13 GIUGNO 2017

Cream Pie
"No Secrets"
Data di Uscita: 11.03.2017

Tracklist:


01. Downtown Pirates


02. Away From Me


03. Naked


04. Feeling


05. Givin' Up


06. Disasterpiece


07. Friendzoned!


08. It's Gonna Be Alright


09. Fall To Rise Again


10. Monochrome

Lineup:
Rachel O'Neill: Voce

Nikki Dick: Chitarre e  cori 

Phantom: Chitarre e cori

Daryo Cea: Basso  

Kiki: Batteria e cori


Ospiti nei cori di “Fall To Rise Again” e “Downtown Pirates”:
Cloud Shade (Raging Dead)
Leeno Rumo (Dust ‘N’ Flames)
Filippo Alessio (Breakin’ Larsen Theory

I Cream Pie sono tornati con il loro terzo album, "No Secrets", autoprodotto,  registrato e mixato da Matteo Magni ai Magnitude Studio di Seregno (MB), che arriva dopo il mini album precedente “Unsigned 2.0”, del 2013.
 Rilasciato ufficialmente l’1 marzo durante il gig-party presso Rock'n'Roll di Milano.
Chi mi conosce, sa che per me i Cream Pie restano una delle band migliori nell’underground italiano. Underground si, perché nonostante sia un gruppo con tutte le carte in regola, nonostante la professionalità e l’alto livello artistico, il gruppo rimane ancora di nicchia.
Con un sound più maturo, la band propone un tourbillon in cui si rivelano emotività ed in cui la band si mette a nudo.
“No secrets” sperimenta sonorità differenti, a partire dalla scanzonata track d’apertura "Downtown Pirates", brano aggressivo, caratteristicamente glam metal, nel quale compare la classica carica dei Cream Pie accompagnata dal sound sleazy e smaliziato. Il primo singolo estratto di cui è stato realizzato un video, le cui riprese sono state girate durante la tournée in Germania dello scorso anno. Un video divertente che mostra il gruppo sia on stage che nel privato. La seconda traccia, "Away From Me", è un brano invaso da un sound moderno, tutt’altro che elusivo e con un vocalizzo invitante, forse persino estremizzato, che regala una canzone molto affascinante. "Naked" segue le sonorità del pezzo precedente ma con sfumature più glam ed un suono diverso dalle classiche canzoni a cui i Cream Pie ci hanno sempre abituato. In "Feeling", ci si ritrova in una toccante ballad, un brano intimo ed introverso. Con "Givin' Up" si torna al loro glam metal e hard rock, un brano veramente azzeccato col quale la band segna un altro centro. Molto più inondata da un sound moderno e senza fronzoli, la traccia "Disasterpiece", un brano decisamente più deciso ed efficacemente ben realizzato. Spensierata la track "Friendzoned!", che restituisce alla band quell’aria divertente, proponendo un punk rock accattivante e che strizza l’occhio a sonorità più leggere, fermo restando che si continua a parlare di hard rock.
 Il penultimo brano, "Fall To Rise Again", è aperto dalla bravissima Kiki che ‘maltratta’ la batteria quanto basta per rendere la traccia metal e, ovviamente, glam.
A chiudere questo album, già di per sé molto bello, il brano "Monochrome", uno dei miei preferiti di tutto l’album, che propone quell’atmosfera dark ed intimista che consolida l’ottimo lavoro proposto, regalando un’aria seria, un lato dei Cream Pie acutamente serio ed enfatico, rendendo questa traccia uno dei pezzi migliori che mi rimandano alla corrente dark che seguivo da ragazzina negli anni ottanta. 
In definitiva, “No Secrets” vanta una buona produzione per essere un album autoprodotto, il che è di rilievo, inoltre, devo ammettere che fin dal primo ascolto questo disco mi ha sia sorpresa che rapita. Non mi aspettavo un album di così alto contenuto serio nelle tematiche ed un cambio di musicalità, complimenti a questa band che sa rivalutarsi ogni volta, che nonostante un album maturo, sia sempre pronta a sdoganare del sano glam, per chi, come me, li segue dai loro esordi. 
I Cream Pie sono promossi e a noi non resta che goderceli da sotto ad un palco.


 

Valeria Campagnale

90/100