How and when have you felt to love metal music?

 

I was 11 years old and a good friend of mine showed me the music video of Cradle Of Filths track „From Cradle To Enslave“. I was so shocked by the video and the music that I started to search for more stuff like that. Then one step lead to another and I started to listen to Dimmu Borgir, Finntroll, Dornenreich and still one of my favorite black metal bands Aaskereia, even if they still are more or less underground. So I started out with really hard black metal what isn’t that common I think.

 

The artwork of an album is very important, perhaps the first approach for a future fan. What do you want to infuse with the yours?

 

The artwork of Waldmensch is awesome and I still love to look at it, as I have the painting hanging on the wall in my studio. It was made by my brother in law Simon Knjasev and he did a fucking great job. I gave him my album as it wasn’t ready all the way, and I think he managed to create a perfect picture of the mood and the content of my album. I think if someone looks at my artwork he will suddenly know, what the music will be like. It has this kind of depressiveness and melancholy to it.

 

How much important is the production? Do you think it’s a factor to consider as the music is considered itself, since it’s increasingly rare to find bands with clear ideas?

 

Production in the end is what matters I think. It makes the difference between bands writing songs at rehearsals every two weeks with no connection and recording those, and the famous bands, taking some weeks off in the studio and making one whole product. For my own album I had a straight idea what I wanted to make. In the end thematically. The music was just written spontaneously, right into my interface. The recordings were done in like two weekends, so I think I managed to produce one project with a deep connection in the songs. I really enjoyed it. The mixing and mastering afterwards really made the sound in the end. You never know where it will lead you if you start with your music, but a clear goal always is good I think.

 

What should convince the audience to listen to your own material in such a vast music competition?

 

The music I make is the kind of music I listen to day in day out. So I just made it for me in the end. I don't want to force someone to listen to my music. But I think the black metal I do is different from other bands in the genre because of the „not-screamed“ vocals and this kind of story my first album tells. I made this fable of a man going into the forest, getting stuck in the earth and becoming a tree you know. And every track tells another part of the story. And I’ve got birds in my music. And water. And wind. And much more birds.

 

If you were to assign a mood to your job to be able to describe it, what would it be and why?

 

Melancholic. Always Melancholic. The only mood I really like in music.

 

Do you live with your music? If not so, what’s your own business?

 

I don’t live from my music. How could I? Even the famous bands in the genre having a hard time to live from their music. I have a normal job as a official.

 

Which bands have inspired you to put on a group? In which kind of sounds you were involved when you’ve decided to have your band?

 

Lantlos, Deafheaven, Harakiri for the Sky, Alcest, Agalloch just to name the name influences for my music. I love this atmospheric black metal, post rock, shoegaze stuff. And I think I just made my own version of it with some folk influences.

 

What do you think of the bands that fit political thoughts in their lyrics? Do you think that political idea but also the religious one can influence the natural evolution of a band that looks out into the underground world and then into the mainstream?

 

I think politics have no point in music. Music is a pure thing of enjoyment and not to convert someone to your opinion. Even if many people see music as a possibility to speak out their political opinion. I think music means more then the human mind understands. We should treat it as the piece of art it really is.

 

How do you promote your music on the web? Do you have ideas to suggest to other bands?

 

I work together with Grandsound Promotion and they are doing a great job. They really care about my needs and answer all my questions. And I had a lot! because I’m really new to the music business, and had/have no idea how all this works. Special thanks to Alex of Grandsound at this point! He helped me with finding a label and gaining attention all over the world.

 

Who do you like to go on tour with?

 

I don’t tour, I’m a one man band. But if I could… Alcest, Lantlos and Pillorian would be the bands of my choice. I love these guys and they music.

 

In your opinion, how much the music is changed in the Internet age?

 

In a good way on one hand because you are able to get to know so many different bands via spotify, youtube etc. and as a musician you are able to reach way more people. On the other hand the music industry dies. CD’s don't get bought anymore, and the musicians don’t get as much money for their work as they used to. 

 

Don’t you think that we have lost the listener's approach to the music itself?

 

Maybe, maybe not. That differs from listener to listener I think.

 

It’s known from a few years to nowadays the decrease public at concerts, whether they are music lovers or real musicians. In your opinion, why with the time is failed "to go to concerts" that once was so stronger?

 

People don't have time anymore. Everyone is busy. That’s the year 2017 and I think this will change again. All this vintage stuff is coming back, and I hope the music-lovers as well.

But even so the big concerts getting bigger, the small ones die. That really is sad.

 

To conclude the interview:

 

Thank’s for the questions! 

Have a good one!


TRADUZIONE A CURA DI VALERIA CAMPAGNALE


Come e quando hai scoperto di amare la musica metal?

 

Avevo 11 anni ed una buona amica mi mostrò il video musicale di Cradle Of Filths traccia "From Cradle To Enslave". Sono stato così sconvolto dal video e dalla musica che ho iniziato a cercare altre cose come quella. Poi un passo porta ad un altro e ho cominciato ad ascoltare Dimmu Borgir, Finntroll, Dornenreich e ancora una delle mie preferite band metal Aaskereia, anche se sono ancora più o meno underground. Così ho iniziato con il black metal molto pesante, che non è così comune credo.

 

L'artwork di un album è molto importante, forse il primo approccio per un futuro nuovo fan. Tu con il tuo cosa volete trasmettere?

