Band: Kreator

Data Uscita: Gennaio 2017

Etichetta: Nuclear Blast Entertainment

Nazione: Germania(Essen)

 

Ed eccomi qui a parlare del nuovo lavoro dei Kreator, Band tedesca famosissima, che fino ad oggi ha lanciato sul mercato 14 Album Studio e ben 8 album live.

Oggi parliamo dell'ultima fatica intitolata "Gods Of Violence".

L'album viene rilasciato dopo cinque anni da "Phantom Antichrist", un concept piuttosto discusso che ha diviso in due i fans; un album che non credo possa restare nei ricordi di chi mastica il Metal e apprezza i capolavori totali; molto discutibile e poco spumeggiante.

Ma torniamo a noi...

Intanto credo doveroso ricordare ai più che i Kreator non sono diventati dei Big da subito, anzi; la loro gavetta nel mondo Underground è durata molto tempo e ha permesso ai quattro Thrasher di Essen di dare una scossa positiva al Thrash Metal, di farsi conoscere e apprezzare in tutto il mondo per la propria potenza sonora stilisticamente indirizzata ad un Thrash Metal classico, ma che anno dopo anno si è estremamente modernizzato lasciando in parte alle spalle l'atmosfera più Old School, che ormai fa parte del passato.

"Gods Of Violence" è un disco davvero maturo, il songwriting è elevatissimo, la produzione è impressionante, è attuale al 100%, al passo coi tempi e forse anche qualcosa in più.

La band indubbiamente passa un momento brillante e quest'album ne è la prova.

Il full in questione gode di una struttura davvero notevole, di una potenza Thrash di tutto rispetto che a tratti viene scissa completamente da melodie esagerate ma che piacciono molto.

L'ispirazione dell'album è palpabile, coinvolge totalmente per la maestria dei quattro tedeschi, sempre lontani dagli schemi standard, dai riff scontati e da tutto ciò che suona vecchio.

Da notare l'estrema qualità dei nostri componenti della Super Band; ogni loro "Performance" è a dir poco superlativa; l'evoluzione della loro musica calcata dalla maturazione degli artisti è indubbia.

L'album è completo, ricco di modernizzazioni, dai testi intelligenti e quindi mai banali.

La Band guidata da Mille Petrozza, nel corso degli anni ha sperimentato, a differenza di altri colleghi che intraprendono la carriera con uno stile musicale ben confezionato e che nel corso degli anni difficilmente potrà essere modificato, per scelta e per demeriti qualitativi.

I Kreator scavalcano i pregiudizi e danno vita a questo capolavoro di Thrash classico ma sperimentale e in chiave moderna per quel che riguarda l'originalità.

Gli undici brani sono impressionanti, pieni di potenza e melodia, di sfuriate poderose e precise, di un suono pulito e ben registrato, di un cantato eccellente.

Canzoni memorabili come "Totalietarian Terror", brutale e veloce, o "Fallen Brother", dal ritmo Thrash/groove molto melodico, o come "Death Becomes My Light", il pezzo conclusivo, lunghissimo, veramente molto melodico e classico, "Satan Is Real", altro brano dall'impatto melodico, eccessivo ma piacevole, "Gods Of Violence", forse un po' più sullo stile inizio anni 2000, la spumeggiante "World War Now", spinta da un siluro sonoro, "Hail To The Hordes", molto epica, la incalzante "Lion With Eagle Wings".

Due soli brani sono, a mio avviso, mediocri: "Army Of The Storms" e "Side By Side".

In sintesi "God Of Violence" è un signor album di Thrash Metal; oso dire moderno. I miei complimenti!

 

Tracklist:

01.Apocalypticon

02.World War Now

03.Satan Is Real

04.Totalitarian Terror

05.Gods Of Violence

06.Army Of Storms

07.Hail To The Hordes

08.Lion With Eagle Wings 

09.Fallen Brother

10.Side By Side

11.Death Becomes My Light

 

Kreator is:

Christian Giesler: Bass

Sami Yli-Sirnio: Guitar

Mille Petrozza: Vocals, Guitar

Jurgen Reil: Drums

 

 

Marco Gaio

81/100