26 GIUGNO 2019

Sacrilege, The Court Of The Insane, recensione, review, Pure Steel Records, Heavy Rock, Bill Beadle, Neil Turnbull, Jeff Rolland, insane voices labirynth official, metal, heavy metal, hard rock

Recensione a cura di V.C.

 

Band: Sacrilege


Titolo: The Court Of The Insane


Genere: Hard Rock- Heavy Metal


Etichetta: Pure Steel Records


Pubblicazione:  2 agosto 2019



 

 

Sito Ufficiale

Pagina Facebook

 

Tracklist:


1. Celestial City


2. Lies


3. The Court Of The Insane


4. Bring Out Your Dead


5. Depression


6. No Bequeath


7. The Prophet


8. Unhinged Mind 


9. I Can Hear The Silence


10. Ride Free


 

Lineup:


Bill Beadle - vocals, rhythm guitars, keyboard


Jeff Rolland - bass


Neil “The Devil Himself” Turnbull - drums


 

 

Vi ricordate dei Sacrilege?  La band dell'album "Gates of Hell" uscito nel 1983, formatasi nei primi anni ottanta, in UK, che dopo aver inciso 6 album, ha rilasciato “Sacrilege Ultimate Collection” in versione deluxe con t-shirt e toppa incluse.
Bene, i Sacrilege tornano alla grande con il nuovo album “The Court Of The Insane”, via Pure Steel Records e che verrà pubblicato il prossimo 2 agosto, ma noi abbiamo l’onore di avere in esclusiva questo fantastico album.
Dopo un silenzio durato 25 anni, i Sacrilege, quelli veri, gli originali, nati precisamente nel 1982, si riaffacciano sul mercato con un album di ottima qualità, sia livello di produzione che di contenuti.
Se amate le sonorità hard’ heavy con profonde tonalità e venature cupe, questo è l’album adatto a voi.
Non si sa come e neppure quando e da chi, i Sacrilege sono sempre stati etichettati come band proveniente dall’importante ondata britannica NWOBHM…bene, il loro sound non è prettamente metal, è un giusto equilibrio tra un hard rock con venature metal, tra la musica di Judas Priest o di Iron Maiden, non hanno nulla a che fare, anzi, diversamente dai due gruppi maestro citati, la band Sacrilege ha a proprio favore il fatto di fondere un heavy hard rock con varie sfumature.
Bill Beadle, Jeff Rolland e Neil Turnbull tornano con la classe che li ha sempre contraddistinti appunto con  
“The Court Of The Insane”, album che racchiude un'atmosfera intensa, a volte cupa, rendendo questo ritorno  potente con un concentrato di massiccio e sano hard rock senza tanti fronzoli ma diretto e ruvido.
"Celestial City" in apertura del disco è già un ottimo biglietto da visita, darkeggiante, chitarre robuste ed una batteria che ben delinea il proprio spazio con impeto ferrigno. Un brano a metà tra un suono crepuscolare e marcatamente metal. Uno dei brani che spaccano in questo loro ritorno.
A seguire troviamo “Lies”, che ha largamente anticipato l’uscita dell’album, lo potete ascoltare a fine recensione, che con il suo hard'n'heavy allusivamente ombroso, riporta alla memoria il sound dei classici Black Sabbath, arrivando ad essere un ottimo pezzo.
I Sacrilege però non si fermano qui, anzi, continuano con la sorprendente "The Court Of The Insane", che da titolo all’album, brano in cui l’intreccio tra la new wave dark anni ’80 e un sound decisamente hard rock, ci regalano un altro pezzo affascinante in cui spicca maggiormente la voce di Bill Beadle, riuscendo ad ogni brano a modulare i toni, interpretando di volta in volta ogni singolo brano. Altro pezzo di spicco in cui è sempre solido il drumming e le linee di basso.
Quest’ultime, ancora più accentuate nel pezzo successivo "Bring Out Your Dead" in cui Jeff Rolland brilla particolarmente, in questo che risulta  un brano ancora una volta vivido nella propria intensità, nuovamente Neil Turnbull da dietro le sua batteria, riesce ad essere sempre convincente e risoluto.
 "Depression", si basa completamente su un livello emotivo, profondamente oscuro e magnetico, brano in cui la voce è carezzevole e più intima, insomma, un pezzo di classe.
Un intro più armonio per la successiva "No Bequeath”, sempre con un’impronta scura, insistente e che riesce a regalare un sound più heavy grazie alla serrata sezione ritmica e alla timbrica vocale del mutevole Mr. Beadle. Insomma, un brano che caratterizzato da uno stile unico.
I Sacrilege riescono a mostrarsi nuovamente eclettici con “The Prophet”, più fragile e raffinato ed elegantemente dal tocco British che riesce a fondere il gothic rock ad un metal cupo.
Atmosfera più metal in "Unhinged Mind" con un sound anni ottanta intrecciato con atmosfere enigmatiche riuscendo a dare un tocco frizzante ed energico con chitarre tuonanti e ritmica potente.
Altro gioiello dei questo album è sicuramente "I Can Hear The Silence", determinato brano brillantemente  denso di un sound massiccio, a sua volta avvolto da un velo nebbioso che, riuscendo a coinvolgere, centra in pieno il sound dei Sacrilege.
Intro rombante per la successiva "Ride Free" che chiude questo bellissimo album, altro pezzo coinvolgente in modalità metal, sferzante e solido.
Grande la batteria di Mr.Turnbull che in realtà eccelle in ogni singolo brano, così come chitarre e basso che non hanno un attimo di indebolimento né tantomeno la voce.
Insomma, un grande ritorno per questa band che avrà il seguito dei fans di vecchia data e sicuramente annoverano nuovi adepti tra i più giovani, proprio per il sound fresco ma con radici ben salde in un heavy rock old school.