 

L'artwork di “Waldmensch” è impressionante e mi piace ancora guardarlo, ho il dipinto appeso al muro nel mio studio. È stato fatto da mio fratello Simon Knjasev e ha fatto un ottimo lavoro. Gli ho dato il mio album e credo sia riuscito a creare un quadro perfetto dell'umore e del contenuto del mio album. Penso che se qualcuno guarda il mio artwork, saprà improvvisamente, quale sarà la musica. Ha questo tipo di depressione e malinconia.

 

Quanto è importante la produzione? Pensi che sia un fattore da considerare com’ è considerata la musica stessa, in quanto è sempre più raro trovare le bande con idee chiare?

 

La produzione alla fine è ciò in cui credo. Fa la differenza tra le band che scrivono canzoni alle prove ogni due settimane senza alcuna connessione e registrando quelle, e le famose band, prendendosi alcune settimane in studio e facendo un intero prodotto. Per il mio album ho avuto un'idea diretta di quello che volevo fare. Alla fine tematicamente, la musica è stata scritta spontaneamente. Le registrazioni sono state fatte in due settimane, quindi penso di riuscire a produrre un progetto con una connessione profonda nelle canzoni. Mi sono davvero divertito. Il mixaggio e la masterizzazione successivamente hanno fatto veramente il suono alla fine. Non sai mai dove ti porterà quando inizi con la tua musica, ma un obiettivo chiaro è sempre buono, credo.

 

Che cosa dovrebbe convincere il pubblico a ascoltare il tuo materiale in una vera e propria concorrenza musicale?

 

La musica che faccio è la musica che ascolto giorno dopo giorno. Non voglio forzare qualcuno ad ascoltare la mia musica. Ma penso che il black metal che faccio sia diverso da quello di altre bande del genere per via delle voci non urlate e del tipo di storia che racconta il mio primo album. Ho fatto questa favola, di un uomo che entra nella foresta, incollato a terra e diventando un albero. Ogni brano racconta un'altra parte della storia. Ci sono uccelli nella mia musica. E acqua. E vento. E molti altri uccelli.

 

Se dovessi associare uno stato d'animo al tuo lavoro per poterlo descrivere, quale sarebbe e perché?

 

Malinconica. Sempre malinconia. L'unico stato d'animo che mi piace molto nella musica.

 

Vivi della tua musica? Se no, qual è la tua attività?

 

Non vivo dalla mia musica. Come potrei? Anche le famose band del genere hanno difficoltà a vivere dalla loro musica. Ho un lavoro normale come funzionario.

 

Quali band ti hanno ispirato a creare un gruppo? In che tipo di suoni eri coinvolto quando hai deciso di avere la tua band?

 

Lantlos, Deafheaven, Harakiri For The Sky , Alcest, Agalloch solo per nominare i nomi influenti per la mia musica. Adoro questo black metal atmosferico, post rock, roba shoegaze. E penso di aver fatto mia la versione con alcune influenze popolari.

 

Cosa pensi delle band che appongono i pensieri politici nei loro testi? Pensi che l'idea politica ma anche quella religiosa possa influenzare l'evoluzione naturale di una band che guarda nel mondo underground e poi nel mainstream?

 

Penso che la politica non ha senso nella musica. La musica è una cosa puramente di piacere e non convertire qualcuno alla tua opinione. Anche se molte persone vedono la musica come una possibilità di esprimere il loro parere politico. Penso che la musica sia più di ciò che la mente umana capisca. Dovremmo trattarlo come l'arte che è veramente.

 

Come promuovi la tua musica sul web? Hai idee da suggerire ad altre band?

 

Lavoro insieme a Grandsound Promotion e stanno facendo un ottimo lavoro. Si interessa davvero alle mie esigenze e risponde a tutte le mie domande. E ne avevo molte! Perché sono nuovo nel business musicale e non ho idea di come funziona tutto questo. Un grazie speciale ad Alex di Grandsound a questo punto! Mi ha aiutato a trovare un'etichetta e ottenere l'attenzione in tutto il mondo.

 

Con chi ti piacerebbe andare in tour?

 

Non vado in tour, sono una one man band. Ma se potessi ... Alcest, Lantlos e Pillorian sarebbero le bande che sceglirei. Amo questi ragazzi e loro la musica.

 

Secondo te, quanto la musica è cambiata nell'era di Internet?

 

In un modo buono da una parte perché sei in grado di conoscere così tante diverse band via spotify, youtube ecc. E come musicista sei in grado di raggiungere più persone. D'altra parte l'industria musicale muore. I CD non vengono acquistati più, ed i musicisti non guadagnano tanti soldi per il loro lavoro che fanno.

 

Non pensi che si sia perso l'approccio dell'ascoltatore alla musica stessa?

 

Forse, forse no. Cambia da ascoltatore ad ascoltatore.

 

È consolidato il declino di pubblico ai concerti da pochi anni ad oggi, siano essi appassionati o musicisti. A tuo parere, perché con il tempo è venuto a mancare l’andare a concerti che invece una volta era così forte?

 

Le persone non hanno più tempo. Ognuno è impegnato. Questo è l'anno 2017 e credo che questo cambierà di nuovo. Tutto questo materiale vintage sta tornando, e spero anche gli amanti della musica.

Ma anche i grandi concerti diventano più grandi, i più piccoli muoiono. Che è veramente triste.

 

Per concludere l’intervista

 

Grazie per le domande. Buona giornata!