16 NOVEMBRE 2017

DOMANDE A CURA DI:

CATERINA LA GROTTERIA

GIULIA DE ANTONIS

FABIO SANSALONE

 

(SOTIRIS ANSWERS)

 

First of all, welcome to I.V.L. guys! How are you doing?

 

Thanks, everything is going great. 

 

Let's start the interview talking a bit about the history of the band: how your musical project was born back in the days?

 

We have quite a long history as band, as we were formed back on the 90’s. So we started “the old way”, releasing a demo tape, contacting zines and labels and gradually building a reputation. The original core of the band, me, Seth and Christos, has remained the same all those years. At this point we have released 10 full length albums with “Codex Omega” being our latest. 

 

Talkin' about the band name: how the name "Septic Flesh" (at the beginning of your carreer) and then "Septicflesh" as a whole word came to be? 

 

Obviously it is more of a symbolic and visual thing, as the meaning in any case is the same. There was a period after the release of our album Sumerian Daemons, that the band was disbanded. So when eventually we decided to reunite, returning with the album “Communion” we decided to mark our second coming and our union by joining the two words of our name together. 

 

Have you worked on other music projects? Which? Describe them and say if they have influenced the style of Septicflesh.  

 

Yes, each one of us has been involved to various projects, which present something different from the sound of Septicflesh. But of course there are also some common fragments. The most active and famous project is Chaostar, that is the brainchild of Christos.

 

When you think about metal, you instinctively think about Scandinavia. How did it feel, especially at the beginning, to play metal and trying to get recognized in your Country (Greece)?

 

It was extremely difficult and indeed bands from Scandinavia and other more traditional metal scenes, had a head start gaining much easier a contract with a strong label, the attention of the magazines, a position in the big festivals etc. So we had to work really hard, for many years and in general have a lot of patience to get to where we are now. 

 

Have you ever thought about becoming musicians and having a great follow-up when you was a child? What were your dreams?

 

I started playing music from an early age. My first instrument was violin and I studied it for several years. Actually my first ever live performance was with a violin. But of course when I was acquainted with metal music I immediately fell in love with the sound of the guitar and changed my direction. So it felt very natural to me, to be involved with music and I had this dream from an early age. Also Seth and Chris wanted to be fully involved with art and focused 100% to this goal.

 

And what do you think about the metal musical scene in your Country nowadays?

 

The Greek scene has managed to grow, gaining the respect and attention of the wider metal audience with quite a few bands and musicians. Gladly, there are many new promising bands to check out, so keep an eye open. 

 

Are there some artists who particularly inspired you in some way? Are there greek musicians who inspired your way of making music and that you particularly appreciate and respect?

 

Yes, like the Greek-American composer Basil Poledouris that has being involved in great soundtracks for movies as Conan the Barbarian, RoboCop, Starship Troopers etc and also the genius, Iannis Xenakis. 

 

Are there some of them with whom you'd like to collaborate someday?

 

It would be something incredible if we had the chance to work with Basil Poledouris for a movie project someday. 

 

What's your opinion about the new way of listening to music today? You know, all the issues about the digitalization of music through "apps" and streaming services?

 

Indeed there are many issues, but simply it is the way of things right now and as it is seems there is no turning back. Personally, I prefer to obtain a physical copy of an album that I like and have it in my collection.

 

What’s most important for you in music, study or talent?  

 

Both. I have seen people with talent never reaching their full potential and “decline” because of laziness and the lack of a steady study schedule. On the other hand there are many musicians that study a lot, but have no talent at all and what they offer is soulless and doesn’t stand out. Music in order to keep evolving and being something exciting and fresh needs front runners and not well polished mediocrity. 

 

What are the greatest sources of inspiration both for your lyrics and sound?

 

We listen to a wide variety of musical styles from all kinds of metal music, to gothic rock, classical music and music soundtracks and that is reflected in our sound. As for the lyrics I draw inspiration from  history-mythology, literature, the occult, philosophy, science, the human psyche etc. 

