Di bands come i The Brood a volte si sente la mancanza. Non necessitano concentrazione di ascolto e pur suonando uguali a mille altri gruppi risultano comunque godibili. Il quintetto londinese con questo album, chiamato The Truth Behind, si pone il semplice compito di disintegrare tutto e tutti con ironia, ignoranza ed arroganza a palate. Il loro fucile armato a cartucce grind, hardcore, black metal e crust, non farà prigionieri, gli ascoltatori sono avvisati.

 

L’album in questione non ha nessuna pretesa di innovare o diventare una leggenda. I pezzi vengono sparati a raffica di mitragliatrice. Ogni brano dura pochissimi minuti concentrando al suo interno violenza e marciume, come in “Barbie Voorhees”, scheggia impazzita che si accoppia perfettamente a “Descending Into Madness”, bordata grind rapida ed in your face.

Nonostante molte tracce tendano ad assomigliarsi il gruppo tenta di variare la proposta per quanto possibile inserendo un sound più malvagio e glaciale, assimilabile al black metal (“Of Guts and Fire”) oppure ricorrendo a pezzi più immediati ed addirittura cantabili come “Seeds of Demise” canzone hardcore con cori e schitarrate punkeggianti. La sezione ritmica è un formidabile rullo compressore e lo si nota generalmente in tutto il disco (si ascolti ad esempio “Reign Of The Leeches”), la voce è furiosa e aggressiva ma mai eccessivamente pesante, mentre le chitarre fanno il loro sporco e putrido lavoro impegnate a maciullare i timpani (tra le tante “One By One” dal riffing hardcore e “Mud Doll Factory” dove convergono tutte le sonorità della band). I rimanenti brani, tranne qualche intermezzo, ricalcano gli stilemi appena descritti.

 

Un disco per soli appassionati, ma che risulterebbe meglio ascoltato e sudato dal vivo dato che l’energia sprigionata va vissuta direttamente sulla pelle. Un lavoro leggero e discretamente coinvolgente ma assolutamente non indispensabile. Si eviti di aspettarsi troppo. La semplicità è il suo punto di forza, ma è pochino per essere ricordato a lungo termine.

 

 

Falc.

60/100