Fabio Sansalone:

How and when did you discover your love for music?

 

(CHRIS) I think my father was the reason I started listening to music. He showed me much of the metal scene. I discovered my love for music when I started playing the drums. Then I started beatboxing and made some beats with programs. I practice drums every single day and every single day my love for music gets bigger and bigger.

(THOMAS) Back then my father had a subscription for 15 monthly top tracks. Every month a new cd with various styles arrived at our home. A dream for the CD companies back then ;-) My father made sure my main influence was guitar based music, since he played guitar and bass and attended concerts on a regular base.

(DANIEL) Well for me it was at round the age of 12. Somewhere round there. I realized what my sister was listening to at the time wasn’t doing it for me hehe. Then I saw an AC/DC music video on TV and my jaw dropped. I knew that was for me. The rest is history I guess!

(DEJAN) In the Late 90s, early 2000s but my parents couldn't afford an instrument for me (the usual stuff, too loud, too expensive, school is more important, etc...) but after some years, around 2008 when my friends and I started playing "Rock Band/Guitar Hero" I became interested in the guitar, and so it started...

(SAMIR) I started playing guitar when i was 11/12 years old. I was very keen on improving my skills and knowledge. The first guitar player which inspired me was Wes Borland of Limp Bizkit actually. Their song "Take A Look Around" hit me at this time like no other song before and that was the beginning of my love for metal music. The idea of being in a band came up, when i was round about 17/18 years and ever since I´ve been in several band projects.

 

Igor:

The artwork of an album is something very important you know? It can be the very first impression for a new fan.  What do you want to convey/communicate with yours?

 

(ME) I totally agree that it can well be the first impression someone gets of a band. And it’s like the old saying: you only make a first impression once. With our artwork usually we want to come up with something suggestive, thought-provoking that somehow invites people to check us out. So far both our album covers are by Maria Kadaver, a well-known Viennese artist and friend of ours who is undoubtedly making a name for herself.

 

Karen:

Do you have any kind of “target project”?  I mean, what is your dream, your main ambition in music?How do you imagine yourself in five years?

 

(SAMIR) My big dream was/is to become a good guitar player with his own special and unique sound and style. To be succesfull and happy with the band as much as possible. In five years' time I'd like to see myself at least as a member of a band which represents the Viennese metal scene.

(DANIEL) Quite honestly we just go with the flow. Ambition? Well obviously I would love to do more albums and do great gigs and shoot more videos and have as many people as possible listen to us. I have no idea where I’ll be in five years’ time to be brutally honest so all I can do is just push on and enjoy the ride!

 

Osten:

Which is the instrument from which the creative process comes out first? What is the first           instrument you play when you’re writing a song? And who writes the songs usually? 

 

(DEJAN) Usually I come up with the riffs on guitar and Daniel writes his lyrics!  But creativity comes everywhere… another song, from a movie/story, a feeling/mood, etc...

(DANIEL) So far the VoD formula has consisted of Dejan coming up with the main riff and then the rest of the band has contributed their magic. Since we got Samir on board he’s now been contributing quite a bit which is great. I for myself write all the lyrics and vocal melodies of course.

 

Edoardo Napoli:

What’s the element which could best lead people to listen precisely to your music, given a so strong competition in the music business? 

 

(DANIEL) Well I don’t wanna blow on my own flute but I think within a couple minutes of listening to our music it becomes evident that we’re a little different from the rest. Some say it’s my vocal approach, others say it’s our cool mix of styles… the problem nowadays is that there are zillions of subgenres and most bands, although technically amazing, sound pretty much the same. So in terms of character and personality I think we have a lot to offer.

 

Sandro Accardi:

Do you live thanks to your music? If it’s not, what’s your job?

 

(SAMIR) I work for a company which transports money so that our customers don´t have to bring the money to their banks by themselves.

(THOMAS) No - you have to be very determined and extremely lucky to be able to live solely off of 

metal music revenues. I run a company in the internet business since 10 years ago now.

(DEJAN) No. I work as a retail dealer.

(CHRIS) No I don’t live off my music! I have been a paramedic for 3 years now.

(DANIEL) Nowadays it is almost impossible to live off of your music, let alone metal music. This is a passion and if you take this away from me it would definitely suck. I am an account manager for a software company.

 

Barabba:

What kind of sound effects do You use when you play your Music? Are They The same you use when you're recording in studio?

 

(DEJAN) Distortion, Delay, Reverb, Chorus, Phaser, Reverse,etc... for the latest? No (besides the Overdrive/Distortion from my Marshall JVM 410H), but i'll sure use them for the next One!

