Answers by Markey Moon (bass player):

 

Fabio Sansalone:

How and when did you discover your love for music?

 

Markey Moon:It was in primary school. I was 7 years old and got completely crazy for "Wild Boys"! In fact my first record was "Arena" by Duran Duran. I was just starting to play piano but my dream was the electric guitar. Since then I never stopped to listen and play music. And luckily my tastes got wider :)

 

Igor:

The artwork of an album is something very important you know, it can be the very first impression for a new fan.  What do you want to convey/communicate with yours?

 

Markey Moon: The cover art visually summarizes the sub-text of the entire album. It's about human race at the very end of time, when our sun dies becoming a red giant star which devours the whole solar system as supported by many astronomical theories. Maybe we'll manage to survive. If so will we still lose our precious time fighting each others or will we cooperate to last a little longer?

Will we keep on plundering the few resources left or will we finally behave sustainably and respectfully towards our planet? Will we still waste out times in praying imaginary gods or will every cult be merged into the worship of a Mighty Sun, in some way going back where all of them originated? Given this setting, the songs are reflections about the human beings' existence on planet earth.

 

Osten:

Which is the instrument from which the creative process comes out first?

What is the first instrument you play when you’re writing a song? And who does usually writes the songs?

 

Markey Moon: I always start with heavy guitars. Riffing is the coolest thing in the world. Then ideas develop themselves unpredictably and at the end of the process I have a song. It can happen that I have the band listen to my demo and we work on it together. Or some times is our drummer who comes out with his own demo. Some other time (and this is what I like more) we play together and suddenly cool things come out naturally. What is important and stimulating is that everybody in the band contribute to every song with his own sensibility and ideas.

The final result is often very different from the starting point and much more interesting!

 

Edoardo Napoli:

What’s the element which could best lead people to listen precisely to your music, given a so strong competition in music business?

 

Markey Moon: What we look for when composing and playing our music is basically to feel good, to reach that powerful, cathartic feeling that can be only reached by playing your own heavy stuff together. We hope that someone else, listening to our music, can tune in that emotional flux and enjoy it. It doesn't matter how many people, if it's just one, we'll be happy anyway. We don't care about competitions at all.

 

Barabba:

What kind of sound effects do You use when you play your Music? Are They The same you use when you're recording in studio?

 

Markey Moon: We basically use very good 70s style guitars and good old tube amplifiers. We are lucky because our guitar player Mark Simon Hell actually can build this stuff. He has his own line of amplifiers called Jailbreak which are exactly what he and the other guitarist use in TYTUS.

We always try to use the smallest possible amount of effects. We want our recordings to sound very similar to our live sound, so yes, we use the same equipment in studio as well.

 

Ed:

What do you think of the discographic Italian system?

 

Marky Moon: It sucks like any other business whose sole purpose is to maximize profits.

 

Polverone Liz:

1) Can you introduce some influences from rock band that you like in the music that you sing?

 

Markey Moon: Thin Lizzy, Iron Maiden, early Metallica, early Judas Priest, Kyuss, Black Sabbath...

 

2)do you believe in god? Do you approve the christian message or do you try to separate it from you writing satanic lyrics in anti-christian way?

 

Markey Moon: We are convinced atheist. We are not really much interested in christian message nor any other religious stuff. The only interest we have on this all is just from the perspective of how dangerous and harmful it is for human beings, intellectually and socially speaking. Frankly we don't even bother to think about satanism or similar.

 

Nicole Clark:

Do you have different or similar musical backgrounds?

 

Markey Moon: All of us has listened, listens and will listen huge amounts of music of very different kinds, with a 360° perspective. There are a lot of things that we all like. But talking about preferences, everyone of us has his own ones and his own taste, and this is what makes playing together a very stimulating experience.

 

Michele Puma:

What do you thing of bands those introduces political thinking in theirs lyrics? Do you think that politic idea (but religious too) may influence the nature of a band that discover the underground work and then the mainstream?

 

Markey Moon: To take a stand on things and therefore have a political thinking is something that every human being should develop through serious information and reflection. To communicate your mind in some ways is also important and this music is a very interesting vehicle to do it. At the same time, since music is a creative activity, a song should not become a strict political speech. It is a lot more interesting to try to express certain concepts using stories, allusions, metaphors, as the acoustic-guitar-and-voice songwriters of the past were able to do.

 

Team:

And now to close the interview…

 

Thanx Guys!! Long Live Heavy Metal!


Traduzione a cura di Valeria Campagnale


Fabio Sansalone:

Come e quando avete scoperto di amare la musica?

 

Markey Monn- Ero nella scuola primaria. Avevo 7 anni ed ero completamente pazzo per "Wild Boys"! In realtà il mio primo disco fu "Arena" dei Duran Duran. Stavo iniziando a suonare il piano, ma il mio sogno era la chitarra elettrica. Da allora non ho mai smesso di ascoltare e suonare musica. E per fortuna ho una gamma di gusti ampia :)

 

Igor:

L'artwork di un album è molto importante, forse il primo approccio per un futuro nuovo fan. Voi con il vostro cosa volete trasmettere?

