non sono più disposte a pagare musica o registrazioni. Comunque, internet ci aiuta molto a diffondere la nostra musica in tutto il mondo, unendo i fan che non potremmo mai raggiungere in altri modi.

 

Non pensi che si sia perso l'approccio dell'ascoltatore alla musica stessa?

 

Forse si. Ciò è dovuto principalmente alla saturazione del web con qualsiasi tipo di cosa che aspira ad essere considerata arte o intrattenimento. Ma ci sono anche molti vantaggi legati al web. Tutto dipende da come si sposta nel dominio digitale e quali sono le tue strategie di promozione. Puoi stimolare la curiosità delle persone condividendo a volte piccole parti di tutto il quadro, per mantenere l'interesse in ciò che stai facendo vivo. Ci sono molti modi per farlo sui social network, è alla creatività di trovarli e sfruttarli tutti. Facebook, twitter, ecc... possono essere strumenti molto potenti per mantenere inalterato il nuovo record prima della pubblicazione.

 

È consolidato il declino di pubblico ai concerti da pochi anni ad oggi, siano essi appassionati o musicisti. A tuo parere, perché con il tempo è venuto a mancare l’andare a concerti che invece una volta era così forte?

 

Il nuovo millennio portò certamente nuove tecnologie e nuove possibilità per la maggior parte di noi, ma in parallelo ha rovinato l'economia in molti mercati: un esempio può essere fatto con negozi di archivi e anche con musica dal vivo. Da un lato, i nuovi strumenti e le possibilità offerti da internet hanno creato una "offerta" più grande (numero di bande e numero di bar che offrono musica dal vivo) che supera di gran lunga la "richiesta" (numero di persone che sono realmente interessate e chiedono informazioni live Musica metal). E per le bande metalliche sotterranee, come noi, è diventato definitivamente difficile giocare davanti a un numero consistente di persone interessate a spettacoli e festival metal, dove dovete pagare molto per giocare come atto aperto di importanti bande. Una cosa è certa: non cederemo mai!

 

Per concludere l’intervista:

 

Grazie per averci qui a Insane Voices Labirynth. Speriamo che voi ragazzi avrai un buon momento ascoltando la nostra musica e seguendoci, sia in diretta che in rete. Il nostro album è ora disponibile per il download digitale sul web, così come è possibile acquistare la copia fisica (e la merce o le magliette) durante i nostri concerti o direttamente sul web. Ecco i nostri link principali:

Official website:

www.frozensandband.com

Facebook:

http://www.frozensandband.com

Youtube:

https://www.youtube.com/user/FrozenSandBand

Instagram:

https://www.instagram.com/frozen_sand_band

Twitter:

https://twitter.com/FrozenSandBand

Bandcamp:  

https://frozensandband.bandcamp.com/…/fractals-a-shadow-out…

Itunes:  

http://itunes.apple.com/album/id1191551111?ls=1&app=itunes

Amazon:  

https://www.amazon.co.uk/dp/B01N5LT857

Spotify:

https://play.spotify.com/album/5V0LGZubkoAtROO9TBUZu0