Interfacciandomi con il progetto Chroma Drama, il primo pensiero è andato ai Dresden Dolls temendone una sorta di copia, lo ammetto.  Per fortuna il progetto dei quattro foggiani risulta piuttosto diverso e per certi versi più cattivo del celebre precedente, pur trattandosi sempre di cabaret punk. 

Tuttavia,  ciò che si può ascoltare in questo lavoro d'esordio dei Chroma Drama contiene una importante componente garage che rende il suono ruvido, ma non quanto davvero ci si aspetterebbe per rendere questo ep un lavoro d'impatto, che riesca a trascinare l'ascoltatore dalla prima all'ultima nota. I brani risultano indubbiamente ben costruiti, costellati di cambi di ritmo e passaggi spiazzanti. "Sembra tutta una intelligente presa in giro". Questo è quello che mi sono detta dopo il quarto d'ora trascorso ad ascoltare Chroma Drama Ep.

Punta di diamante la voce di Sara Palmieri, sempre varia, graffiante, divertente e adatta al generale clima clownesco dell'ep. Le idee interessanti non mancano di certo (a partire da titoli compositi come Shameando e pensando alla buona capacità compositiva sfoggiata dalla band) e questo lavoro ha tutta l'aria di essere solo un piccolo assaggio di quello che il quartetto potrebbe proporci in seguito, sicuramente una nuova realtà da tenere d'occhio, live e non! Restiamo volentieri sintonizzati in attesa di novità.

 

Karen

75/100