 

Markey Moon: La copertina riassume visivamente il sottotesto di tutto l'album. Si tratta di specie umana alla fine dei tempi, quando il nostro sole muore per diventare una stella gigante rossa che divora tutto il sistema solare, come sostenuto da molte teorie astronomiche. Forse riusciremo a sopravvivere. Se così fosse perderemmo ancora il nostro tempo prezioso a combattere gli altri o collaboreremmo per durare un po’ di più?

Continueremmo a saccheggiare le poche risorse o ci comporteremmo finalmente  in modo sostenibile e rispettoso verso il nostro pianeta? Sprecheremmo tempo nel pregare gli dei immaginari oppure ogni credo religioso si fonderebbe nel culto di un Mighty Sun, in qualche modo, torneremmo dove tutto ha origine? Data questa impostazione, le canzoni sono riflessioni sull'esistenza degli esseri umani sul pianeta terra.

 

Osten:

Quale è lo strumento da cui il processo creativo viene fuori prima? Qual è il primo strumento che suonate quando si scrive una canzone? E chi di solito scrive le canzoni?

 

Parto sempre con le chitarre pesanti. Il riffing è la cosa più bella del mondo. Poi le idee si sviluppano in modo imprevedibile ed alla fine del processo ho una canzone. Può succedere che ho la band ad ascoltare il mio demo e lavoriamo insieme. A volte è il nostro batterista che esce con il proprio demo. Un'altra volta (e questo è quello che mi piace di più) suoniamo insieme e le cose improvvisamente cool vengono fuori in modo naturale. Ciò che è importante e stimolante è che tutti nella band contribuiscono a ogni canzone con la propria sensibilità ed idee.

Il risultato finale è spesso molto diverso dal punto di partenza e molto più interessante!

 

Edoardo Napoli:

Cosa dovrebbe convincere il pubblico ad ascoltare proprio il vostro materiale in mezzo ad una concorrenza così vasta?

 

Markey Moon: Ciò che cerchiamo di comporre la nostra musica è sostanzialmente voglia di sentirsi bene, per raggiungere quel potente sentimento catartico che può essere raggiunto solo suonando la propria musica insieme. Speriamo che qualcun altro, ascoltando la nostra musica, sia in grado di entrare in sintonia con quel flusso emozionale e goderne. Non importa quante persone, se è solo una, saremo felici comunque. Non ci preoccupiamo di competere.

 

Barabba:

Che effetti usate quando suonate? Sono gli stessi che poi utilizzate per registrare?

 

Markey Moon: In pratica utilizziamo ottime chitarre anni '70 e buoni vecchi amplificatori valvolari. Siamo fortunati perché il nostro chitarrista Mark Simon Hell in realtà può costruire questa roba. Ha una sua linea di amplificatori chiamata Jailbreak che sono esattamente quelli che lui e l'altro chitarrista hanno usato in “Tytus”.

Cerchiamo sempre di usare la minor quantità possibile di effetti. Vogliamo che le nostre registrazioni siano simili al nostro suono dal vivo, quindi sì, usiamo la stessa attrezzatura anche in studio.

 

Ed:

Cosa ne pensi del sistema discografico italiano?

 

Marky Moon: Fa schifo come qualsiasi altra attività il cui l’unico scopo è quello di massimizzare i profitti. .

 

Polverone Liz:

1)Che rock band influenzano la musica che suonate? 

Markey Moon: Thin Lizzy, Iron Maiden, early Metallica, i primi Judas Priest, Kyuss, Black Sabbath...

2)Credi in Dio? Approvi il messaggio cristiano, non si separa da voi nello scrivere testi satanici in modo anti-cristiano?

 

Marky Moon: Siamo atei convinti. Noi non siamo davvero molto interessati a un messaggio cristiano, né qualsiasi altra roba religiosa. L'unico interesse che abbiamo in tutto questo è solo dal punto di vista di quanto sia pericoloso e dannoso per gli esseri umani, intellettualmente e socialmente parlando. Francamente noi non ci preoccupano neppure di pensare a satanismo o cose simili.

 

Nicole Clark: 

Avete background musicali simili o differenti?

 

Markey Moonnno: Tutti noi ha ascoltato, ascoltano e ascolteranno enormi quantità di musica di diverso tipo, con una prospettiva a 360 °. Ci sono un sacco di cose che a tutti noi piace. Ma parlando di preferenze, ognuno di noi ha il proprio gusto personale, e questo è ciò che rende stimolante a suonare insieme.

 

Michele Puma: 

Cosa ne pensate delle band che inseriscono pensieri politici nei loro testi? Pensate che l'idea politica ma anche religiosa possa influenzare la naturale evoluzione di una band che si affaccia nel mondo underground e successivamente nel mainstream?

 

Mickey Moon: Per prendere posizione sulle cose e quindi avere un pensiero politico è una cosa che ogni essere umano dovrebbe sviluppare attraverso l'informazione seria e la riflessione. Per comunicare in un certo senso è importante anche la musica, veicolo molto interessante per farlo. Allo stesso tempo, poiché la musica è un'attività creativa, un brano non deve diventare un discorso politico. È molto più interessante cercare di esprimere certi concetti utilizzando storie, allusioni, metafore, come i cantautori di chitarra acustica-e-voce del passato sono stati in grado di fare.

 

Team:

Per concludere l'intervista:

 

Grazie ragazzi! Lunga vita all’Heavy Metal!