(THOMAS) In the studio I demanded to use exactly the same amp and sound effects that I use live. I don’t want to disappoint our fans with something completely different. Basically i am using combinations of clean sound, octaviser and various distortion levels.

 

Mystisk Død: 

What's the story behind your name and, if you have it, your artwork?

 

(DANIEL) Sounds great doesn’t it? An old VoD member came up with the name and we all thought it sounded great and it fit our sound and attitude. It is a great monicker indeed and no, it has no connection with Death Angel although I am a big fan. Regarding the artwork… well we wanted to go for something visually engaging. No real story behind it really although there’s always a spiritual element to our artwork and the sempiternal dichotomy of life and death, good and evil is always there.

(DEJAN) The idea actually came from a former VoD guitar player and we were like "Yeah, this sounds awesome!”. The artwork comes from Maria Kadaver and we felt that it perfectly fit the name and our style of music, because both share a mysterious kind of approach to our music!

 

Curse Vag: 

If you have to attach a feeling to your album for describe it, which may be it?

 

(DEJAN) With the first Album, i had a kinda feeling that we recorded this more as a group, because the other guitarist and I were there most of the time, for the pilot guitars, the whole drum recording, the whole guitar recordings, same goes with the bass, and even at the end with the mastering and editing of the album! But for the "Tearing Up The Roots"- album we recorded it more independently - everyone was alone with Norbert L. (The Producer) to record their instrument/parts! This is something I would like to change for the next album, because sometimes you get new ideas or for a particular riff/part or solo, when you're with someone in the room!

(DANIEL ) Self-accomplishment. We all worked so darn hard on this album you wouldn’t believe it and when it all comes to fruition and when you play those songs live and people go nuts you know you’ve done a good job.

(THOMAS) I feel pride most of all since the album was my first professional recording and I am very satisfied with the result . I love the various styles and moods the songs convey. Some songs still give me goosebumps, when playing them!

 

Roberto Bertero: 

When did you decide to form a band and what motivated you to do it?

 

(DEJAN) Well ever since I started to play guitar, and then once you're in a band your bandmates motivate to keep playing…  it's like "you scratch my back and I'll scratch yours"!

 

Michele Puma: 

What do you think of bands who introduce political content in their lyrics? Do you think that political ideas (but religious too) may influence the nature of a band that discovers the underground and then the mainstream?

 

(DANIEL) I don’t mind political/religious lyrics as long as they’re not too preachy to be honest and there are good examples of bands that have really “made it”. I enjoy thought-provoking lyrics but that does not necessarily mean that I agree with the message. That’s the beauty of music in a way!

(SAMIR) If bands want to be political or make political kinda music that´s okay with me. It can be good but also bad- of course it depends how somebody feels about that political message. For me it´s not important and it never was. I want to make music which comes from deep inside, that has its own heart and soul but of course its own message (not political or religious ´cause this is something personal and in my oppinion it should stay that way). Politics and religion unfortunately divide people whereas music connects them.

 

Team:

And now to close the interview…

 

(DANIEL) Well I’d just want to thank those who have made it thus far reading the interview! I’d like to ask all self-respecting metal fans to set a good example and really support their respective underground/metal scenes and help grow those who are still small. And last but most assuredly not least I’d like to encourage people to check us out and support us. I think we’re a band that has a lot to bring to the table and totally worth discovering. Cheers!!


Traduzione a cura di Valeria Campagnale


Fabio Sansalone:

Come e quando avete scoperto di amare la musica?

 

(CHRIS) Credo che mio padre sia stato il motivo per cui ho iniziato ad ascoltare musica. Lui mi ha mostrato gran parte della scena metal. Ho scoperto il mio amore per la musica quando ho iniziato a suonare la batteria. Poi ho iniziato beatboxing e fatto alcune battute con i programmi. In pratica i tamburi hanno fatto si che il mio amore per la musica diventasse sempre più grande.

(Thomas) All'epoca mio padre aveva un abbonamento per 15 Prime tracce mensili. Ogni mese un nuovo cd con vari stili arrivava a casa nostra. Un sogno per le aziende di CD allora. Mio padre si è assicurato che la mia influenza principale fosse la musica a base di chitarra, dal momento che ha suonato chitarra e basso e ha partecipato a concerti su una base regolare.

(Daniel) Beh, per me è stato intorno all'età di 12. Ho capito quello che quello che ascoltava mia sorella all'epoca non faceva per me hehe. Poi ho visto un video musicale degli AC / DC in TV e sono rimasto aperta. Sapevo che era per me. Il resto è storia immagino!

