She Was Nothing, band milanese, torna dopo l’album di debutto "Dancing Through Shadows", del 2011, con una nuova formazione ed un suono differente. Un cambio direzionale di stile per “Reboot”, album uscito nel mese di marzo 2017  per l’etichetta discografica MYO Agency. La band ha accantonato il sound metal per abbracciare quello rock elettronico guidato da drum and bass e a volte synthpop.

L’album è stato prodotto dal gruppo stesso e mixato da Alessandro Bavo che aveva già lavorato per Subsonica, Punkreas, Levante e Velvet, mentre il mastering da Eleven Studio di Andrea De Bernardi.

L’album contiene dodici brani, “Before It’s Too Late pt. I” apre questo disco, una track di rock elettronico, forse un po’ pop e tutto sommato molto piacevole.

“Can’t Stop These Things”, tastiere e batteria assillante (nel senso buono) che ci accompagna per l’intera durata del brano che ha catturato la mia attenzione per la sua matrice darkwave in pieno stile anni ottanta rivisitato, una canzone che racconta un amore tormentato: “Now I understand, I'm just lying to myself. It's hard to find the strength to say goodbye”. (Ora capisco, sto solo mentendo a me stesso. È difficile trovare la forza per dire addio).

“The Hunt” invece è l’unico pezzo un po’ apatico che nel mezzo dell’album si perde un po’ mentre molto interessante risulta il brano successivo “Diggin Under Your Skin” nella sua complessità musicale.

“Man Vs. Beast”, il singolo che ha anticipato l’uscita dell’album, suona invece elettronico che lascia poi il passo alla delicata canzone suggestiva “Brick After Brick” e alla seconda parte di “Before It’s Too Late”. A seguire, i brani “Back To Sleep”, “Another Day, Another Way”, “Cocoon”, un brano dalla melodia molto vellutata che ci accompagna alla traccia finale “Reboot”, brano interamente strumentale.

Cori e brani veloci si intrecciano a sintetizzatori e sonorità profonde che regalano all’ascoltatore un’atmosfera varia con i vocalizzi di Claudio Lobuono che plasma il suo strumento a seconda delle melodie che si susseguono.

Un bell’album “Reboot”, multiforme fatto sostanzialmente di richiami rock, misti a synth e dark, un percorso musicale fatto di snodi ed alternativo che piacerà a chi ama esplorare differenti stili e nuova vita, nonché vitalità, per  i She Was Nothing che si mettono a confronto con il vasto mercato musicale, proponendo un prodotto differente a quello precedente mettendosi in gioco per una nuova avventura. Aspettiamo di vederli in azione dal vivo.

 

Band: She Was Nothing


Titolo: Reboot


Pubblicazione: 1 marzo 2017


Genere: Rock/Electronic/Drum'n'bass


Etichetta: MYO Agency

Tracklist:

01.Before It's Too Late - Pt. I

02.Can't Stop These Things

03.The Hunt

04.Digging Under Your Skin

05.Man VS Beast

06.Brick After Brick

07.Before It's Too Late - Pt. II

08.Back to Sleep

09.B.S.O.D.

10.Another Day, Another Way

11.Cocoon

12.Reboot

 

 

Valeria Campagnale

80/100