 

You split back in 2003, and then reunited five years later... Ho did that come? What made you first split and what did encourage you to get back together later, with such a style change like what we heard in Communion, back in 2008?

 

There was a point when all the members of the band felt tired and wanted to focus to different personal goals instead of the band and  so we decided to disband. However, as the time passed and  personal goals were achieved, we reconsidered our choice. Seth contacted me and told me that he and Chris wanted to resurrect the band and that Season of Mist was interested for collaboration. At the time I was preparing a solo project called Aenaos, but I decided to put it on hold and joined the others. From our first talks, we made the basic decisions about the musical direction of the new era of Septicflesh. We wanted to present something fresh, brutal yet more experimental, using this time full orchestra and attempting a more advanced composing method. We didn’t know how people would react to it, but it was what we wanted and went for it. 

 

Talking again about your sound, what did lead you to change so much in your music, with this massive introduction of symphonic elements, a huge orchestra and choir? Is that something you always intended to do someday?

 

Yes. We always experimented with  the symphonic element in our music. Take for example the last track of our first album, called “Mythos”. Gradually, we added a female operatic singer on the mix, collaborating with  Natalie Rassoulis and then on the recordings of “Sumerian Daemons” we added a small choir. In order to pursue a full symphonic approach, we had to gain the needed experience to do it right and of course an appropriate financial support. Christos studied composition at the London College of Music taking a diploma and then acquired a Bachelor of Music and a Master’ Degree in concert music. So finally we had the proper basis to attempt the big step and Season of Mist was positive to finance it.

Is there a song, or an entire album of yours which could totally define you? Does it belong to the Old or the New Era of Septicflesh?

 

All our albums are parts of the big puzzle that is Septicflesh. 

 

Have you got new or extra projects in the making? Talking about your new album,  do you think you can consider it as a new "turning point"?  There will be a new tour too, right?

 

Yes. Right now all of us, are focused on Septicflesh and the promotion of the new album.  The new tour already started along with our brothers Fleshgod Apocalypse in Latin America. This is just the first “attack”. There is going to be a really extended tour for the new album including many places around the world. “Codex Omega” is our most mature release to date, presenting the best elements that defined the sound of Septicflesh all those years, plus some new elements and thus opening a new chapter. 

 

Well, we got to the end of our chit-chat! Thank you very much for your time with us! You can leave a message for our readers out there if you like.

 

Keep the dark flame burning!

 


TRADUZIONE A CURA DI CATERINA LA GROTTERIA


 

(RISPOSTE DI SOTIRIS)

 

Prima di tutto, benvenuti su I.V.L. ragazzi! Come state?

 

Grazie, sta andando tutto alla grande.

 

Iniziamo parlando un po' della vostra storia: come è nato il vostro progetto, alle origini?

 

La nostra è una storia piuttosto lunga, dato che ci siamo formati negli anni '90. Così abbiamo iniziato "alla vecchia maniera", rilasciando un demo su audiocassetta e contattando magazine ed etichette vari per farci una reputazione pian piano. Il nucleo originale della band formato da me, Seth e Christos è rimasto lo stesso in tutti questi anni. Ad oggi abbiamo alle spalle 10 album con "Codex Omega", il nostro ultimo lavoro.

 

Riguardo il vostro nome: come mai la trasformazione da "Septic Flesh"  (all'inizio della vostra carriera) a "Septicflesh"?

 

Chiaramente è una questione più simbolica e "visiva", dal momento che il significato rimane invariato. C'è stato un periodo, dopo l'uscita di Sumerian Daemons, in cui il gruppo era allo sbando. Così quando alla fine abbiamo deciso di riunirci, tornando sulle scene con l'album "Communion", abbiamo scelto di marcare il nostro ritorno e la nostra unione, congiungendo le due parole del nostro nome.

