7 MARZO 2018

Tracklist:

1 - Veiled of pain

2 - Heartblades

3 - Vile angel

4 - Die again 

5 - The grave of our love(acoustic version)

 

Oggi parliamo di una band molto valida, gli IN VEIN, band greca (di Atene per la precisione) dalle sonorità gothic industrial, con dei chiari riferimenti a band come type o negative, marilyn manson, rammstein, the sisters of mercy… forse è proprio per questo che mi sono piaciuti gia dal primo ascolto). La band nasce nel 2005, da Bloody Valentine e Angel Paul. Nel corso degli anni ha avuto vari cambi di line up. Hanno suonato in tutta Atene, in locali come An club, rainbow, underworld, on stage club, DADA e supportato band come i DEATH IN JUNE! Veniamo al disco… Iniziamo con la prima song, VAILED OF PAIN, che viene introdotta da un bel synth, seguito dal riff portante del pezzo. Successivamente entra la voce…una bella voce corposa, che mi è piaciuta subito, ricordandomi i sisters of mercy, anche nel ritmo della song, bello tirato, 3 minuti e 47 di bella musica! HEART BLADES invece inizia con una drum machine quasi techno, che apre ad un bel pezzo sulla linea del precedente, drum machine presente anche in tutto il brano, che alterna momenti tirati con momenti più rallentati. Anche questo brano promosso a pieni voti! Arriviamo così a VILE ANGEL, anche questo fedele ai precedenti, con  la voce che la fa sempre da padrona, che resta impressa per la sua potenza. Arriviamo così a DIE AGAIN, pezzone che spacca, con il synth che mantiene un riff portante, brano che dà la carica, brano questo più lungo degli altri, che mantiene però la voglia di muoversi a ritmo! Ed eccoci giunti alla fine del disco… ma come? già finito? nooo…peccato! THE GRAVE OF OUR LOVE, gran pezzo di chitarra acustica, accompagnato da un piano e la bellissima voce del cantante di questa grande band. Questo pezzo è completamente diverso dai precedenti, ma è a parer mio, il più bello del disco! Trasmette una sensazione di benessere, mista ad angoscia e tristezza… un pezzo veramente bello, nella sua semplicità… a volte le cose semplici sono le più belle, e questo brano ne è la prova! È veramente stupendo, da riascoltare… In conclusione direi che ci troviamo di fronte ad una band con la B maiuscola…. Penso che un amante del genere gothic/industrial DEVE ascoltare gli IN VEIN. Ritmo che fa venire voglia di muoversi, synth taglienti, chitarre graffianti, ma soprattutto voce possente ed  avvolgente! Forse l’unica cosa che mi ha lascito un po a bocca asciutta è stato il fatto che avrei ascoltato volentieri qualche altro brano…Ma a questa band eccelsa gli si perdona tutto ;)

 

Daniele Hell

80/100