2 SETTEMBRE 2018

TWO BIRDS ONE STONED sono garage rock blues band di Treviso. Amano introdursi in questo modo:

“Cassa/charlie/cassa/rullo - due uccelli con i fuzz troppo gonfi per poter

volare, dal 2015 Marco e Alberto si fanno strada a spallate in Veneto.

Saltellano tra la melma blues, Detroit 1969 e giù la testa che il garage ha il soffitto basso. Dal primo EP 'Self Titled' a 'CROSS', l'ultimo colpo di coda del 2017 in uscita per Red Eyes Dischi, la storia è sempre quella: chitarre e batteria, ritornelli e sculacciate. Nel frattempo, tutto il pollaio balla il boogie perché il recinto manda le scosse”.

Si dicono influenzati da artisti come Royal Blood, The White Stripes, The

Black Keys, Death From Above 1979, Thee Oh Sees. I nostri ci regalano una registrazione di sette tracce denominata CROSS. A mio avviso i pezzi denotano anche sonorità molto pop e la prima traccia HARD TIMES ne  è la dimostrazione sonora. Mentre la seguente, la title track CROSS, a tratti potrebbe sembrare un classico pop di matrice britannica, un pizzico di aggressività nel finale lo rende apprezzabile. Personalmente avrei citato gli OASIS fra le proprie influenze anche perchè, a mio avviso le assonanze sono molte. Brani come OH FATER, BY MY OWN, scorrono velocemente senza lasciare il segno. La ballata BLUR risulta addirittura a tratti fastidiosa e ripetitiva. L’apice viene raggiunto con ‘BOUT A WOMAN, uno dei brani più apprezzabili. I numerosi concerti che i nostri hanno tenuto dalle loro parti, durante questi ultimi due anni, spero serviranno a donare un maggiore affiatamento a questa band.

Considerando che si sono formati da soli tre anni rimango fiducioso sul loro futuro, alcune buone idee si percepiscono ma momentaneamente risultano un po anonimi. Speriamo giunga presto il momento di ballare il boogie nel pollaio ma senza bisogno di scosse sul recinto. Per il momento sarebbe bene suonare a testa bassa indipendentemente dall’altezza del soffitto. Rivedibili.

 

Pietro Pitale

50/100