Freakings è un progetto puramente trash metal, fondato nel 2008 in Svizzera e composto da tre membri.

Nel 2011, dopo tre anni dalla nascita, compongono il loro primo full-length dal titolo “No Way Out”, un lavoro che diede molta carica alla band, e che la spinse quindi a proseguire.

Nel 2014 arriva “Graldiator” che suscitò molta attenzione e gli fece guadagnare più riconoscimento. La band, ormai carica e decisa, da vita al loro ultimo lavoro, rilasciato il 06.03.2017: “Toxic End”.

Un album che sembra promettere bene nell’ambiente trash, e che ora andremo ad analizzare.

La cover art rappresenta uno scenario post apocaliptico, realizzato in stile dipinto, caratterizzato da colori contrastanti che richiamano molto gli anni 80’, questo basterebbe per catturare attenzione e voglia di andare oltre. L’album è composto da undici tracce, andandole ad ascoltare ci si rende subito conto che la band propone puro trash metal old style, grazie anche alla scelta delle sonorità molto adatte al genere. La voce priva di effettistiche in stile scream sporco, assieme al coro, aiutano a definire bene lo stile ed i cambi di parti, accentuando e riempiendo dove serve. Il basso, anche se poco distinguibile, è abbastanza presente, fa un po’ da tappeto e da ambiente gonfiando il muro di suono. La chitarra  ha un ruolo fondamentale, ovvero quello di dare tema, e lo fa con una buona esecuzione, precisa nelle dinamiche, utilizza sonorità molto melodiose e trash ma al tempo stesso definite. Cosi come anche la batteria fa molto bene la sua parta. Buona anche l’equalizzazione del set che definisce con chiarezza tutte le dinamiche.

Toxic End è un album dedicato ai trasher purosangue!

 

Tracklist:

Hell On Erath 

Future Vision 

Violent Disaster 

TxWxNxD 

Toxic End 

Friendly Fire 

Brain Dead 

Price Of Freedom 

Wave Of Pain 

Beer Attack 

No More Excuses 

 

Line-Up:

Simon Straumann - Drums 

Toby Straumann - Bass 

Jonathan Brutschin - Guitars, Vocals 

 

 

Francesco Corcio

80/100