6 GIUGNO 2018

DOMANDE A CURA DI MELISSA GHEZZO

 

Benvenuti su IVL !  

Siete una band molto giovane e fresca nata solo qualche anno fa, 2014, cosa ha fatto scattare la voglia di buttarvi nella giungla musicale?

 

Ciò che maggiormente ci ha spronato a "buttarci" in quest'avventura è stata la volontà di esprimerci e farci conoscere per ciò che facciamo...amiamo profondamente la musica e siamo molto fieri e felici di fare ciò che più ci piace. 

      

Chi sono gli Hadeon?

 

Bella domanda... Gli Hadeon  sono una band molto legata al concetto di musicalità, sperimentazione ed emozione... Penso che questo riassuma brevemente ciò che siamo e a cui costantemente aspiriamo.

Siamo una band molto legata alla melodia, una bella canzone (di qualunque genere) deve avere una forte componente melodica! Partendo da questo presupposto ci piace poi sperimentare soluzioni diverse dall'ordinario...lasciandoci ispirare dalle tematiche che scegliamo di affrontare! 

 

“Sunrise”, primo disco per voi uscito lo scorso dicembre. Impressioni ed emozioni legate a questa prima esperienza della band?

 

È un disco che abbiamo voluto ad ogni costo!... la fine di un ciclo e l'inizio di uno nuovo! Siamo davvero molto legati al nostro primo lavoro... Penso rappresenti pienamente ciò che dicevo prima sul chi siano gli Hadeon e siamo davvero orgogliosi del risultato perché è pieno di tutta la passione che ci abbiamo messo per realizzarlo!

 

Molte recensioni dicono che Sunrise sia una delle migliori produzioni progressive metal di questo 2018 con ogni dettaglio curato alla perfezione. Molte bands prog tendono a diventare stucchevoli nel tempo. Cosa pensate sia importante per mantenere sempre un sound fresco ed interessante?

 

È davvero importante e gratificante per noi sapere questo... Credo che se si lavora sodo e col cuore la musica arriverà sempre in qualche modo! Detto ciò... Si effettivamente il rischio legato al portare avanti ed evolvere il sound è molto delicato! Senza dubbio è necessario del tempo fra un uscita e la successiva per "ricaricare" le batterie e le idee... Credo sia sbagliato comporre materiale nuovo fonico da subito! È un genere musicale che richiede tempo, cura e dedizione per poter trovare delle idee musicali efficaci e vincenti! Dal nostro punto di vista è essenziale continuare a progredire ed evolvere ciò che abbiamo fatto nel primo capitolo.. prendiamo i lati migliori cercando di svilupparli ulteriormente... l'autocritica e l'obbiettivita sono essenziali!

 

 

Avete molte influenze ed ispirazioni date da grandi bands come i Dream Theater, Leprous, Genesis, Yes... Ascoltando il brano “Thoughts 'n' Sparks” mi sono venuti in mente un paio di films ovvero Labyrinth e Sweeney Todd con sprazzi di scene fantasy. Ci sono stati dei films che hanno stimolato la vostra curiosità nella composizione ed interpretazione dei vostri pezzi?

 

Si come tu hai citato le nostre influenze principali vengono proprio da quelle band... Il prog degli anni 70, ma anche quello più recente, ci ha davvero appassionati ed ispirati... Per quanto mi riguarda non sono un grande appassionato di film per cui non saprei proprio cosa risponderti... sicuramente non rientrano fra le mie fonti d'ispirazione ma posso capire il motivo per cui ci accostiate a tali pellicole.

 

Immagino la vostra melodia come un pennino che scivola su un foglio bianco scrivendo parole leggere.

Da cosa nasce la delicatezza del vostro sound?

 

Che bella immagine, Grazie! Penso che la delicatezza del nostro sound sia dovuta a un insieme di componenti... Senza dubbio la voce di Federico ci porta a suonare e a scrivere in un certo modo... ma soprattutto l'idea di creare un vero e proprio viaggio sonoro porta ad un inevitabile sviluppo di dinamiche e sfumature sonore che spesso ci portano a creare delle parti davvero molto delicate ed intense.

 

Ci sono dei particolari momenti che vi hanno maggiormente unito in questi anni o che vi hanno anche portati a pesanti litigi?

 

Come in tutte le relazioni interpersonali ci sono senza dubbio stati momenti di tensione, stanchezza e discussione... arrivi ad un punto di stallo e vorresti mollare tutto... ma per fortuna la grande amicizia che ci lega, la passione ed il rispetto per ciò che facciamo ci ha portato fino qui... e spero lo continui a fare per molto.

 

Come definireste la nostra scena musicale, italiana ed in particolar modo friulana?

 

La scena italiana e friulana è variopinta! Ci sono un sacco di validissime band prog, rock, metal, folk che sfornano dei prodotti di alta qualità... Nel nostro piccolo Friuli ci sono tante realtà davvero valide... quindi in definitiva senza dubbio l'Italia ed il Friuli hanno tanto da dire e dare al mondo.