18 OTTOBRE 2017

Bands: In Lacrimaes Et Dolor

            The Blessed Hellbrigade

            Aphonic Threnody

            Y'ha-nthlei
Album: Of Poison And Grief
Label: GS Production srl

Con questa recensione torniamo al gennaio 2015, quando l’etichetta russa GS Productions, molto specializzata in split album, pubblica un lavoro che vede all’opera quattro diverse band (tre delle quali italiane) più gli inglesi Aphonic Threnody (seppur, anche in questa ultima band, militino componenti nostrani).
Gli 'In Lacrimaes Et Dolor', ridotti ad una one man band dopo l’esperienza di line-up italo/russa ed un inizio dedito al black, aprono lo split con “Of Poison And Deceit” confermando i buoni semi piantati con il precedente “In Memoriam”:  questa volta, però, il funeral death doom che viene sviscerato si ricolloca in schemi più classici, imparando la lezione di bands come Skepticism e rendendolo abbastanza personale. Ottimo l’uso dell’organo e davvero potente il growl di Francesco Torresi, che si dimostra un performer assai granitico e a tratti devastante. Il maceratese Dany Noctis (master mind che governa il progetto In Lacrimaes Et Dolor,e che si avvale di ottimi performers per la realizzazione dei suoi brani) miscela sapientemente doom ed elementi dark e sinfonici, mettendo a frutto le proprie capacità e confermandosi un autore di rilievo.
“Maudit et Superieur “il secondo brano, dà voce ai novaresi 'The Blessed Hellbrigade', che ci propongono un doom dal sapore epico, meno funereo e con innesti ritmici di matrice black.
M. e Mayhem, due vecchie conoscenze della scena black del norditalia, danno vita ad un brano decisamente intrigante, rendendolo un episodio un po’ scostante rispetto al mood e all’accostamento degli altri brani.
Nonostante questa discontinuità di genere (che però non guasta, ma anzi,rende l’opera un po’ più varia ed intrigante), il duo impressiona positivamente, peccato che il sodalizio tra i due musicisti, cesserà con il nome di The Blessed Hellbrigade nel 2016,lasciandosi dietro una buona dose di songs ben scritte e ben strutturate.
Gli 'Aphonic Threnody' sono sicuramente la band più conosciuta in questo lavoro, oltre ad essere l’unica formazione ‘teoricamente’ non italiana, seppur Roberto (voce) e Marco (batteria) siano i due musicisti perno di gruppi come Urna ed Arcana Coelestia, e seppur il chitarrista Zack (new entry nella formazione) provenga anch’egli dall’Italia. La band, sotto la guida del londinese Riccardo (chitarra e basso) e che si completa dal neo-entrato Juan, tastierista cileno (prima nei Mar De Grises), propone un ottimo doom dalle atmosfere evocative, riproponendo una formula collaudata dopo un grande album come “When Death Comes” (2014). ”Bury Them Deep”, titolo del brano proposto, esplora un versante meno funeral, e mette ben in evidenza la bravura del quintetto, che getta le basi per il successivo “Of Loss and Grief” (Terror From Hell Records,2017). Con “The Tomb’s Penumbra” si chiude questo split; il brano è offerto da 'Y’ha-nthlei', ossia Omrachk (già presente nella band Dyaus, autrice di un raw esoteric black metal da scoltare con cautela) che, divisosi da Sodomaster  (con il quale è nato il progetto) ha continuato l’attività sotto lo stesso brand, ma in situazione solista.
Impegnato in testi ispirati ai racconti di H.P. Lovercraft, Omrachk ci fa ascoltare una traccia di funeral ostico e scarno rispetto ai gruppi precedentemente ascoltati. Spazi limitatissimi alle aperture melodiche e un andamento dall’impatto disturbante ma efficace sono le caratteristiche di questa song, che si pone artisticamente come linea di congiunzione tra l’ottimo esordio: "Vol 1: The Night Opens on the Brink of the Abyss" (sotto la Satanarsa Records, ed ancora in coppia con Sodomaster) e l’ultima uscita: "Vol 2: You Dered Challenge The Great Old Ones. You Will Fall Into The Abyss" (2017, sempre con Satanarsa Records).
La GS Productions si occupa di un’altra uscita di valore, che permette di poter testare i progressi fatti dalle nostre band nostrane: gli In Lacrimaes Et Dolor maturano decisamente, The Blessed Hellbrigade (purtroppo sciolti) lavorano con intelligenza e perizia, e Y’ha-nthlei sfiora alcuni limiti lasciando interpretare le possibili evoluzioni del proprio sound. Ovviamente gli Aphonic Threnody si confermano in stato di grazia, andando a colpire quasi sul sicuro, ma gettando basi per un futuro brillante e sempre in evoluzione.
Insomma, una bella uscita tutta da scoprire!

Tracklist:
1. In Lacrimaes Et Dolor – Of Poison and Deceit
2. The Blessed Hellbrigade – Maudit et Superieur
3. Aphonic Threnody – Bury Them Deep
4. Y’ha-nthlei – The Tomb’s Penumbra

Line-up (di seguito quelle risalenti allo split in questione, per alcune band non sono attuali):
In Lacrimaes Et Dolor
Francesco Torresi – Vocals
Dany Noctis – Keyboards
Mauro Ulag – Bass
Francesco Castricini – Guitars
Alina Lilith – Songwriting

The Blessed Hellbrigade
Mayhem – Drums
M. – Vocals, Guitars, Bass

Aphonic Threnody
Juan – Keyboards, Piano
Zack – Guitars
Marco – Drums
Roberto – Vocals
Riccardo – Guitars, Bass

Y’ha-nthlei
Omrachk Vocals, Guitars,Bass, Drum programming, Effects

 

Aldo Artina
76/100