6 NOVEMBRE 2019

Recensione a cura di

Alessia VikingAle

 

Di formazione recente (parliamo del 2018), il progetto Silence Thereafter nasce dall’incontro tra D., MK e R. Nessuno dei tre è alla prima esperienza musicale in quanto ognuno ha fatto o fa ancora parte di altri gruppi del mantovano (Necromutilator, Avoid The Light e Duir, non in ordine). Il percorso musicale propone all’inizio brani depressive black metal, ma le cose prendono poi una direzione diversa, e pian piano il sound del gruppo si evolve in un post-rock con sonorità black metal atmosferico. 

Il 20 luglio di quest’anno esce il loro EP di debutto, Hollow, prima in digitale poi in versione fisica, sia in CD che in musicassetta. 

L’EP si apre con la “Intro”, fatta di sola tastiera, che alle orecchie più nostalgiche ricorda lo stile delle intro dei Thy Light, anche se il mood generale non è depressivo bensì malinconico, aiutato anche dal rumore del temporale in sottofondo.  La prima delle due “vere” tracce dell’EP è “Wings of Misery”. Un triste arpeggio accoglie l’ascoltatore, accompagnato dagli altri strumenti che pian piano si vanno ad affiancare. La canzone non si risparmia in cambi di ritmo e mood repentini, mostrando ora le unghie con furiosi blast beat, ora un ritmo post-rock, ora lunghi passaggi strumentali. Il tutto a vantaggio dell’ascoltatore, che rimane concentrato sulla traccia, impossibilitato ad annoiarsi. Terza ed ultima traccia è “In This World of Lies”. Dopo una mite intro post-rock la musica esplode ruggente sfoderando blast beats e feroci riffs uniti alla voce graffiante. Anche in questa canzone non mancano repentini cambi di ritmo, tra furiosi passaggi e lunghi arpeggi di chitarra, concentrati sul rimanere in un mood malinconico. La musica infine sfuma in fade out lasciando il posto al rumore di un temporale.  Hollow è solo un assaggio delle potenzialità dei Silence Thereafter, che in circa trenta minuti mostrano le proprie capacità senza risparmiarsi. L’EP è un buon lavoro, curato nella composizione e nella produzione, il che lo rende un prodotto adatto a tutti gli amanti di un black metal atmosferico e nostalgico. Non ci rimane che rimanere sintonizzati ed attendere una prossima uscita, magari un full lenght, per ascoltare nuovo materiale e vedere come si sarà evoluto il loro sound. 

 

75/100