(DEJAN) Negli anni '90, primi anni del 2000 i miei genitori non potevano permettersi uno strumento per me (la solita roba, troppo forte, troppo costoso, la scuola è più importante, ecc ...), ma dopo alcuni anni, intorno al 2008, quando con i miei amici ho iniziato a giocare "rock band / guitar Hero" mi sono interessato alla chitarra, e così è iniziato ...

(SAMIR) ho iniziato a suonare la chitarra quando avevo 11/12 anni. Ero molto appassionato nel migliorare le mie competenze e conoscenze. Il primo chitarrista che mi ha ispirato è stato Wes Borland dei Limp Bizkit in realtà. La loro canzone "Take A Look Around" mi ha colpito come nessun altra canzone prima ed è stato l’inizio del mio amore per la musica metal. L'idea di essere in una band si avvicinò, quando ero intorno ai 17/18 anni e da allora sono stato in diversi progetti.

 

Igor Gazza:

L'artwork di un album è molto importante, forse il primo approccio per un futuro nuovo fan. Voi con il vostro cosa volete trasmettere?

 

(ME) Sono assolutamente d'accordo che può ben essere la prima impressione che qualcuno possa avere di una band. Con il nostro artwork di solito vogliamo dare qualcosa di suggestivo, che stimola la riflessione che in qualche modo invita le persone a fare il check out. Finora entrambe le nostre copertine degli album sono state realizzate da Maria Kadaver, una nota artista viennese e nostra amica.

 

Karen:

Avete un progetto in particolare come obiettivo? Qual'è la vostra massima aspirazione? Come vi vedete da qui a qualche anno?

 

(SAMIR) Il mio grande sogno era / è quello di diventare un buon chitarrista con un suo sound unico e speciale. Essere felice con il gruppo il più possibile. Tra cinque anni mi piacerebbe vedere me stesso almeno come membro di un gruppo che rappresenta la scena metal viennese.

(Daniel) Onestamente dobbiamo solo andare con il flusso. Ambizione? Beh, ovviamente, mi piacerebbe fare più album e fare grandi concerti e girare altri video e avere il maggior numero possibile di persone che ci ascoltano. Non ho idea di dove sarò tra cinque anni per essere brutalmente onesto, così tutto quello che posso fare è solo spingere e godermi il viaggio!

 

Osten: Quale è lo strumento da cui il processo creativo viene fuori prima? Qual è il primo strumento che suonate quando si scrive una canzone? E chi di solito scrive le canzoni?

 

(DEJAN) Di solito io con i riff della chitarra e Daniel scrive i suoi testi! Ma la creatività arriva ovunque... da un'altra canzone, da un film / storia, un sentimento / umore, ecc...

(Daniele) Finora la formula consiste in  Dejan che arriva con il riff principale e poi il resto della band contribuisce con la propria magia. Dato che abbiamo avuto Samir a bordo, sta contribuendo alla grande. Io invece scrivo tutti i testi e le melodie vocali, naturalmente.

 

Edoardo Napoli:

Cosa dovrebbe convincere il pubblico ad ascoltare proprio il vostro materiale in mezzo ad una concorrenza così vasta?

 

(Daniel) Beh non voglio portare acqua al mio mulino, ma penso che entro un paio di minuti d’ ascolto della nostra musica diventa evidente che siamo un po’ diversi da altri. Alcuni dicono che è il mio approccio vocale, altri dicono che è il nostro fresco mix di stili... il problema oggi è che ci sono un'infinità di sottogeneri e la maggior parte delle band, anche se tecnicamente sorprendente, suona più o meno allo stesso modo. Quindi, in termini di carattere e personalità credo che abbiamo molto da offrire.

 

Sandro Accardi:

Vivete grazie alla vostra musica? Se non è così, che mestiere fate?

 

(SAMIR) Io lavoro per una società che trasporta denaro in modo che i nostri clienti non debbano portare loro stessi i soldi alle banche.

(Thomas)  Devi essere molto determinato ed estremamente fortunato ad essere in grado di vivere solo di ricavi musicali. Gestisco una società nel settore internet da 10 anni fa.

(DEJAN) No. Io lavoro come un rivenditore al dettaglio.

(CHRIS) No io non vivo della mia musica! Sono stato un paramedico per 3 anni.

(Daniele) Al giorno d'oggi è quasi impossibile vivere di musica,. Si tratta di una passione. Sono un account manager per una società di software.

 

Barabba:

Che effetti usate quando suonate? Sono gli stessi che poi utilizzate per registrare?

 

(DEJAN) Distortion, Delay, Reverb, Chorus, Phaser, Reverse, ecc ... (oltre al Overdrive / Distortion del mio Marshall JVM 410H).