 

Avete lavorato ad altri progetti? Se si, quali? Hanno influenzato lo stile dei Septicflesh?

 

Si, ognuno di noi è coinvolto in vari progetti che presentano qualcosa di diverso dal tipico sound Septicflesh. Ma ovviamente ci sono degli elementi in comune. Il progetto più attivo e famoso è quello dei Chaostar, partorito dalla mente di Christos. 

 

Quando si pensa al metal, quasi d'istinto viene in mente la Scandinavia. Com'è stato, specialmente agli inizi, fare metal e farsi conoscere nel vostro Paese (La Grecia)? 

 

E' stato estremamente difficile, infatti  molte band scandinave o provenienti da altre scene più tradizionalmente metal hanno avuto un inizio meno traumantico, ottenendo più facilmente un contratto con una grande etichetta, l'attenzione delle riviste, un posto nei grandi festival e così via. Quindi noi abbiamo dovuto lavorare duro, per tanti anni e in generale abbiamo avuto bisogno di molta pazienza per arrivare dove siamo adesso.

 

Immaginavate, da bambini, di diventare musicisti e avere un seguito così vasto? Quali erano i vostri sogni?

 

(Sotiris) Io ho iniziato a suonare quando ero molto piccolo. Il mio primo strumento è stato il violino e l'ho studiato per un po' di anni. In effetti la mia prima esibizione live è stata con il violino. Ovviamente quando poi ho familiarizzato col metal mi sono innamorato immediatamente del suono della chitarra e ho cambiato strada. Quindi diciamo che per me è stato molto naturale fare musica e avevo questo sogno fin da bambino. Anche Seth e Chris volevano la stessa cosa e sono rimasti concentrati al 100% sull'obiettivo.

 

E cosa pensate della scena metal attuale nel vostro Paese?

 

La scena greca è riuscita a crescere, ottenendo il rispetto e un'attenzione più vasta del pubblico del genere, grazie ad alcune band e musicisti. Fortunatamente ci sono molti nuovi nomi promettenti da scoprire, dateci un'occhiata.

 

Ci sono artisti che vi hanno ispirato in maniera particolare? Ve ne sono di greci che hanno ispirato il vostro modo di far musica e che apprezzate e rispettate particolarmente?

 

Si, come il compositore greco-americano Basil Poledouris, che ha curato bellissime colonne sonore per film come Conan il Barbaro, RoboCop, Starship Troopers e altri, così come quel genio di Iannis Xenakis.

 

E vorreste collaborare con qualcuno di loro un giorno?

 

Sarebbe incredibile avere l'occasione di lavorare con Basil Poledouris per un progetto cinematografico, un giorno. 

 

Qual è la vostra opinione in merito al nuovo modo di ascoltare musica? Insomma, tutte le questioni legate alla digitalizzazione della musica e l'ascolto tramite servizi di streaming e "app" varie...? 

 

Infatti le questioni  in merito sono molte, però, semplicemente, questo è il modo in cui le cose vanno ora e pare sia un punto di non ritorno. Personalmente preferisco avere la copia fisica di un album che mi piace per averlo nella mia collezione.

 

Cosa è più importante nella vostra musica,  lo studio o il talento?

 

Entrambi. Ho visto persone di talento che non hanno mai raggiunto il loro pieno potenziale e "sprofondare" per via della pigrizia e la mancanza di un buon metodo di studio. D'altro canto, vi sono molti musicisti che studiano molto, ma non hanno talento affatto e quel che offrono è senza anima e non spicca. La musica, per continuare ad evolversi e essere qualcosa di entusiasmante e fresco ha bisogno di campioni, non di mediocrità ben camuffata. 

 

Quali sono le più grandi fonti di ispirazione per voi, in termini di testi e sonorità?