 

 

ENGLISH VERSION

 


Do you remembers the Sacrileges?  The band of the album "Gates of Hell" released in 1983, formed in the early eighties, in the UK, which after recording 6 albums, released "Sacrilege Ultimate Collection" in deluxe version with t-shirt and patch included.
Well, Sacrilege returns in great style with the new album "The Court Of The Insane", via Pure Steel Records and which will be released next August 2, but we have the honor of having exclusively this fantastic album.
After a 25-year silence, the real Sacrileges, the originals, born precisely in 1982, reappear on the market with an album of excellent quality, both in terms of production and content.
If you love hard' heavy sounds with deep tonalities and dark veins, this is the album for you.
We don't know how and when and by whom, the Sacrilege have always been labeled as a band coming from the important British wave NWOBHM...well, their sound is not strictly metal, it's the right balance between a hard rock with metal veins, between the music of Judas Priest or Iron Maiden, they have nothing to do, on the contrary, unlike the two master groups mentioned, the Sacrilege band has in its favor the fact of merging a heavy hard rock with various nuances.
Bill Beadle, Jeff Rolland and Neil Turnbull return with the class that has always distinguished them with  
"The Court Of The Insane", an album that encloses an intense, sometimes dark atmosphere, making this return powerful with a concentrate of massive and healthy hard rock without many frills but direct and rough.
"Celestial City" at the beginning of the album is already a great business card, darkening, strong guitars and a drum kit that well outlines its space with iron impetus. A song halfway between a twilight sound and markedly metal. One of the tracks that split in their return.
Then we find "Lies", which has largely anticipated the release of the album, you can listen to it at the end of the review, which with its hard'n'heavy allusively shady, brings to mind the sound of the classic Black Sabbath, coming to be a great track.
But the Sacrileges don't stop there, on the contrary, they continue with the surprising "The Court Of The Insane", which gives the album its title, a track in which the interweaving of the new dark wave of the 80's and a decidedly hard rock sound, give us another fascinating piece in which Bill Beadle's voice stands out more, succeeding in modulating each track's tones, interpreting each single track each time. Another outstanding piece in which the drumming and bass lines are always solid.
The latter, even more accentuated in the next track "Bring Out Your Dead" in which Jeff Rolland shines particularly, in this song that is once again vivid in its intensity, again Neil Turnbull from behind his drums, manages to be convincing and determined.
 "Depression", is completely based on an emotional level, deeply dark and magnetic, a song in which the voice is caressing and more intimate, in short, a piece of class.
A more harmonic intro for the following "No Bequeath", always with a dark, insistent imprint and that manages to give a heavier sound thanks to the tight rhythmic section and the vocal timbre of the changeable Mr. Beadle. In short, a song that is characterized by a unique style.
The Sacrileges are once again eclectic with "The Prophet", more fragile and refined and elegantly with a British touch that manages to blend gothic rock with a dark metal.
A more metal atmosphere in "Unhinged Mind" with an eighties sound interwoven with enigmatic atmospheres succeeding in giving a sparkling and energetic touch with thundering guitars and powerful rhythmic.
Another jewel of this album is definitely "I Can Hear The Silence", a determined track brilliantly dense with a massive sound, in turn wrapped in a foggy veil that, being able to involve, fully centers the sound of the Sacrileges.
A roaring introduction for the next "Ride Free" that closes this beautiful album, another piece involving in metal mode, lashing and solid.
Great the drums of Mr. Turnbull that actually excels in every single track, as well as guitars and bass that have neither a moment of weakening nor the voice.
In short, a great return for this band that will have the following of old fans and certainly include new followers among the youngest, just for the fresh but well-rooted sound in heavy rock old school.