(Thomas) In studio ho chiesto di utilizzare esattamente lo stesso amplificatore e gli effetti sonori che uso dal vivo. Non voglio deludere i nostri fan con qualcosa di completamente diverso. Fondamentalmente sto usando combinazioni di suono pulito, octaviser e vari livelli di distorsione.

 

Mystisk Død: 

Qual è la storia dietro al vostro nome e se esiste, quella del vostro artwork?

 

(Daniel) suona alla grande non è vero? Un vecchio membro dei VoD propose il nome e tutti abbiamo pensato che sembrava ottimo per il nostro sound e l'atteggiamento. Si tratta di un grande monicker davvero e no, non ha alcun legame con i Death Angel anche se io ne sono un grande fan. Per quanto riguarda l’artwork... abbiamo deciso di fare qualcosa di visivamente coinvolgente. Nessuna vera storia dietro di esso in realtà, anche se c'è sempre un elemento spirituale per la nostra arte e la dicotomia sempiterna della vita e della morte, il bene e il male ci sono sempre.

(DEJAN) L'idea in realtà è venuta da un ex chitarrista VoD e noi pensammo: "Sì, questo suona impressionante!". L’artwotk viene da Maria Kadaver e abbiamo sentito che si adatta al nome e al nostro stile di musica, perché entrambi condividono una misteriosa sorta di approccio alla nostra musica!

 

Curse Varg:

Per descrivere l‘album con una sensazione, quale sarebbe?

 

(DEJAN) Con il primo album, ho avuto un po’ la sensazione d'aver registrato più come un gruppo, perché l'altro chitarrista e io eravamo lì la maggior parte del tempo, per le chitarre pilota, l'intera registrazione della batteria, l'intere registrazioni di chitarra, stesso vale con il basso, e anche alla fine, con la modifica e il mastering del disco! Ma per il "Tearing Up The Roots" abbiamo registrato in modo più indipendente, tutti erano da soli con Norbert L. (il produttore) per registrare il proprio strumento! Questo è qualcosa che vorrei cambiare per il prossimo album, perché a volte si ottengono nuove idee o per un particolare riff / o parti soliste, quando sei con qualcuno nella stanza!

(Daniel) Auto-realizzazione. Abbiamo tutti lavorato così maledettamente duro su questo album e quando tutto viene a compimento e quando si suonano quelle canzoni dal vivo, la gente impazzisce e sai che hai fatto un buon lavoro.

(Thomas) Mi sento orgoglioso più di tutti dal momento che l'album era la mia prima registrazione professionale e sono molto soddisfatto del risultato. Amo i vari stili e gli stati d'animo che le canzoni trasmettono. Alcune canzoni ancora mi fanno venire la pelle d'oca, quando le suoni!

 

Roberto Bertero:

Quando avete deciso di costituire un gruppo e che band vi hanno spinto a farlo?

 

(DEJAN) Bene da quando ho iniziato a suonare la chitarra, e poi una volta che sei in una band i tuoi compagni ti motivano a continuare a suonare... è come "grattarsi la schiena a vicenda"!

 

Michele Puma: 

Cosa ne pensate delle band che inseriscono pensieri politici nei loro testi? Pensate che l'idea politica ma anche religiosa possa influenzare la naturale evoluzione di una band che si affaccia nel mondo underground e successivamente nel mainstream?

 

(Daniel) non mi dispiacciono i testi politico / religiosi, purché non sono troppo predicatori ad essere onesti e non ci sono buoni esempi di band che hanno realmente "resa". Mi piacciono i testi che stimolano la riflessione, ma che non significa necessariamente che sono d'accordo con il messaggio. Questo è il bello della musica in un modo!

(SAMIR) Se le band vogliono essere politiche o fare politica, va bene per me. Può essere una cosa buona, ma anche male, ovviamente dipende da come qualcuno si sente in quel messaggio politico. Per me non è importante, non lo è mai stato. Voglio fare musica che viene dal profondo, che ha una sua anima ed un cuore, ma, naturalmente, il proprio messaggio (non politico o religioso questo è qualcosa di personale e a mio parere si dovrebbe rimanere così). La politica e la religione, purtroppo dividono le persone mentre la musica li collega.

 

Team:

Per concludere l'intervista:

 

(Daniel) Beh vorrei solo ringraziare coloro che hanno letto finora l'intervista! Mi piacerebbe chiedere a tutti gli appassionati di metal che si rispetti a dare il buon esempio e sostenere le loro rispettive scene underground metal e far crescere coloro che sono ancora piccoli. E, ultimo ma quasi sicuramente non meno importante vorrei incoraggiare le persone a fare il check out e ci sostengano. Penso che siamo una band che ha molto da dare e vale la pena scoprire. Saluti!!