 

Ascoltiamo molti generi musicali, dal metal al gothic rock, classica e colonne sonore. Tutto questo si riflette nel nostro sound. Per quanto concerne i testi traggo ispirazione da storia/mitologia, letteratura, occulto, filosofia, scienza, la psiche umana e così via. 

 

Vi siete separati nel 2003, per poi riunirvi dopo 5 anni... Come è successo? Cosa vi ha condotto allo scioglimento e cosa vi ha incoraggiato a tornare insieme in un secondo momento, con un tale cambio di stile come si è potuto ascoltare in Communion, nel 2008? 

 

C'è stato un dato momento in cui tutti i membri della band si sentivano stanche e volevano concentrarsi su obiettivi personali invece che sulla band, così abbiamo deciso di separarci. Comunque, una volta passato del tempo e raggiunti quegli obiettivi, abbiamo riconsiderato la nostra scelta. Seth mi chiamò e mi disse che lui e Chris volevano resuscitare il gruppo e che la Season of Mist era interessata a una collaborazione. All'epoca stavo preparando un progetto solista chiamato "Aenaos", ma decisi di accantonarlo e mi unii agli altri. Fin dalle prime chiacchierate, prendemmo le decisioni fondamentali sulla direzione musicale della nuova era dei Septicflesh. Volevamo presentare qualcosa di fresco, brutale ma comunque più sperimentale,usando questa volta una vera e propria orchestra e tentando di adottare un metodo compositivo più complesso e avanzato. Non sapevamo come avrebbe reagito la gente, ma era quello che volevamo e abbiamo proseguito in questa direzione. 

 

Parlando ancora del vostro sound, cosa vi ha spinto dunque verso questo cambiamento così radicale con l'introduzione di importanti elementi sinfonici, un'intera orchestra e un coro? Si può dire che fosse, in fondo, qualcosa che avreste sempre desiderato? 

 

Si. Abbiamo sempre sperimentato con una certa componente sinfonica nella nostra musica. Prendete ad esempio l'ultimo brano nel nostro primo album, "Mythos". Gradualmente, abbiamo introdotto una voce lirica nel mix, grazie alla collaborazione con Natalie Rassoulis e, poi, abbiamo aggiunto un piccolo coro durante le registrazioni di "Sumerian Daemons". Per adottare un approccio "sinfonico" a tutto tondo, dovevamo acquisire l'esperienza necessaria per farlo nel modo giusto e, ovviamente, un supporto finanziario adeguato. Christos poi ha studiato composizione al London College of Music ottenendo un diploma, una laurea e un master. Così, finalmente avevamo tutte le carte in regola per provare a fare il grande passo, con la Season of Mist disposta a supportarci. 

 

C'è un brano o un album che possa definirvi particolarmente? Appartiene alla prima epoca dei Septicflesh o alla "nuova"?

 

Beh, tutti i nostri album sono parte del grande puzzle che compone i Septicflesh.

 

Avete altri progetti in cantiere attualmente? Riguardo al vostro nuovo album (Codex Omega), pensate di poterlo considerare come una "nuova, ulteriore svolta" nella vostra storia? Chiaramente c'è anche un nuovo tour, giusto? 

 

Si. Al momento siamo tutti concentrati sui Septicflesh e alla promozione del nuovo album. Il tour è iniziato insieme ai nostri fratelli Fleshgod Apocalypse in America Latina. Si tratta giusto del "primo attacco". Ci sarà un tour veramente vasto per questo nuovo album e toccherà varie parti del Globo. "Codex Omega" è indubbiamente il nostro lavoro più maturo, con gli elementi migliori che nel corso degli anni hanno definito il sound dei Septicflesh, con qualche novità, certo. Quindi si, si apre un nuovo capitolo, indubbiamente. 

 

Bene, siamo giunti alla fine della nostra chiacchierata! Grazie mille per il tempo trascorso con noi! Un messaggio per i nostri lettori?

 

"Keep the Dark Flame Burning!"